auto sovietiche in miniatura
in

miniature sovietiche? Se esistono

[dropcap] D [/ dropcap] Dalla (fine della) Guerra Fredda, il Modellini sovietici in scala 1/43 Sono stati ricercati con grande interesse dai collezionisti occidentali. Sappiamo che i primi modelli che imitavano i veicoli dell'epoca furono realizzati negli anni '30 in banda stagnata e che i primi modelli, già in scala 1:43, andarono in vendita negli anni '50...

Ma la produzione di massa iniziò nei primi anni '70, con il primo modello considerato il Moskvitch 412, che è andato in vendita nel 1971 e il cui design è una copia del modello dell'azienda francese Dinky. All'epoca, i produttori hanno negato che ciò fosse vero e hanno affermato che, sebbene possedessero un modello Dinky, era stato utilizzato solo come "ispirazione".

Auto in scala di varia qualità

Era strano che il nome del produttore comparisse su scatole o veicoli. Aziende come Tantal, Radon o Agat Erano incaricati di produrli, e tutti avevano in comune le città di origine situate nella regione di Saratov. Quindi, tutte queste miniature sono conosciute come Modelli di Saratov.

In generale la qualità del prodotto è stata sempre molto buona tranne che tra gli anni 75-76 quando, a causa di una grande produzione, veniva verniciato prima che il metallo si raffreddasse poiché non c'era abbastanza spazio per riporlo. Ciò ha provocato la produzione di piccole bolle di vernice.

Inoltre, sebbene il Unione Sovietica ricevuto grandi benefici dalla vendita di veicoli in scala, la loro produzione non è mai stata una priorità per i dirigenti comunisti, il che significava che venivano utilizzati metalli di qualità inferiore, in alcuni casi, soffrendo la cosiddetta peste dello zinco che li distrugge a poco a poco. po.

All'inizio tutte le miniature venivano costruite in fabbrica Tantale, che iniziò la produzione di massa nel 1971. Erano tutte auto sovietiche, in particolare la Lada e la Vaz. A fronte di una forte domanda, nel 1977, gran parte della produzione è stata trasferita nello stabilimento di Radon nella città di Marx, nella stessa regione di Saratov, e con questo cambiamento i problemi di verniciatura e lamiera sono quasi del tutto scomparsi.

I modelli hanno ricevuto nomi diversi come "Auto URSS" o "Zapchastexport", che è apparso nelle scatole ma mai nelle miniature, in cui sarebbe apparso il paese di origine: CCCP (Unione Sovietica).

Crescente domanda di miniature sovietiche

Sebbene i problemi di zinco e vernice siano scomparsi dopo gli anni '80, la qualità delle miniature è diminuita, principalmente a causa del fatto che la produzione stava crescendo nell'interesse dei collezionisti occidentali. Le porte erano un pessimo abbinamento, l'assemblaggio era sciatto e la verniciatura era davvero scadente. Tuttavia, questi modelli erano incredibilmente interessante.

Nel 1994 l'azienda è stata ristrutturata e la produzione è stata mantenuta attraverso due società indipendenti: Agat e Litan. Inizialmente, tutti i modelli erano esattamente gli stessi di quelli prodotti da Radon e Tantal, ma in seguito sono arrivati ​​sul mercato nuovi modelli come il Mosckvitch 2141 Aleko o la Lada 2108 Samara. La qualità dei prodotti è stata ancora una volta molto buona, migliorando notevolmente i livelli di finitura.

Sfortunatamente, nel 2007 Agat fallì. Tuttavia una nuova società, Incotex, ha continuato con la produzione; Si dedicò principalmente allo sviluppo di prodotti elettronici ma acquisì la vecchia fabbrica di Radon che ha ribattezzato come Mossar.

La Cina raccoglie il testimone, tanto per cambiare

Forse a causa del loro esotismo, i modelli sovietici sono stati fonte di ricerca e interesse da parte dei collezionisti. In Spagna è stato molto difficile ottenerli fino a quando Internet è entrato nelle nostre vite: sono arrivati ​​solo con un contagocce e attraverso scambi tra collezionisti.

Al giorno d'oggi, tuttavia, è molto più facile ottenere miniature sovietiche grazie a marchi come IST, appartenente alla società cinese Premium & Collectibles Trading Co. Ltd, che gestisce anche il marchio IXO. Questi hanno una giusta qualità per il loro prezzo e sono diventati molto popolari grazie a editori come Atlas o De Agostini, che li vendono nelle loro collezioni per fascicoli.

Cosa ne pensi?

Mikel Erauzkin

scritto da Mikel Erauzkin

Mikel Erauzkin è uno dei nostri collaboratori del nord ...

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.6kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci