Magnum Maya
in

Mi piaceMi piace SorpresoSorpreso

Mayan Magnum, l'auto di un ingegnere scrittore di fantascienza

Progettare un'auto non è un compito facile, ma tutti noi vogliamo essere in grado di progettare la nostra auto perfetta. Dean Ing, un ingegnere aerospaziale, scrittore di fantascienza e professore universitario, negli anni '60, si è sbizzarrito creando il Mayan Magnum a casa sua.

A volte, quando un produttore presenta la sua ultima novità e vediamo quelle forme, quel design che sembra fatto con gli occhi bendati... Qualcuno si è accorto che questa è una merda? È successo a tutti noi qualche volta, abbiamo visto qualcosa che non ci piace, che non si adatta alla nostra idea di qualcosa di estetico che, invece, piace a molte altre persone. Come mai? Beh, non lo sappiamo, ovviamente, perché, come si dice, per assaporare i colori

Progettare un'auto non è un compito facile, ci sono alcuni modelli attuali le cui linee sono almeno controverse, altri con disegni ornati e ingombra di linee, mentre altri offrono pulizia e semplicità nelle loro forme. Devi offrire qualcosa che piace a molte persone, ma allo stesso tempo ed ecco cosa è veramente complicato, Devi rispettare le richieste dei manager, i regolamenti internazionali e, naturalmente, non superare il budget pianificato

ovviamente, sono cose che passano in secondo piano quando ti metti a costruire la tua auto, dovendo anche progettarlo. Non ci sono più manager da convincere, né regolamenti da rispettare e inoltre, non dobbiamo limitarci a un budget specifico poiché tutto viene fuori dalle nostre tasche e non dobbiamo dare spiegazioni a nessuno (almeno se sei single, Certo). Forse è per questo che le auto amatoriali sono così strane e così appariscenti, non si basano su altro che sul proprio gusto e questo a volte ha conseguenze molto curiose. 

E se uno scrittore di fantascienza avesse progettato la sua macchina? E se quello scrittore fosse anche un ingegnere aeronautico? Anzi, può essere qualcosa di veramente strano e sorprendente, magari con soluzioni folli o, al contrario, puntando su cose provate e affidabili. si tratta di una combinazione, fantascienza e ingegneria, che può essere molto promettente, ma anche folle, Giusto? 

Tutto fatto nel garage di casa, da buon tifoso yankee 

Dean Ing, un veterano dell'aeronautica degli Stati Uniti, ingegnere aerospaziale e professore universitario con un dottorato di ricerca in teoria delle comunicazioni, meglio conosciuto per i suoi libri di fantascienza sulla sopravvivenza e orientati alla tecnologia, ha la risposta a queste domande. . O meglio, ha risposto a queste domande negli anni '60 creando la Mayan Magnum, un'auto progettata e prodotta da un ingegnere scrittore di fantascienza. Dean ha goduto della sua creazione per molti anni, fino alla sua morte nel giugno 2020, quando l'auto è passata a meno dei suoi parenti che l'hanno messa all'asta (è apparsa su Road & Track a settembre) ma la riserva non è stata raggiunta e l'auto è stata non è stato venduto. 

L'intera costruzione dell'auto è stata eseguita nel garage di casa, dove Dean ha anche inventato e creato tutti i tipi di cose che ha finito per dare a terzi. Non ha mai registrato nulla o addebitato per loro, il suo obiettivo era quello di godersi il design e la creazione e che in seguito, il resto potesse godersi le sue creazioni. Tutto tranne la sua macchina, la Mayan Magnum, che usava di tanto in tanto, soprattutto per le sfilate di Natale nella sua città adottiva di Ashland, nell'Oregon. 

Guardando attentamente l'auto, ci si rende conto che non sorprende davvero nessuno quando si dice che il suo progettista e anche il suo produttore fosse un ingegnere che si guadagnava da vivere scrivendo storie di fantascienza. Le loro forme sono "molto anni sessanta", ma molto anticonformiste.. Il davanti è lungo, con linee molto lisce ma senza aperture di alcun genere. È anche molto basso, facendo risaltare molto i passaruota nell'aspetto generale della parte anteriore. 

Il soffitto sembra disegnato da Zagato, con due grandi bolle che nascondono i cardini delle porte, due ali di gabbiano che aprono l'ingresso ad una piccola cabina a due posti e dominata dal colore marrone. Un marrone morbido, quasi latte, con sedili senza poggiatesta e dotati di cinture a due punti (in vita, come negli aeroplani), con due cinghie aggiuntive che si agganciano allo schienale e vanno sulle spalle per collegarsi all'altezza della vita. 

Situato nella parte posteriore, tutto è meno ingegnoso, con due semplici luci circolari poste su un gigantesco cofano che si inclina al centro dell'auto. Una volta sollevato, rivela completamente le complessità della zona posteriore e consente persino l'accesso alla cabina poiché non è separato dal motore da alcuna partizione. Lo stesso Ing una volta ha commentato che il design della carrozzeria è stato ispirato dalla Porsche Glöcker, costruita per correre la Mille Miglia del 1954. 

Motore appeso dietro l'asse posteriore, fibra di vetro, legno di balsa, resina epossidica ... 

Tutto quel design sorprendente nasconde alcune cose molto interessanti che sarebbero venute in mente solo a un ingegnere, ma non a chiunque, ma a uno specializzato in aeronautica. Il corpo Mayan Magnum è realizzato in fibra di vetro, un elemento che Dean potrebbe lavorare e modellare nel proprio garage, non come l'acciaio o l'alluminio, sebbene ci siano anche di questi materiali, tra cui titanio, resina epossidica o legno di balsa. 

Detta carrozzeria è montata su a telaio tubolare la cui base proviene da un Maggiolino Volkswagen, mentre le sospensioni sono di Porsche. Non è chiaro quale modello Porsche sia l'origine di quella sospensione, ma vista la data di fabbricazione di questa strana vettura e dato che monta elementi del telaio del Maggiolino, sono sicuramente sospensioni di una Porsche 356. Infatti, è possibile che anche la 356 fosse il modello da cui è stato preso il motore, secondo i dati che si possono trovare, anche se attualmente non monta detto motore. 

Attualmente, il Mayan Magnum equipaggia un isolato dal Chevrolet Corvair, un sei cilindri boxer da 2.296 centimetri cubi e 84 cv, che è appeso dietro le ruote posteriori. Cioè, ha un motore boxer posizionato come nella Porsche 356 e nella Volkswagen, anche se questa volta è di origine yankee. In ogni caso, la storia della Corvair merita un po' di attenzione, visto che il Maggiolino Volkswagen ha parte delle luci della ribalta. 

L'auto è stata restaurata di recente, ma non è stato conservato il colore originale, una tonalità verde che ha lasciato il posto al bianco. Il resto è rimasto originale, come i cerchi lenticolari da 15 pollici o la tappezzeria interna.

Cosa ne pensi?

Javi martin

scritto da Javi martin

Se mi chiedi da dove viene il mio amore per i motori, non saprei rispondere. È sempre stato lì, anche se io sono l'unico della famiglia a cui piace questo mondo. Mio padre ha lavorato come disegnatore in un'azienda metallurgica con molta produzione di componenti per auto, ma non c'è mai stata una passione come me.

Mi piace molto la storia dell'automobile e attualmente sto creando una biblioteca personale dedicata esclusivamente alla storia del motore in Spagna, senza dimenticare le moto che hanno dato tanto servizio nella nostra "vecchia" Spagna. Ho anche una vasta collezione di materiale scansionato.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci