300 sl
in

SorpresoSorpreso Mi piaceMi piace

Mercedes 300 SLS Sport Superleggera. 400 chili in meno e più potenza per vincere in America

Nonostante la Mercedes 300 SL sia una delle migliori auto sportive di tutti i tempi, il suo destino non è mai stato quello di distinguersi nel campo delle competizioni. Tuttavia, la stessa Mercedes ha costruito due unità progettate da zero per le corse con Paul O'Shea come pilota che doveva guidarle al successo. In questo senso, le due 300 Super Light Sport erano le varianti più estreme del modello, con un peso ridotto di quasi 400 chili.

Quando la Mercedes 1954 SL fu introdotta nel 300, aveva l'ambizione di diventare una delle migliori automobili della storia. Qualcosa che senza dubbio ha ottenuto. Non tanto per il design accattivante delle sue versioni Gullwing quanto per il motore M198 con iniezione di carburante. Il primo ad applicare questa soluzione per l'aviazione militare al campo degli sport motoristici, raggiungendo un grado di efficacia tale da collocare il modello tra le migliori auto sportive del momento. Quindi, la cosa curiosa è che il suo ruolo nelle gare non era più visibile.

Un fatto che si spiega con il carattere aristocratico del marchio in quei tempi. Che non rinunciò al suo programma di gare, ma con la 300 SL decise di rivolgersi a una clientela che, forse, decideva di iscrivere saltuariamente il veicolo a una gara. così questo modello trasuda dettagli che lo allontanano dal carattere spartano delle grandi auto da corsa del momento. Dal momento che la sua nicchia commerciale non era quella dei "Autisti gentiluomini" o piloti privati ​​ma quella di ricchi uomini d'affari desiderosi di un'auto ad alte prestazioni per la vita di tutti i giorni.

Tuttavia, la stessa Mercedes ha offerto supporto ufficiale ad alcuni piloti disposti a competere con la 300 SL. Uno di loro era l'americano Paul O'Shea. Un assiduo frequentatore di gare di durata come la 12 Ore di Sebring, che ha gareggiato per vari team prestando sempre grande attenzione alle unità da corsa di Mercedes. Per questo nel 1957 fu protagonista della creazione di un modello molto particolare: la Mercedes 300 SLS. Il miglior accompagnamento pubblicitario per l'apparizione commerciale del modello 300 SL decappottabile negli Stati Uniti.

MERCEDES 300 SL. UN'AUTO REALIZZATA PER PAUL O'SHEA

Paul O'Shea non ha fatto apparizioni stellari nelle gare di durata sulla scena europea. Tuttavia, negli Stati Uniti fu un vero asso della guida negli anni 'XNUMX. Così tanto da nel 1955, 1956 e 1957 è stato insignito del US Sports Car Championship. Il titolo con cui la stampa specializzata ha incoronato colui che, secondo la giuria specializzata, era stato il pilota più in vista del panorama nazionale. Inoltre, Paul O'Shea era così ben collegato che si è sempre distinto per la qualità delle sue montature. Qualcosa che si vede nelle auto che ha corso nella 12 Ore di Sebring.

Un elenco che inizia con una Posche 550 del team Max Hoffman. Ma questo continua con la Ferrari 250 GT LWB della NART e la 250 TR dell'Auto Club Nazionale Messicano guidate dal mitico e sfortunato Pedro Rodríguez de la Vega. Tuttavia, questi modelli non sono così specifici come il Corvette SR-2 da guidare nell'edizione del 1957. La prima Corvette costruita da zero per le corse. Forse la creazione più esclusiva di Harley Earl, ma oggi molto più conosciuta del due Mercedes 300 SLS esportate dalla Germania dalla casa ufficiale.

Leggermente potenziata ed estremamente alleggerita, la Mercedes 300 SLS rappresenta quella che è forse la versione più strana e competitiva del modello. Una variante nata appositamente per le competizioni, focalizzata sulle corse nordamericane per accompagnare il lancio della 300 SL Roadster del 1957. Il modello richiesto dall'importatore Max Hoffman. Chi mostrando il suo buon fiuto per le vendite ha rilevato la domanda che negli Stati Uniti avrebbe una versione scoperta della 300 SL Gullwing.

MOLTO MENO PESO PER AVERE SUCCESSO IN PISTA

Ben collegato alla famiglia di Stoccarda grazie alla sua relazione con Max Hoffman, Paul O'Shea era un pilota carismatico che Non ha esitato a pubblicare un disco folk con testi sulle corse di auto sportive. Tra cui una cantata ai benefici dell'olio di ricino e una ballata alla memoria di Alfonso de Portago. Cosa c'è di più, la sua abilità speciale nel mettere a punto le sue auto ha fatto sì che Mercedes si fidasse di lui per guidare la 300 SLS. Un progetto nato dalla versione cabriolet della 300SL, essendo la base perfetta per ideare una barca alleggerita al massimo.

In questo senso, gli ingegneri di Stoccarda hanno utilizzato uno dei prototipi roadster per estrarre tutti gli accessori. Scomponendo e rimontando fino a quando non hanno raggiunto ridurre i 400 della 1330 SL Gullwing di quasi 300 chili. Un miglioramento spettacolare, che è stato completato da un aumento di 20CV nel motore in alluminio M198, raggiungendo così i 235CV. Tutto questo ha dato un design elaborato per la 300 SLS -Super Light Sport-, arrivando in poche settimane una seconda unità prodotta da zero. Successivamente, entrambi furono inviati al porto di New York insieme a cinque motori di scorta.

Da lì, le 300 SLS furono trasferite all'autodromo di Lime Park per Paul O'Shea per effettuare i test finali per la stagione 1957. Anno in cui partecipò a 22 eventi di durata. Riuscendo a piazzare la Mercedes 150 SLS come vincitrice nella sua categoria - quella per vetture modificate, non essendo stati assemblati un minimo di 300 unità, non poteva essere omologata in quella delle vetture di serie. Una vettura che fin dall'inizio ha dominato rispetto a Jaguar e Ferrari.

Potendo così fantasticare su cosa sarebbe successo se, proprio quell'anno, la Mercedes non avesse deciso di tagliare il suo programma di gare dopo il disastro avvenuto alla Mille Miglia del 1957. Così, rendendo possibile alla 300 SLS di aver avuto la possibilità di gareggiare a Le Mans o al Nürburgring.

Fotografie: Bonhams / Daimler

PS Purtroppo le due unità della 300 SLS non sono conservate. Pertanto, l'unità illustrata in questo articolo è una replica ultima offerta da Bonhams all'asta tenutasi a Chantilly lo scorso 2017. Costruita in collaborazione con Mercedes nelle officine Zagato su una 300 SL originale.

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.6kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci