mazda miata barchetta
in

SorpresoSorpreso

Mazda Miata Barchetta Monoposto. Un prototipo nato classico

Non va mai bene iniziare un articolo come chi inizia una difesa. Questo ci invita a mettere in dubbio la veridicità di ciò che verrà, a dubitare dell'interesse di ciò che passeremo qualche minuto a leggere. Tuttavia, in questo caso non vi è altro rimedio, poiché la protagonista dell'articolo è un'auto di soli 21 anni. Infatti a questa età possiamo addirittura considerare questa Miata barchetta un classico. Tuttavia, sappiamo tutti che all'interno dei classici ci sono alcune categorie alquanto flessibili.

Il primo è che, a causa della natura speciale della loro concezione, alcune auto non diventano dei classici, ma vengono classificate come tali dal loro aspetto. È il fenomeno di "Classico nato"; un tema giornalistico ricorrente con cui adornare il testo sulla presentazione di non poche Ferrari o Aston Martin. Il secondo può essere visto sulla stampa classica ogni mese, ogni volta che un'auto di produzione attuale viene recensita per il suo chiaro omaggio a questo o quel mito di decenni fa. Motivo per cui non solo pubblicazioni su vari restomod, ma anche quelli che si riferiscono a nuovi modelli tributari delle linee e dei nomi del passato.

Per noi, questa Miata Barchetta del 2000 fa entrambe le cose. Il primo perché la sua concezione di prototipo realizzato per capriccio lo eleva alla categoria del classico contemporaneo. E il secondo perché, nonostante il abbondanza di barchette che stanno spuntando di recente, pochi offrono un tributo di successo agli originali degli anni 'XNUMX come questo. Quindi, non c'è dubbio che, nonostante questa sia una rivista di classici, il 5 Mazda MX2000 Monoposto È un prototipo molto interessante per molti appassionati di auto con la tradizione del tempo.

MIATA BARCHETTA MONOPOSTO. OMAGGIO ALLA VECCHIA SCUOLA

Gran parte della leggenda creata intorno alla Ferrari deriva dal successo delle sue prime auto da corsa. Una lunga serie di automobili artigianali leggere dal telaio tubolare ideate da Aurelio Lampredi, poi vestite da carrozzieri come Touring o Allemano. Venivano chiamati con il numero 166, al quale si aggiungevano vari aggettivi a seconda dell'evoluzione o della carriera a cui erano destinati. Per questo motivo quelle destinate alla Mille Miglia ricevettero il soprannome di Ferrari 166 MM. Forse uno dei cavalieri più premiati e celebrati della storia. E anche responsabile della nascita delle barchette.

Ed è che, mancando il tetto o quasi ogni elemento al di sopra della linea laterale della carrozzeria, queste auto sembravano barche a cielo aperto. Una similitudine nautica pronunciata da Gianni Agnelli quando vide la 166 MM, lasciando un nome così acquatico alla storia quando si parla di auto sportive dove la cosa più eccezionale è la testa del pilota. Sport che erano in maggioranza alla fine degli anni Quaranta, fino ad essere sostituito dal tetto dell'imponente GT in gare come Le Mans negli anni Cinquanta e Sessanta. Tuttavia, la sua estetica è rimasta fissa nell'eredità collettiva come la linea di un tempo eroico nel motorsport classico.

Ecco perché, nel corso dei decenni, marchi come Mazda hanno usato la nostalgia per rivendicare la barchetta. Una strategia logica nel caso dell'azienda giapponese. Fin dalla sua MX5 del 1989 beve direttamente dalla leggerezza e dalle dimensioni ridotte di quelle barchette. Un chiaro omaggio a loro, che è riuscita a essere la decappottabile più venduta di tutti i tempi grazie al suo design eccellente e al suo comportamento allegro. La perfetta fusione tra auto sportive come la 166MM e il principio giapponese del Jinba-ittai, secondo cui cavaliere e sella devono essere una cosa sola.

MONOPOSTO 2000. UNA DELLE MAZDA BARCHETTA

La prima di queste Miata barchetta è stata la M Speedster Concept del 1995. Un primo tentativo che, nato ancora come esemplare isolato, sembra destinato alla produzione in serie grazie a dettagli come il parabrezza, gli archetti di sicurezza e le portiere del modello Serie . Elementi assenti nella radicale Monoposto 2000. Qui il parabrezza è un piccolo finestrino testimoniale, l'arco di sicurezza si alza appena dal sedile di qualche centimetro e le porte diventano quasi inesistenti. Una rischiosa scommessa progettuale senza concessioni all'omologazione, abbastanza simile a quanto fatto recentemente da Ferrari con le sue Monza SP1 e SP2.

Un radicalismo che non è rimasto solo nell'estetica. Dal momento che la Miata Barchetta Monoposto modifica il 1 litri della seconda generazione MX8 a fino a 187CV grazie a un turbocompressore HKS, collettori speciali e uno scarico centrale in acciaio inossidabile. Un vero capriccio che è rimasto fedele al suo ruolo di operazione pubblicitaria nell'ambito di SEMA Las Vegas. Mai andare alla produzione in serie. Qualcosa in cui coincide con i suoi tre successori, anche semplici operazioni di marca presentate in occasione di eventi come la SEMA o la Fiera di Francoforte.

Ultima di queste Miata barchetta sono la MX5 Speedster 2015 e la sua evoluzione EVO Concept 2016. Due creazioni con cui Mazda ha voluto evidenziare la possibilità di personalizzare la sua sportiva più iconica senza perderne l'essenza. Qualcosa che si comprende soprattutto nella logica del mercato nordamericano, dove l'industria delle modifiche è così importante. Tuttavia, e al di là di qualsiasi analisi pratica che possiamo fare, la verità è che la 2000 Mazda Miata barchetta Monoposto è una delle più deliziose creature a cielo aperto degli ultimi decenni.

Fotografie: Mazda

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

49.9kFan
1.6kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci