disegno della copertina di mazda miata
in

Mazda Miata, la decappottabile che venne in mente a un giornalista

Poche auto hanno la particolarità di essere state progettate da un giornalista, e quando si tratta anche della Mazda Miata o della MX5, la decappottabile più venduta della storia, la storia diventa ancora più interessante.

storia Mazda Miata o MX5 iniziò la commercializzazione nel 1989 con l'introduzione sul mercato di una nuova decappottabile a due posti. fari a scomparsa che prese ispirazione dalle grandi roadster inglesi degli anni sessanta come la Lotus Elan o MG B. Come questi La sua disposizione meccanica prevedeva motore anteriore e propulsione posteriore, che insieme ad una carrozzeria molto leggera costituivano una formula dal divertimento assicurato.

Ma prima del suo lancio, questo modello Mazda che sarebbe diventato un’icona era in lavorazione da quasi dieci anni. La persona che ha ideato la produzione dell'auto è stata Bob Hall, un giovane giornalista americano che ha lavorato per la rivista Motor Trend e che aveva trascorso molto tempo in Giappone da adolescente., imparando la lingua, oltre ad essere cresciuto tra le emblematiche auto sportive europee degli anni Sessanta grazie alle auto che suo padre acquistava in quegli anni.

La sua posizione di giornalista gli valse una visita agli uffici Mazda di Hiroshima nell'aprile 1979. Durante uno degli incontri con i dirigenti del marchio Bob Hall ha avuto la fortuna di incontrarlo Kenichi yamamoto, l'allora direttore della ricerca e sviluppo di Mazda. Durante il loro incontro Hall disegnò su una lavagna l'auto dei suoi sogni, aggiungendo piccoli indizi sul suo design.

bob hall mazda mx5 schizzo
Lo schizzo di Bob Hall dell'auto sportiva dei suoi sogni per Mazda.

Bob Hall ha sottolineato quanto sarebbe stato facile per Mazda produrre un veicolo con queste caratteristiche, che potesse condividere anche molti componenti meccanici con altri modelli esistenti come la 323. Dopo l'incontro, l'idea di questa vettura sportiva leggera è nata non se ne parla più, ma c'è stata una cena tra il giornalista e il manager nella quale Hall disse a Yamamoto che un giorno avrebbe dovuto provare a guidare una Triumph Spitfire per vedere quanto fossero divertenti.. Alla fine così accadde e forse fu proprio in quel momento che nacque il progetto che Bob Hall aveva proposto.

1983: PARTE IL PROGETTO OGG

Dopo l'esperienza di guida di Yamamoto con la Spitfire, il team di progettazione Mazda si è messo al lavoro per sviluppare i modelli futuri. Tra questi c'era l'OGG (Vai-Vai offline) quello Cominciò nel novembre 1983 come un progetto molto sperimentale che, se rilasciato, si sarebbe posizionato un gradino sotto la Mazda RX7. che fino ad allora erano le auto sportive di punta dell'azienda.

In questo momento Mazda decide di farlo una battaglia di designer tra i team di ricerca e sviluppo che il marchio aveva in Giappone e negli Stati Uniti. Il dipartimento di Hiroshima fu incaricato di lavorare su una coupé a due posti, motore centrale e trazione posteriore, mentre il progetto di una decappottabile a due posti, motore anteriore e trazione posteriore fu gestito in America.

Il team nordamericano era capitanato dal giapponese Tom Matano e il suo prototipo, per il quale era stato realizzato un modello a grandezza naturale, ottenne l'approvazione da parte della Mazda nel 1984 per continuarne lo sviluppo. Da questa parte La futura vettura continuerà la tradizione delle roadster a due posti molto leggere, ma utilizzerà la tecnologia più moderna e all'avanguardia.

Il passo successivo ha portato il team di Tom Matano nel Regno Unito dove hanno supervisionato la creazione di un nuovo prototipo funzionante presso l'azienda IAD (Design automobilistico internazionale). L'auto era montata sul telaio di una Mazda RX7 di prima generazione e i componenti meccanici provenivano da una Mazda 323, un modello a quel tempo utilizzava ancora la propulsione posteriore.

LE ULTIME ASTE PER UNA LEGGENDARIA CONVERTIBILE

Già nel 1986 Kenichi Yamamoto affermava addirittura che l'auto su cui stavano lavorando emanava l'aura di un veicolo di culto. Per perfezionare il prototipo fino a farlo diventare un'auto di pre-produzione, avevano l'ingegnere Toshihiko Hirai. Il suo compito non era altro che quello di mantenere lo spirito del marchio con il suo motto “Jinba ittai” di cavaliere e cavallo come uno solo nel nuovo modello. Per questi motivi voleva per questa vettura sportiva leggera una distribuzione del peso praticamente perfetta e un baricentro il più basso possibile.

Con il perfezionamento delle qualità dinamiche, il team di progettazione di Hiroshima ha apportato gli ultimi ritocchi estetici all'auto per avvicinarla a un pubblico internazionale, con forme molto moderne che servirebbero da progresso a molte automobili che sarebbe stato presentato negli anni Novanta.

Nonostante avessero tra le mani un veicolo praticamente perfetto, Mazda non era ancora sicura se lanciare la decappottabile sul mercato. I dubbi furono chiariti nella primavera del 1987, quando la vettura, che era già nelle fasi finali di sviluppo, È stato presentato per la prima volta a Los Angeles davanti a un pubblico di 245 persone che lo hanno valutato molto positivamente.

È stato così dato il via libera al lancio della piccola Mazda Miata, per il mercato americano, e della MX5 per il resto del mondo, un veicolo diventato un'icona mondiale e che Ha l'onore di detenere il record di decappottabile più venduta al mondo con oltre un milione di unità prodotte dal 1989 in poi.

Immagini: Mazda, Tom Matano

foto dell'avatar

scritto da Javillac

Questa cosa sulle automobili arriva fin dall'infanzia. Quando gli altri bambini preferivano la bicicletta o la palla, io tenevo le macchinine.
Ricordo ancora come se fosse ieri un giorno in cui una 1500 nera ci sorpassò sulla A2, o la prima volta che vidi parcheggiata per strada una Citroën DS, mi sono sempre piaciuti i paraurti cromati.

In generale, mi piacciono le cose di prima della mia nascita (alcuni dicono che mi sono reincarnato), e in cima a quella lista ci sono le auto, che, insieme alla musica, sono la combinazione ideale per un momento perfetto: guida e un colonna sonora in base all'auto corrispondente.

Per quanto riguarda le auto, mi piacciono le classiche di qualsiasi nazionalità ed epoca, ma il mio punto debole sono le auto americane degli anni '50, con le loro forme e dimensioni esagerate, motivo per cui molti mi conoscono come "Javillac".

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

60.2kFan
2.1kSeguaci
3.4kSeguaci
3.9kSeguaci