in

La disintegrazione di Fabian Oefner

La Galleria MAD, Situato a Ginevra, ospita dal 27 novembre al maggio 2014 una serie di fotografie di automobili dell'artista svizzero Fabian Oefner. Si è fatto una reputazione fondendo i campi dell'arte e della scienza, creando immagini che raggiungono sia il cuore che il cervello. Così, negli ultimi anni, si è dedicato a catturare momenti della vita che sono invisibili all'occhio umano, come onde sonore, forze centripete, iridescenze o ferrofluidi magnetici, tra gli altri.

Ora, la nuova mostra include la serie disintegrando y Essere nato. Le tre fotografie della prima sono viste ingrandite di auto sportive classiche, meticolosamente realizzate dall'artista per creare l'illusione della loro esplosione. Partendo dal modellismo che stava smontando, per raggiungere il suo scopo ha immortalato ogni pezzo in una posizione specifica.

Prima di procedere al lavoro di smontaggio, gli svizzeri disegnavano il punto in cui sarebbe andato ogni componente, dal corpo alla vite più piccola. Sebbene non tutti si vedano nelle fotografie, ogni modello in scala contiene più di mille componenti...

Quindi, secondo il suo schizzo iniziale, ha disposto ciascuno dei pezzi con l'aiuto di aghi, filo e altri materiali. Successivamente, ha calcolato l'angolo di ogni scatto e ha stabilito l'illuminazione appropriata per ottenere migliaia di immagini che sarebbero poi state computerizzate in una finale. Il processo è stato documentato, come puoi vedere nel seguente video:

[embed_vimeo id = '80463569 ]
Disintegrazione-03

[su_quote cite = '- F. Oefner'] “Queste sono probabilmente le immagini a velocità più lenta mai catturate. Mi ci sono voluti quasi due mesi per creare una prima fotografia che sembrava catturata in una frazione di secondo. Il solo smontaggio ha richiesto più di un'intera giornata di lavoro per ogni vettura, data la complessità dei modelli. Tuttavia, la parte più difficile è stata preparare la fotocamera e il palco, l'obiettivo e la luce, perché la più grande frustrazione di un fotografo è non riuscire a ottenere una bella immagine di ciò che è stato catturato. "

“Quello che vedi in queste fotografie è un momento che non è mai esistito. Un'auto che esplode è un momento nel tempo che è stato creato artificialmente mettendo insieme centinaia di singole immagini. C'è un piacere unico nel creare quel momento... Congelare un momento nel tempo è stupefacente". [/ su_quote]

Oefner-Hatch

Nacer

Altre tre immagini compongono la seconda serie, Nacer, che esplora il tema della nascita della macchina a seguito del nostro hobby. Traendo ispirazione dalla foto ricorrente di una cova ovipara, Oefner ha costruito un involucro di lattice e gesso attorno alla sua Ferrari 250 GTO in scala, poi l'ha fatta esplodere.

Con l'obiettivo di catturare ogni colpo della conchiglia al suo protetto quando si schiude, l'artista svizzero ha collegato un microfono. Non riesco a immaginare esattamente come, ma il suono registrato è stato responsabile dell'attivazione della fotocamera e dei flash.

Come se fosse un essere vivente, l'auto nasce e, in qualche modo, muore... Senza dubbio, un lavoro da impazzire, no?
 
 

 

IMMAGINI A DIMENSIONE INTERA (CIRCA 2.000 PX.)


 

Vota questa notizia e Commento!

Cosa ne pensi?

giovanna betermi

scritto da giovanna betermi

Johanna Betermi è domenicana con sede a Madrid. Si è laureato in Comunicazione Sociale presso l'Università Cattolica di Santo Domingo, ottenendo successivamente una borsa di studio statale per l'eccellenza accademica che gli ha permesso di studiare il Master in Giornalismo in Televisione... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci