mazda 787
in

Mi piaceMi piace

Mazda 787B. 30 anni dell'unico motore rotativo vincitore di Le Mans

Il prossimo fine settimana vedremo se la Toyota ripeterà la vittoria a Le Mans dopo tre di fila. Un dominio giapponese che ha fatto il suo primo passo con la vittoria 30 anni fa della Mazda 787B. Lo spettacolare Gruppo C del marchio, che è la sublimazione dei motori rotativi così importante nella sua storia. Diamo uno sguardo alla lunga carriera di due decenni fino a quando il marchio giapponese non ha ottenuto la vittoria nel 1991.

Dopo tre anni consecutivi dominati dal Toyota TS050 ibrida, il prossimo fine settimana torna la 24 Ore di Le Mans. Il momento di sapere se continuerà la leadership giapponese, che ha preso il suo primo colpo 30 anni fa quando Il 23 giugno 1991 una delle due Mazda 787B iscritte alla gara taglia il traguardo vincitrice. Dietro c'erano 4932 km alla media di 205'38 km/h. Un record che non solo l'ha resa la prima vettura asiatica a vincere la prova di resistenza più memorabile del calendario mondiale, ma anche l'unica vettura a motore rotativo fino ad oggi.

Tecnologia applicata da Mazda in un'intera saga di auto sportive e da competizione inaugurata nel 1967 con la Mazda Cosmo Sport. La formula in cui Kenichi yamamoto credeva sin da quando conosceva questo progetto di motore monocilindrico senza pistoni, brevettato in Germania negli anni 'XNUMX dall'ingegnere Felix Wankel. Un tipo di motore dotato di scorrevolezza e affidabilità, ma anche di elevata complessità meccanica ed elevato consumo di olio. Caratteristiche che sono state domate da Mazda per rendere il motore rotativo uno dei suoi tratti distintivi, dimostrando con vittorie come la 787B che questa tecnologia ha un potenziale significativo.

Naturalmente, tutto grazie a una pianificazione metodica e una perseveranza tipiche della disciplina giapponese sul lavoro. Ed è che la vittoria di Mazda a Le Mans 1991 era in fermento dal 1970, quando il suo motore rotativo 10A fece la sua comparsa in gara attraverso la Chevron B16 Mazda del team privato di Yves Deprez. Il primo dei passi verso la creazione del team ufficiale Mazdaspeed, baluardo dal quale conquistare la vittoria a Le Mans. La dimostrazione che, nonostante sia una tecnologia minoritaria, il motore rotativo può essere molto efficace se applicato in auto così ben congegnate come la Mazda 787B.

MOTORI ROTANTI IN MAZDA. UN INIZIO COMPLICATO

Alla fine degli anni 'XNUMX l'industria automobilistica giapponese si stava preparando per l'immediata espansione economica degli anni 'XNUMX. Il momento in cui le case automobilistiche giapponesi avrebbero guadagnato la fiducia per vendere con garanzie al di fuori dei loro confini. Un contesto di progresso tecnologico in cui Mazda ha acquisito il brevetto per il motore rotativo con il supporto dello stesso governo giapponese. Con esso in mano, gli ingegneri sono stati affidati Keninchi yamamoto e Yushio Kono alla guida di un team composto da 180 professionisti.

Tutto questo per implementare il motore rotativo nella gamma Mazda, rendendolo competitivo nel mercato americano grazie alla differenziazione tecnologica. Un progetto che, sulla carta, aveva un buon futuro ma che durante i test presentava seri problemi. Il consumo di benzina era alle stelle. Anche l'olio, contraddistinto dal lubrificazione difficoltosa del rotore triangolare sulle pareti del cilindro. Inoltre, la combustione di così tanti fluidi rendeva le emissioni insostenibili per i livelli richiesti dalle omologazioni di mercato.

Così le cose, le prospettive sono diventate fosche per Mazda. Tuttavia, la tenacia dei suoi ingegneri li ha portati a fare migliaia di ore di test in quasi un decennio. L'unico modo per ottenere una perfetta messa a punto dei motori rotativi, raggiungere entro la metà degli anni sessanta consumi ridotti e un'affidabilità interessante. Inoltre, la combustione è stata migliorata così tanto che le rotative Mazda sono state tra le auto più pulite degli anni 'XNUMX. Tutto questo con un erogazione di potenza regolare e costante. Caratteristiche, insomma, che sono ancora presenti nel marchio, che è stato incoraggiato a portare tutto questo nel mondo delle competizioni.

MAZDA 787B. IL culmine di MAZDA IN GARA

Nel 1969, e nell'ambito del lancio della Como Sport sui mercati internazionali, Mazda ha osato inserire diverse unità del modello nella 24 Ore di Spa. E, sebbene non abbiano vinto, due sono riusciti a dimostrare l'affidabilità prevista nel loro design. Tuttavia, Mazda al momento non era interessata alle corse al punto da creare una squadra ufficialePertanto, la sua presenza nei circuiti si basava sulla fornitura di team privati. Squadre come Yves Deprez, che ha partecipato per la prima volta a un'auto giapponese con motore rotativo alla 24 Ore di Le Mans.

Qualcosa che anni dopo seguì la partecipazione della Mazda Auto Tokyo. Squadra privata con il supporto della casa ufficiale finanziata dalla rete di rivenditori del marchio nella capitale giapponese. Composto da una modesta delegazione di quattro membri, dovendo contare sul supporto dei lavoratori legati a Mazda in Francia per poter adempiere alla logistica necessaria a Le Mans. Una precarietà che rende ancora più preziosa la sua presenza con l'RX-7. Modelli basati su unità stradali che, dal 1983, furono dimenticati con la comparsa di Mazdaspeed.

Dopo aver reso ufficiale del marchio il piccolo team di Tokyo, Mazda è stata coinvolta a tal punto da trasformare le vetture nel tipico prototipo sportivo del Gruppo C. Inoltre, la logistica è aumentata a 120 membri nel 1991. Improvvisamente, Mazda ha preso come una sfida per il marchio posizionare i suoi motori rotativi ai vertici del Campionato Mondiale Endurance, migliorando così i suoi mulini 13B e 13J anno dopo anno. Tuttavia, la vittoria stava resistendo, quindi era necessaria un'arma definitiva. Poi il motore R1991B fece la sua comparsa nel 26.

R26B. IL CUORE ROTANTE DELLA MAZDA 787B

Per ogni appassionato di gare di durata, la Mazda 787B non è solo ricordata per il suo successo a Le Mans. Soprattutto, è a causa del suo suono. Lo spettacolare ululato acuto della tua R26B, l'ingegnosità con quattro rotori da 654 cc ciascuno. Capace di erogare una potenza di 710CV a 9000 giri/min con la sua iniezione periferica e tre candele per rotore. Una meraviglia ingegneristica in grado di trasportare felicemente i soli 839 chili della Mazda 787B. Quasi 200 in meno della media dei rivali che ha affrontato, tra cui la Peugeot 905, la Porsche 962, la Jaguar XJR-12 e persino una Mercedes C11 guidata da Michael Schumacher.

Pertanto, la chiave era sfruttare al meglio il basso consumo di carburante del 787B e l'affidabilità del suo motore. Così, gli ingegneri di pista guidati da Takayoshi Ohashi hanno scelto a priori una strategia rischiosa: andare al massimo fin dall'inizio sfruttando la ridotta necessità della Mazda al momento dell'ingresso ai box. Qualcosa di cui potersi fidare, poiché in fase di progettazione avevano deciso di sacrificare la potenza per ottenere affidabilità e consumi efficienti. Una scelta intelligente, che alla fine ha portato alla vittoria senza particolari problemi per l'unità contraddistinta dal numero 55 e pilotata da Johnny Herbert con Volker Weidler e Bertrand Gachot.

Inoltre, l'altra unità della Mazda 787B è sesta, mentre una 787 che ha gareggiato anche nella precedente edizione di Le Mans è riuscita a finire ottava. Un'impresa storica dei giapponesi e dei loro motori rotativi, che erano così dominanti da spaventare davvero il resto dei marchi. Ecco perché, secondo la maggior parte dei cospiratori, il regolamento è cambiato per il 1992, imponendo un cambio di dislocamento che ha lasciato fuori il 787B. King per un anno a Le Mans, che ora ha 30 anni dalla sua impresa. Indubbiamente, il culmine del Rotary del Gruppo C.

Fotografie: Mazda

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci