maserati quattroporte catawiki
in

Mi piaceMi piace SorpresoSorpreso

Maserati Quattroporte 4200 del 1966. Trova a Toledo ora all'asta

Che Francia e Germania fossero potenze industriali capaci di autogestirsi era un grave problema per l'Europa. Tanto che, in appena mezzo secolo, le due guerre mondiali hanno avuto come fattore di cui tenere conto. Così, Sulle macerie di un continente devastato dal nazionalismo tedesco, una sola strada appariva possibile: l'interdipendenza. Qualcosa di veramente interessante, dal momento che se la fortuna del tuo vicino è la tua... Allora il tuo vicino è un alleato necessario piuttosto che un possibile nemico.

Una logica messa in pratica con la fondazione nel 1951 della Comunità Economica del Carbone e dell'Acciaio. Sotto questa entità industriale, l'autosviluppo era inseparabile da quello degli altri. Per questo, da cinquanta paesi come Francia, Germania, Belgio o Italia sono avanzati lungo un percorso di integrazione che ha avuto il suo punto di non ritorno nel Trattato di Roma del 1957. Una strategia economica che ha reso l'Europa un luogo sempre più piccolo grazie alla costruzione di grandi vie di comunicazione per il trasporto industriale e privato.

Per questo motivo, e dopo aver alimentato la nascente classe media con veicoli come la FIAT 500, il Maggiolino VW o la Citroën 2CV, l'industria automobilistica ha messo nel mirino il segmento delle grandi berline. Potenti e distinti, in essi prevaleva il conforto che la ricca classe industriale del dopoguerra esigeva per muoversi velocemente sulle nuove autostrade che apparivano in tutto il continente. Così com'era, il 1963 vide la nascita della Maserati Quattroporte. Il salone di lusso italiano di maggior successo grazie alle sue sei generazioni, di cui a unità a Toledo ora venduta all'asta da Catawiki.

MASERATI QUATTROPORTE 4200. UNA 5000GT A QUATTRO PORTE

A metà degli anni Cinquanta nessuno metteva in dubbio l'enorme prestigio di Maserati quando si parlava di competizione. Tuttavia, la verità è che i conti dell'azienda erano sempre più fragili. Abituata a costruire circa tre unità al mese, la visione di continuare a dedicarsi esclusivamente alle corse era insostenibile. Per questo motivo nel 1957 Maserati lanciò la sua prima vettura di serie: la 3500GT. Un sei cilindri da 220 CV con cui la produzione è aumentata a circa sessanta veicoli al mese. Una vera e propria ancora di salvezza per l'azienda modenese, che due anni dopo osò lanciare la spettacolare 5000GT.

Realizzato sulla base della 3500, questo perfetto ibrido tra eleganza e sportività portava la potenza a 340CV grazie ai suoi cinque litri di cilindrata. Tuttavia, sembrava che, in questi punti di potenza e produzione di massa, Il percorso della Maserati ha dovuto inclinarsi più verso il lusso che verso l'estremo radicalismo GT, argomento ben trattato in Italia dalla Ferrari.

E così è stato, perché la sua successiva creazione in serie è stata la Maserati Quattroporte. La berlina sportiva per eccellenza, che ha avuto tra i suoi designer nomi celebri come Pietro Frua, Nuccio Bertone, Marcello Gandini Giorgetto Giugiaro o Sergio Pininfarina.

Un'innegabile panoplia di leggende responsabili delle diverse evoluzioni del modello, che trova la sua prima rappresentazione nella Maserati Quattroporte 4200. Meccanicamente basato sullo stesso V8 che equipaggiava la 5000GT, la sua cilindrata è qui più piccola per accogliere un comportamento dinamico progettato per lunghi viaggi autostradali. Qualcosa che non è un peso per le Quattroporte di solito hanno margine a fronte di una certa sportività in curva. A patto che siano trattati con la stessa gentilezza che garantiscono ai loro passeggeri.

TROVARE A TOLEDO. MASERATI QUATTROPORTE 4200 IN CATAWIKI

Con circa 700 unità prodotte, la Maserati Quattroporte 4200 è una testimonianza vivente dell'inizio delle grandi berline di lusso. Un rinomato classico di cui è raro trovare un esemplare disponibile per la vendita, a maggior ragione se proposto come progetto di restauro. Ed è quello, rinvenuto nel garage di una collezione privata in provincia di Toledo, è questo esemplare con codice 320 immatricolato il 15 giugno 1966 a Valencia. Forse essendo entrato in Spagna attraverso una fiera internazionale. Una Quattroporte che arriva senza motore né cambio, ma con una perfetta carrozzeria antiruggine come punto di partenza per il lavoro.

Inoltre, i due assi sono conservati intatti. Compreso il carro posteriore con sistema DeDion, che sarebbe sostituito da una molla ellittica sulla Quattroporte del 1967. Mai restaurata prima, conserva molti dettagli cromati smontati. Con queste caratteristiche, parliamo di un mezzo perfetto per chi vuole entrare in un progetto di restauro complesso ma con la possibilità di avere risultati ad alta quota.

Tuttavia, se stai cercando anche un progetto di restauro ma limitato a classici più popolari, lo stesso venditore propone in un'asta che chiude lo stesso giorno di quella della Maserati Quattroporte un curioso Daihatsu Compagno del 1966. Molto meno preziosa della berlina rappresentativa italiana, ma carica di curiosità per il suo esiguo numero di esemplari conservati in Europa.

Fotografie: Catawiki.

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

49.9kFan
1.6kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci