Matra-SIMCA Bagheera
in

Matra Bagheera e Matra Murena; tre è una folla

Attualmente, se diamo uno sguardo al mercato, i coupé sono in via di estinzione. Conta i modelli che sono nel catalogo dei produttori, e non stiamo parlando di auto come l'Audi R8 o simili, queste non sono coupé, sono grandi auto sportive o, come vengono chiamate nel mondo, "supercar". Ci riferiamo ad auto come l'Alfa Romeo GTV, la Peugeot 406 Coupé, la FIAT “Macchina” (la Coupé), la Ford Probe… ora si può accedere solo a questo tipo di auto firmate da marchi “premium” e anche, ai loro tempi sono numerati. 

L'Audi TT, ad esempio, non avrà un sostituto dopo l'attuale generazione, la BMW Serie 2 Coupé non è garantito un futuro promettente (e la M2 sarà un'auto elettrica!), Mercedes, con la Classe C Coupé, presenta un altro modello grande e meno sportivo di quelli citati, puntato direttamente sull'affrontare la BMW Serie 4 Coupé e l'Audi A5 e san è finita. Dai, non c'è più e dovremmo andare da Porsche e dalla sua 718 Cayman, aspettare la Nissan Z (questo nome non è ancora ufficiale e non raggiungerà l'Europa) o opzioni simili. Non esistono coupé “per tutti”, non esistono nemmeno carrozzerie a tre porte, e come fan, lo vediamo come un enorme errore e un'enorme perdita. Anche se, come abbiamo detto in altre occasioni, i fan sono pessimi acquirenti e i produttori producono automobili per le masse, non per noi. 

Ora le coupé, se meritano di essere chiamate così, sono le berline dal profilo più sportivo e curvilineo o i Suv, che basano il loro status di “coupé” sulla stessa strategia delle berline, cioè su un dislivello da il tetto, nella parte posteriore molto affilata, cercando di simulare una carrozzeria più sportiva e dinamica. Tuttavia, anche se a volte si ottengono disegni molto interessanti, l'aura e lo spirito di una coupé sono totalmente assenti da queste vetture. In effetti, chiamare queste auto coupé sembra un'assurdità. 

Matra Murena, sciocchezze... coupé?

Tuttavia, anche se senza senso, vendono il mare del bene, in particolare il SUV Coupé. Il successo è così notevole, che hanno persino deciso di produrre SUV coupé con motore elettrico, una combinazione che si presenta come la più riuscita da qui ai prossimi anni. Un'altra sciocchezza? Beh, dipende dagli occhi che lo guardano, ma comunque, le sciocchezze sono una delle cose più normali nell'industria automobilistica. Non è un evento nuovo, né lo vedremo scomparire a breve o lungo termine, è qualcosa di intrinseco all'essere umano. Non ci resta che guardare indietro per imparare altre sciocchezze, anche se in questo caso ci piace più di un SUV o di una berlina coupé. 

Stiamo parlando delle Matra-SIMCA Bagheera e Talbot-Matra Murena, due piccole coupé lanciate sul mercato negli anni '80, che sono delle sciocchezze in tutto il loro splendore, auto che pur sembrando una grande idea, pensavamo anche che non fossero le più adatte all'azienda al momento della loro messa in circolazione. Nonostante Matra non sia un marchio sconosciuto (è stato presente in Formula 1 tra il 1966 e il 1972 con 21 podi e 9 vittorie e ha vinto due volte la 24 Ore di Le Mans), è vero che non aveva una grande tradizione nella produzione di automobili "Strada" e da un giorno all'altro, i responsabili dell'azienda hanno rilevato la divisione auto. In effetti, è stato poco dopo la produzione del nostro protagonista, dopodiché si sono dedicati alla produzione della prima generazione della Renault Espace. 

La Matra, il cui nome deriva da “Mécanique Avión Traction”, era un'azienda francese la cui attività copriva parecchi appezzamenti. Ad esempio, era strettamente correlato all'aeronautica e alle armi, entrare nel settore automobilistico dopo aver acquisito la René Bonnet e continuare a produrre fondamentalmente veicoli da competizione e alcuni modelli di produzione come il Matra Rancho, che era una sorta di SIMCA 1200 trasformata in quello che ora chiameremmo "crossover". Il lavoro di Matra è la prima auto di produzione con motore centrale posteriore, la Matra Djet, progettata da Bonnet e conosciuta come Matra-Bonnet Djet. 

Negli anni '70, Matra e SIMCA stringono uno stretto legame e collaborano insieme ad alcuni progetti, come la Matra Bagheera, una coupé (o è un'auto sportiva?) con una strana configurazione a tre posti sullo stesso piano, non per niente, non potevano essere assemblati in altro modo. Un'auto che, nonostante il suo design sorprendente e con un certo carattere sportivo, è stata un disastro che ha ricevuto il premio "Silver Lemon" dall'Automobile Club tedesco (ADAC), un dubbio premio assegnato alle auto con più guasti e guasti di fabbricazione. Criticati anche i sedili (estremamente morbidi), sebbene in alcune prove dell'epoca sulla stampa spagnola fossero bollati come comodi e ben disegnati. 

Sciocchezze in duplicato

Quindi, la Matra Bagheera era una coupé di strana configurazione che, prendendo il filo con cui siamo partiti, è una sciocchezza. Chi vorrebbe una coupé a tre posti anteriore? Qualcosa del genere ha davvero un posto nel mercato? Il confronto con la McLaren F1, con la McLaren Speedtail o con la GMA T.50 non ci serve, sono vetture totalmente diverse il cui posto di comando è posto al centro e la logica invita a sfruttare lo spazio a disposizione ai lati con entrambi i sedili. Nel caso della Bagheera la posizione di guida è la stessa di sempre nella maggior parte del mondo, sul lato sinistro

Tuttavia, l'idea dei tre sedili anteriori è rimasta nella sostituzione della Bagheera, o almeno, nel lancio dell'auto che ha recuperato lo spirito della suddetta coupé. È la Talbot-Matra Murena, un'altra coupé la cui cabina aveva tre posti davanti, disposti in fila. Questa volta non si tratta di SIMCA, ma di Talbot, anche se si tratta di un mero esercizio di marketing poiché a quel tempo, Peugeot ha preso il controllo di SIMCA attraverso Chrysler e l'ha ribattezzata Talbot, un francobollo che era morto da circa due decenni e che è tornato ad adornare la parte anteriore della SIMCA prodotta dagli americani per continuare, in seguito, a produrre modelli sviluppati dalla stessa PSA, come la Talbot Horizon o la Peugeot 309, che era destinato a sostituire l'Horizon sul mercato ma alla fine non lo fece (e sarebbe stata una vera bomba...). 

La Talbot-Matra Murena ha ripetuto gli stessi concetti del Bagherra, ma utilizzando componenti di PSA e Chrysler. È, quasi, un meccano, un'auto fatta di scarti la cui carrozzeria e interni sono di suo disegno, anche se quest'ultimo si ispira alla Bagherra.

Era conosciuto internamente come "Progetto M551" e l'obiettivo era quello di migliorare tutti i punti deboli della Bagheera, essendo lo stesso progettista del suddetto Bagheera, colui che si occupava di plasmare la Talbot-Matra Murena, sebbene per il resto si servisse del magazzino PSA. 

Ad esempio, le sospensioni anteriori e lo sterzo provengono dalla banca degli organi di SIMCA, mentre il cambio a cinque marce era originale della Citroën CX. Inizialmente fu preso in considerazione il motore Douvrin della Renault, ma i francesi si rifiutarono di fornire il propellente per evitare uno scontro con la Renault Fuego. Si è così giunti alla decisione di utilizzare il monoblocco da 1.592 centimetri cubi da 92 CV della Talbot Solara, a cui si è poi affiancato un 2.2 della Talbot Tagora da 118 CV, passato poi 142 CV della Talbot-Matra Murena S (sono state realizzate solo 480 unità di questa versione)

Anche questo motore è stato collocato in una posizione posteriore centrale, consentendo una cabina con tre posti grazie alla sua larghezza. Il telaio, da parte sua, Aveva lamiera zincata per evitare i problemi del suo predecessore e un'aerodinamica particolarmente favorevole (un Cx di 0,33). 

Sono state prodotte più di 10.000 unità e poi è arrivata la Renault Espace

La produzione della Talbot-Matra Murena non può essere definita un successo, ma nemmeno un fallimento particolarmente grande. Sono state realizzate 10.680 unità, con valori molto simili per 1.6 e 2.2. Matra non costruiva più auto proprie e dopo la Murena, incentrato su un'auto che ha segnato un momento importante nella storia dell'automobile: la Renault Espace. Va notato che Peugeot ha rifiutato il progetto per mancanza di fondi, ma la Renault ha visto il potenziale e non ha esitato un attimo. 

È una storia piuttosto interessante, poiché il progetto iniziale dell'Espace è stato realizzato su base Peugeot-Chrysler, ma Matra lo ha adattato alla base della Renault 18 quando è stato presentato alla firma del diamante. Del resto sappiamo già com'è andata, anche se nonostante la sua importanza nel settore, la Renault Espace non è molto apprezzata come veicolo storico o da collezione. Contrariamente alla Talbot-Matra Murena, che sembra essere un'auto interessante per chi cerca un'auto "vecchia" per il proprio garage. 

Cosa ne pensi?

Javi martin

scritto da Javi martin

Se mi chiedi da dove viene il mio amore per i motori, non saprei rispondere. È sempre stato lì, anche se io sono l'unico della famiglia a cui piace questo mondo. Mio padre ha lavorato come disegnatore in un'azienda metallurgica con molta produzione di componenti per auto, ma non c'è mai stata una passione come me.

Mi piace molto la storia dell'automobile e attualmente sto creando una biblioteca personale dedicata esclusivamente alla storia del motore in Spagna, senza dimenticare le moto che hanno dato tanto servizio nella nostra "vecchia" Spagna. Ho anche una vasta collezione di materiale scansionato.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.6kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci