mercedes pagoda 250 sl w113 video
in

Mercedes Pagoda: in video

VIDEO: GESTIONE MOTORE Y KUKFILMS / TESTO E FOTO: JAVIER ROMAGOSA

Cosa ti abbiamo portato oggi? Si tratta di un Mercedes 250 SL, una delle SL di seconda generazione conosciuta come Pagoda dalla forma del suo tetto duro. Il Società di noleggio di Madrid STS, che ha una flotta di classici a cui già lanceremo il guente. All'inizio degli anni '60, la Mercedes voleva unire le due linee di prodotti sportivi degli anni '50, corrispondenti alla 300SL e alla 190SL., in un unico prodotto, e così nacque questa bellezza, sponsorizzata dai migliori ingegneri e designer tedeschi di il suo tempo. .

Il fantastico design che vedi sullo schermo è opera di Paolo Bracca, che non ha bisogno di presentazioni, ma anche da Friedrich Geiger, padre del 540K. Sotto la scocca c'è soprattutto l'ingegnere-pilota Rudolf Uhlenhaut, che ha avuto un ruolo fondamentale nella storia delle frecce d'argento degli anni 30 e 50. Altri illustri ingegneri che hanno preso parte allo sviluppo della Pagoda sono stati Fritz Nallinger, introduttore di sospensioni indipendenti e i famosi diesel Mercedes, e Béla Bárenyi, pioniera della sicurezza passiva applicata all'auto.

noleggio auto d'epoca

Mercedes Pagoda: degno successore della 300SL?

Anche con questo pedigree, quando il Pagoda Presentata a Ginevra nel 1963, non era considerata un'auto sportiva ma piuttosto una decappottabile GT lussuosa e piuttosto bella. Con cambio automatico o servosterzo, tra le altre opzioni più tipiche di un'auto con connotazioni sportive ma non di una vettura sportiva in sostanza, aveva strenui detrattori in quegli appassionati che si aspettavano una nuova ala di gabbiano invece di una 190 SL motorizzata.

effettivamente bevi da entrambi, combinando il leggendario artiglio e la tecnologia del primo con il comfort del secondo. E come ho potuto vedere dopo aver trascorso quasi 1,000 chilometri al volante, e almeno per quanto ne so, è un'auto sportiva a tutti gli effetti. Come spesso si dice, possiamo intendere l'acronimo SL come Sport leggero come Super lussuoso e in questo caso entrambe le cose sono combinate al 50/5.

percorsi strade auto d'epoca
Sulla strada, la Pagoda si sente grande, bassa, pesante e potente

Una Mercedes SL balanced equilibrata e versatile

La nuova generazione di Mercedes SL doveva anche e soprattutto essere più civile e prevedibile. Per fare ciò, la casa di Stoccarda si è concentrata sul miglioramento dell'asse posteriore. il tallone d'Achille delle ali di Gaviota, che lo rendeva nervoso e sovrasterzante.

Il risultato è quello che ho guidato io, un'auto nobile ed estremamente neutra, la cui architettura non favorisce né il sovrasterzo né il sottosterzo. Sembra corto, grande, potente e pesante, ma se non sei brusco o forza trasferimenti di peso radicali, può essere molto veloce. Ci vuole un pilota esperto per spingerlo al limite, e nell'uso autostradale c'è un ampio margine di sicurezza, anche se siamo all'oscuro delle curve. In compenso frena molto bene. Decisamente, ha un ottimo telaio, molto ben bilanciato.

percorsi strade auto d'epoca
La 250SL è una bellissima GT sportiva tedesca

La Pagoda Mercedes in movimento

Una volta entrato in possesso di un indirizzo un po' impreciso e poco comunicativo, con un volante grande come il timone di una nave o di un vecchio taxi, a seconda di come lo guardi, la Pagoda va esattamente dove dici con sorprendente stabilità. Tieni bene il volante e balla con esso; con grazia, delicatezza, decisione, e vedrai come tirerai fuori ciò che conserva del suo illustre antenato. Questa non è una 190SL paffuto.

Il suono fa parte del suo fascino. Proviene dal sei cilindri in linea M180 con albero a camme in testa che alimentava le berline di fascia media del marchio, messo a punto per il compito con valvole più grandi, un rapporto di compressione più elevato e l'iniezione meccanica Bosch all'avanguardia. La Pagoda aveva tre motori da 150 a 170 CV, con cilindrate di 2,3, 2,5 e 2,8; questa 250 SL monta la meccanica 2,8 che fornisce la coppia e la potenza che il modello avrebbe dovuto avere fin dal primo momento.

Spinge in tutto l'arco delle rivoluzioni ma il bene arriva quando si attraversano i 4,000. È allora che un suono acuto e imponente rende chiaro su cosa stai cavalcando. In realtà questa melodia, grazie al carattere allegro della meccanica e ad un cambio di marcia relativamente breve, e anche impreciso e con una frizione dura, va detto, è ciò che ci invita continuamente a dare gas e lasciarlo respirare.

Se si vuole semplicemente fare una passeggiata, è anche una delizia, soprattutto seduti sui divani che portano i sedili; sì, è possibile che poi sembri un po' tank, nello stile di alcuni dei suoi rivali dell'epoca ma con più grinta, come nel caso della Citroën DS Chapron o della Lancia Flaminio Cabrio. La prova che questa Mercedes era un po' tra due mondi è che da te guardava anche alla Porsche 356 e all'Alfa Romeo 2600 Spider, ma purtroppo non alla Jaguar E.

Questa Mercedes combina il comfort della 190 SL e la tecnologia e l'artiglio della 300 SL

Una GT sportiva tedesca

La qualità dell'ingegneria e della costruzione è indiscutibile -questa è una Mercedes-, insieme al dettaglio del suo design. Tutto nella Pagoda, tranne l'interruttore della luce o la leva del cambio, che è un po' ritardato, è funzionale e aggiunge anche un tocco di stile. Ogni elemento esiste proprio su: le linee rette, le curve, le cromature, il vero legno, i colori… Design francese ma quasi italiano, senza tempo, insieme all'ingegneria tedesca. Una combinazione vincente.

In altre parole, sebbene la guida sia fisicamente impegnativa, soprattutto quando si tratta di ottenere il massimo da essa, la Mercedes Pagoda ha quasi tutto: Qualità, carattere, attrattiva, maniere, potenza, comfort, affidabilità... È una GT sportiva tedesca a tutti gli effetti.

Vuoi di più? Leggi la cronaca del percorso che abbiamo fatto con questa cabriolet cliccando qui

Cosa ne pensi?

Javier Romagosa

scritto da Javier Romagosa

Mi chiamo Javier Romagosa. Mio padre è sempre stato appassionato di veicoli storici e io ho ereditato il suo hobby, crescendo tra auto e moto d'epoca. Ho studiato giornalismo e continuo a farlo perché voglio diventare professore universitario e cambiare il mondo... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.6kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci