in

Morto Aldo Brovarone: stilista chiave nella storia di Pininfarina

FOTOGRAFIE: PININFARINA / FERRARI / LA ESCUDERÍA

Con la morte di Aldo Brovarone si è perso uno dei grandi designer italiani. Anche se non stiamo parlando di Sergio Pininfarina o Giorgetto Giugaro, La verità è che senza le matite di questo piemontese non si può capire l'evoluzione dello stile automobilistico italiano. Un'icona del design responsabile dell'auto chiave come la Dino 206GT o la Peugeot 504. Ma soprattutto un'infinità di prototipi essenziali per l'evoluzione di Pininfarina. Non a caso Brovarone ha trascorso 36 anni con il marchio, molti dei quali come capo designer.

Infatti, dando uno sguardo alle sue creazioni, ci accorgiamo che sintetizzano molto bene l'evoluzione del design automobilistico in Italia. Ad esempio; i suoi primi lavori ricordano molto culturisti leggendari come Vignale con la Ferrari 212. Qualcosa che vediamo in Cisitalia Tipo 33, forse il suo primo progetto importante. Tuttavia, Aldo Brovarone stava creando il suo stile dove un gusto aerodinamico si riflette con linee lunghe e fluide. Proprio come il Ferrari 365 GT 2 + 2 coda lunga.

Un'evoluzione che negli anni settanta si è adattata al gusto per la linea retta adottato dopo il rivoluzione di "Disegno a cuneo". Il risultato sono prototipi così interessanti come l'Alfa Romeo Eagle o la Peugeot 104ZS. Entrambi lanciati dopo essere saliti con chi, senza dubbio, è i suoi due design più importanti: quelli della Dino Berlinetta Speciale e della Peugeot 504 Coupé. Per tutti questi motivi, la scomparsa di Aldo Brovarone il 12 ottobre all'età di 94 anni è la fine di una carriera che ha disegnato alcuni dei corpi essenziali nella storia del motorsport.

ALDO BROVARONE. ESSENZIALE PER COMPRENDERE FERRARI

Nonostante le difficoltà della seconda guerra mondiale abbiano reso un giovane Aldo Brovarone dovette dedicarsi alla progettazione di frigoriferiFortunatamente, il nostro protagonista è entrato nell'industria automobilistica alla fine degli anni 'XNUMX. Lo ha fatto in un modo strano per un italiano, dal momento che il suo primo lavoro come bodybuilder è stato presso AUTOAR (Argentine Automotive). Tuttavia, questa azienda è stata la fondazione di Piero Dusio, Direttore di Cisitalia, che rivendicava il ritorno di Brovarone a Torino da Buenos Aires.

Già nel suo paese, ha firmato progetti come il Cisitalia 33DF Volaradente. Una meraviglia che ha aperto le porte di Pininfarina nel 1952. Inizia qui il migliore e più vasto capitolo professionale di Aldo Brovarone. Lavorando come assistente di Francesco Salomone e Franco Martinengo, la sua mano ha partecipato a progetti storici come la Ferrari 250 LM o la Maserati A6 GCS. Ad ogni modo, i suoi momenti migliori sono arrivati ​​quando Pininfarina gli ha affidato la creazione di modelli unici. Nasce così la Ferrari 375 MM "Ingrid Bergman"o Alfa Romeo 6C 3000CM Superflow di 1960.

aldo brovarone
Alfa Romeo Superflow. strizza l'occhio all'america

Un Alpha di base per capire l'evoluzione di… Ferrari! Dal momento che questo prototipo ha impostato le linee dei futuri cavalli molto stilizzati. Tutte pensate appositamente per il mercato americano, come le Ferrari 500 Superfast, 400 Superamerica e 365 GT 2+2.

aldo brovarone
Ferrari 500 chiaramente ispirata all'Alfa Superflow

Qualcosa di molto importante nella storia della Ferrari, anche se non così importante come la presentazione nel 1965 della Dino Berlinetta Speciale. Il prototipo che ha segnato i contorni della futura 206GT. Una vera rivoluzione per la casa di Maranello, che con Dino ha voluto lanciare una private label che, finalmente, ha finito per ispirare le sue 308, 328, 348, F355, 360 Modena… L'intera saga del V8.

aldo brovarone
Dino Berlinetta Speciale

DALLA CURVA AL DIRITTO. ALDO BROVARONE NEGLI ANNI SETTANT

Le linee della Dino 206GT non potrebbero essere più sinuose e fluide. Un prodigio quasi sensuale che si è consolidato nel tempo. L'esempio migliore è che oggi è una delle creazioni di Maranello più apprezzate, mentre negli anni Sessanta nasce come marchio sussidiario poiché Enzo Ferrari non si degnò di mettere il suo stemma su un modesto sei cilindri.

aldo brovarone
Concorso Ferrari Dino Berlinetta

Per noi, questo è il disegno più importante di Aldo BrovaroneOltre ad essere uno degli ultimi in cui le curve muscolose degli anni Sessanta hanno prevalso sui rettilinei che hanno definito il design negli anni Settanta.

In tal senso, l'auto che meglio rappresenta questa idea di rettitudine anni settanta è la Lancia Gamma Coupé. Un perfetto esempio dell'identità del marchio, che unisce l'eleganza all'audacia tecnologica, qui rappresentata da un curioso motore boxer a quattro cilindri.

aldo brovarone
Lancia Gamma Coupé

Un altro dei disegni in cui Aldo Brovarone ha registrato la sua concezione dei corpi geometrici, raggiungendo in questo modo il punto più alto, è stato il suo eccentrico Peugeot 104 Z. Una piccola barchetta dall'aspetto molto originale; un vero esercizio di design dopo l'enorme successo di un'altra Peugeot.

aldo brovarone
Peugeot 104 ZS1974

E, oltre alla sua spettacolare Ferrari, Aldo Brovanore è anche responsabile del Peugeot 504 Coupé. Una bellezza assoluta che, fino ad oggi, rimane probabilmente l'auto visivamente più seducente nell'intera storia del marchio (con il permesso della 406 Coupé).

Un altro traguardo disponibile solo per geni del design come il nostro protagonista, che, ancora anziano e già in pensione da Pininfarina, ha continuato a collaborare con Stola nella personalizzazione di diversi veicoli. Insomma, i geni sono così: dalla culla alla tomba.

P.S: Brovarone, inoltre, faceva parte del team di progettazione della Ferrari F40. Infatti, il design del suo inconfondibile spoiler è tuo. Ebbene, e se ciò non bastasse, va detto che la McLaren F1 si basa su un suo design.

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci