mercedes 190e stadtwagen
in

Mercedes Stadtwagen e Schulz 190E 2.6 Città. Pionieri della Mercedes compatta

FOTO: MERCEDES-BENZ / SCHULZ

All'interno delle grandi case automobilistiche, la maggior parte delle gamme è piuttosto ampia. Cioè, sebbene ciascuno dei marchi continui ad avere un'identità definita, la verità è che nello stesso rivenditore puoi trovare da family a compact dotati dello stesso simbolo sulla calandra. In effetti, uno dei marchi che lo dimostra meglio è Mercedes. Indubbiamente tutti abbiamo in mente le grandi berline come segno della casa tedesca, cosa che non è di ostacolo a poter acquistare quelle urbane e industriali coronate dalla stella a tre punte. Tuttavia, ciò che è molto normale oggi non era così quattro decenni fa.

Di questi, Mercedes era ancora un marchio che non è entrato nel campo di altri come Volkswagen. Mentre il primo si occupava delle spaziose berline a quattro porte, il secondo era forte nell'arena compatta grazie alla Golf equilibrata. Una situazione che potrebbe cambiare sorprendentemente grazie al Mercedes 190E Stadtwagen dal 1981. Un progetto compatto che anticipa di quasi due decenni la prima immersione del marchio nel segmento con Classe A 1997. Un urbano che continua ad attirare l'attenzione per il suo design audace che ricorda un minivan.

In ogni caso, La cosa più inaspettata del progetto Mercedes 190E Stadtwagen è che proviene dal rally. Sì, hai letto bene. Una curiosa svolta degli eventi, che deriva dal tentativo di Mercedes di guidare lo sport alla fine degli anni 70. Per fare questo, volevano dotarsi di una piccola Mercedes compatta da poter omologare per la competizione. Un'idea che si arenò definitivamente quando, nel 1980, i tedeschi decisero di non investire più nel mondo delle corse su terra. È a questo punto che gli ingegneri Mercedes rimangono con un telaio a passo corto. Determinati a riciclare il progetto, pensano a disegnare un compatto urbano.

mercedes 190e stadtwagen

MERCEDES 190E STADTWAGEN. DAL RALLY ALLA CITTÀ

La verità è che le ragioni della nascita di questa Mercedes compatta sono le più inaspettate. Ed è che, solo di rimbalzo dopo aver provato con l'idea di rally un marchio dedicato alle berline spaziose potrebbe avere in mano un telaio con un passo corto. Perfetto per un'auto sportiva che spazia su percorsi tortuosi, sì, ma anche per montare una compatta urbana. Quello che, in termini di carrozzeria, possiamo chiamare “hatchback". La piattaforma è stata derivata da quella del successo 190 W201, la cosiddetta “baby Benz” che tanto è servita per avvicinare le berline ad un pubblico più giovane e più ampio.

Tagliati pochi centimetri per arrivare a soli due metri con otto pollici di battaglia, il set ha dato un totale di poco meno di quattro metri. Naturalmente, di quello che sarebbe stato uno dei più grandi successi del marchio, questa Mercedes compatta ha preso pochi elementi in più rispetto al telaio su cui sarebbe stato realizzato il ritaglio. Ed è quello, Ideata tra il 1980 e il 1981, la Mercedes 190E Stadtwagen è stata testata parallelamente all'ultima pre-serie della berlina. Ecco perché l'anteriore sembra mancare di una buona finitura, così come l'utilizzo del portellone e delle luci posteriori di modelli nati negli anni Settanta come la W123. Ciò che è identico è il cruscotto, che offre un lusso e un comfort che avrebbero potuto far risaltare questo prototipo rispetto alla Golf.

In effetti, l'idea era quella. Dotata di un motore a quattro cilindri da 2 litri e 122 CV, la Mercedes 190E Stadtwagen doveva essere una compatta con il tocco di distinzione di Mercedes. Qualcosa di simile a quella che era la Lancia Y10 nel 1985 nel segmento A. Offrendo finiture e stile tipici delle gamme superiori delle city car rivolte a un pubblico più ampio. Tuttavia, nonostante sia un'idea interessante sulla carta, questa Mercedes compatta è stata lasciata in fase sperimentale con una singola unità conservata oggi nel museo del marchio. Naturalmente, l'idea non è caduta del tutto nel vuoto. Dal momento che l'allenatore tedesco Schulz ha fatto la sua cosa da un 190 W201.

mercedes 190e stadtwagen

DA 190E STADTWAGEN A 190E 2.6 CITTÀ. VUOI VINCERE IL GOLF GTI

Eberhard Schulz è noto per essere responsabile di veicoli speciali come l'Erator GT o l'Isdera Commendatore. 20 anni segnati da progetti esclusivi di supercar alternati a lavori per Porsche. Senza dubbio, tehi un personaggio degli sport motoristici tedeschi che, nei primi anni '80, ha creato Schulz Tuning in piena febbre di trasformazione del veicolo dopo il successo di Koenig. Tuttavia, lungi dall'andare a lavorare con auto esclusive come base, ha messo gli occhi sulla popolare berlina 190E. Il suo obiettivo? Beh, qualcosa di molto diverso da tremendo 2.5-16 Evolution II del 1990.

Ed è che, invece di migliorare la berlina con il DTM in mente, la sua idea era di competere con la Volkswagen Golf. Per questo ha riprogettato la 190E in una Mercedes compatta compact con qualche volume... Beh, magari non di grande successo ma interessante. In effetti, la parte anteriore della berlina è conservata come nella compatta, rendendo la modifica principale della Schulz 190E 2.6 City la parte posteriore. Cropped, è dotata di un ampio portellone per rifinire le linee in cui sono state eliminate le porte posteriori.

mercedes 190e stadtwagen

Ad ogni modo, i principali vantaggi rispetto alla Golf GTI non risiedevano ovviamente nell'estetica. Piuttosto nelle prestazioni poiché, per superare il motore da 1.8 litri della GTI, la Schulz 190E 2.6 City installato il motore più potente disponibile nella gamma 190. Un 2.6 litri in grado di erogare 160CV. Più che sufficienti per trasformare questa creatura in una Mercedes compatta rabbiosa, sì, realizzata da un piccolo preparatore. Proprio il motivo del suo scarso successo. Ed è che Schulz non era un'azienda per la produzione di massa, ma semplicemente per creare piccole serie di modelli esclusivi. Tuttavia, la Schulz 190E 2.6 City è, anni dopo, un curioso precedente della compatta sportiva che Mercedes vende oggi.

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.6kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci