Mercedes-Benz 630K
in

SorpresoSorpreso Mi piaceMi piace Ma cosa??Ma cosa?? IncazzatoIncazzato

Mercedes-Benz 630K. Dopo 92 anni in Spagna, sarà messo all'asta a Londra

A metà degli anni '630 Ferdinand Porsche aveva già un vasto background ingegneristico. Motivo per cui è stato ingaggiato da Daimler per la progettazione di nuovi motori. Quindi le cose, il suo nuovo sei in linea era la persona incaricata di spingere la Mercedes-Benz 92K. Uno dei modelli più interessanti del marchio in quel momento, di cui un'unità è stata conservata per XNUMX anni nelle mani della stessa famiglia spagnola.

Che di solito non si sia profeta nella propria terra sembra essere una costante nella storia. Fatto a cui Paul Daimler non sfuggì nel 1922. Capo progettista dell'azienda che porta il suo cognome, perché l'ha fondata suo padre. Tuttavia, le loro continue divergenze di opinione con il consiglio di amministrazione del marchio su come dovrebbero essere le nuove meccaniche hanno concluso la loro partenza da Daimler per sbarcare in Horch. Luogo in cui riuscì finalmente a realizzare il suo progetto per un motore a 8 cilindri, spingendo Ferdinand Porsche a riempire il suo buco nell'aprile 1923.

Un ingegnere che, anche in assenza di anni per il suo famoso Kdf-Wagen, era già emerso con progetti così interessanti come la Lohner-Porsche. Il veicolo elettrico che in versione di serie finì per essere un ibrido ben 123 anni fa. Tuttavia, la sua progressione lo ha anche portato a lavorare per Austro-Daimler, progettando il modello da corsa di successo. Sascha nel 1922. Un quattro cilindri da 1089 cc capace di vincere la Targa-Florio nella sua categoria. impresa che ha dato alla Porsche una fama che lo ha portato a farsi firmare dalla tedesca Daimler, essendo responsabile di alcune delle Mercedes più affascinanti degli anni 'XNUMX.

In tal senso, nel 1924 la sempre più stretta collaborazione tra Daimler e Benz lo portò a firmare la Mercedes 24/100/140. Un nuovo modello di fascia alta che dopo la fusione formale di entrambi i marchi nel 1926 ha cambiato nome in Mercedes-Benz 630K. Indubbiamente uno dei modelli più prolifici per il marchio in quel momento, essendo offerto in una moltitudine di varianti realizzate sia da allestitori privati ​​che dalla stessa Mercedes. Proprio il caso dell'unità che Sarà messo all'asta il 6 novembre a Londra da RM Sotheby's. Che ha anche la particolarità di essere in mano alla stessa famiglia dal 1929.

MERCEDES-BENZ 630K TOURER. UNITÀ IN CONDIZIONI ORIGINALI

Sebbene la Mercedes-Benz 630K sia nata con la premessa di essere un'auto da viaggio confortevole, le sue prestazioni hanno rapidamente catturato l'attenzione dei conducenti dilettanti. E non è per meno. Dal momento che il suo motore a sei cilindri in linea da 6240 cc era in grado di arrivare fino a 140 CV grazie alla sovralimentazione. Potenza più che significativa per questo dispositivo con albero a camme in testa e blocco fuso in lega leggera. L'idea di Ferdinand Porsche che ha spinto la 630K fino alla sua liquidazione nel 1929 lasciando dietro di sé una produzione di quasi 1300 unità. Se ne contano circa 260 con telaio a passo corto da competizione.

Caso che non è la Mercedes-Benz 630K con numero di telaio 60896, che ha una distanza totale di 5 metri con passo 2. Tutta un'ammiraglia che veniva pubblicizzata con due panche di sedili rispettivamente per due e tre passeggeri. Questa cifra è salita a un totale di sette grazie a due posti aggiuntivi situati nella zona posteriore. Il tutto ricoperto da un'enorme capote in tela progettata per superare i 2430 chili di questo veicolo frenato da dischi a tamburo meccanico.

Un'unità in cui, secondo il rapporto firmato nel 2015 dal Laboratorio di catalogazione ufficiale dei veicoli storici della Comunità di Madrid, rimane nelle sue condizioni originali. Infatti, anche se non è strettamente originalel il suo cofano è così vecchio che può essere considerato un ricambio vintage. Inoltre, per quanto riguarda lo stato della vernice e della tappezzeria, presentano un'usura moderata. Certo, così naturale e rispettoso rispetto allo stato in cui ha lasciato la fabbrica che oggi sembra un'interessante patina.

M 31637. UNITÀ SPAGNOLA SEMPRE NELLE MANI DELLA STESSA FAMIGLIA

Quando torniamo indietro nel tempo di quasi un secolo esaminando la storia di qualsiasi modello, è costante imbattersi in due fatti. La prima è che la maggior parte delle unità non esiste più, molte delle quali sono state demolite o semplicemente scomparse. Il secondo è che quelli esistenti sono passati di mano più volte, rendendo difficile tenere traccia di ciò che è o non viene ripristinato. Qualcosa che in questa unità non è un problema, dal momento che è sempre rimasta nelle mani della stessa famiglia dal 1929. In particolare da quando è stato registrato a Madrid il 16 marzo di quell'anno. Passando per almeno quattro proprietari della stessa saga legata al quartiere Retiro di Madrid e alla cittadina soria di Vinuesa.

Luogo in cui l'auto è stata immatricolata tra il 1937 e il 1973. Essendo esistiti tra alcuni appassionati di veicoli anteguerra il la voce del custode di questa Mercedes-Benz 630K in quel paesino adiacente a La Rioja. Comunque sia, la verità è che l'ultima generazione di proprietari ha accompagnato questa Mercedes degli anni 'XNUMX a vari incontri internazionali come i Classic Days nella periferia di Düsseldorf. Un concorso esclusivo con solo trenta veicoli nella selezione finale.

Ambiente in cui questa Mercedes-Benz 630K ha visto di nuovo la luce dopo anni di scarso utilizzo fino alla sua imminente asta dopo 92 anni nelle mani della stessa famiglia. Indubbiamente una stranezza che ha permesso di conservarlo nelle sue condizioni originali. Motivo per cui sarà uno dei modelli più eclatanti tra tutti quelli che si vedranno il 6 novembre al Royal Automobile Club di Londra. Spazio in cui si terrà la tipica asta annuale che accompagna la rotta Londra-Brighton. Saremo attenti alla destinazione di questa unità così strettamente legata al patrimonio automobilistico nazionale.

Fotografia: RM Sotheby's

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci