in

SorpresoSorpreso

Altro motore per gli anni Settanta, la Citroën 3CV in Argentina

La 2CV è stata un successo mondiale non solo per la sua versatilità ma anche perché è stata venduta in molti paesi del mondo. Uno di questi era l'Argentina, dove veniva prodotto dalla filiale locale dell'azienda francese, realizzando una variante nazionale dotata di un motore più potente. Si tratta della Citroën 3CV argentina del 1969

Una delle grandi virtù della Citroën 2CV è quella di essere un'auto davvero globale. Non solo per la sua versatilità quando si tratta di mescolare asfalto e abilità di guida. Ma anche per essere stato prodotto in un massimo di otto stabilimenti distribuiti tra Europa e Sud America. In questo modo, oltre a contribuire alla motorizzazione delle classi popolari nella Francia del dopoguerra, questa Citroën è una parte indispensabile della memoria collettiva in molti paesi. Anche in Argentina. Dove il marchio chevron è stato installato come azienda con uno stabilimento nazionale già nel 1960. Inizia un'avventura imprenditoriale durata due decenni fino all'assorbimento da parte delle Industrie Eduardo Sal-Lari.

Ma andiamo per parti. In Francia, la Citroën 2CV iniziò ad essere commercializzata nel 1948. Concepito prima della seconda guerra mondiale come utilitaria accessibile e semplice, vide finalmente la luce nel dopoguerra per essere protagonista indiscusso della ripresa economica. Non solo dalla Francia, ma anche da altri paesi come la Spagna. Ed è che, vista l'espansione portata avanti dalla Citroën negli anni Cinquanta, l'azienda ha aperto il suo stabilimento a Vigo nel 1958. Così, proprio come ha fatto FIAT, il marchio francese ha visto nell'internazionalizzazione la principale fonte di profitto per il prossimo futuro. Pertanto, nel 1960 ha fondato la propria filiale in Argentina.

Un paese nel cui mercato era già presente, vendendo da anni unità della 2CV importate da Francia e Belgio. Naturalmente, essendo un veicolo straniero, le tasse doganali lo rendevano notevolmente più costoso. Qualcosa di profondamente scomodo per un modello che aveva due delle sue bandiere più identificative nell'economia e il basso prezzo di accesso. Per questo, e proprio come fece Ford nel 1917 creando uno stabilimento a Buenos Aires per l'assemblaggio della Model T, il marchio francese fondato nel 1960 Citroën Argentina SA. Tutto questo per gestire la nuova fabbrica Jeppener, che in breve tempo è stata trasferita in quella del quartiere Barracas di Buenos Aires. Il luogo dove, nel 1969, viene prodotta la prima Citroën 3CV.

I pneumatici 3CV hanno aumentato la loro larghezza. Foto: Munafo

VARIANTI NAZIONALI, UNA COSTANTE IN SUD AMERICA

Non importa quanto sia versatile e globale un'auto, nessuno è a conoscenza del fatto che, a seconda del paese, ogni progetto necessita di adattamenti. Richiesti sia da fattori geografici che economici, possono variare da una migliore protezione contro la ruggine alla comparsa di modelli nazionali focalizzati su nicchie di mercato molto specifiche. Per esempio. Per quanto riguarda il primo, i corpi del FIAT 127 brasiliana ricevuto un trattamento adeguato all'umidità dei tropici. E per quanto riguarda la seconda Volkswagen del Brasile è arrivata a creare i propri modelli come la SP2.

Un'auto sportiva tanto evidente quanto poco potente. Ovviamente insufficiente per i parametri prestazionali europei, ma abbastanza degno se analizziamo la ristretta nicchia riservata alla sportività in Brasile nel 1972. Quindi, Non è meno banale sottolineare l'esistenza di una certa libertà creativa per le diverse filiali nazionali dei grandi gruppi automobilistici. A maggior ragione se, guardando alla stessa Spagna, esaminiamo le differenze tra le Renault francesi e quelle prodotte dalla FASA di Valladolid. Alcuni di essi riguardavano sospensioni dovute al peggioramento delle condizioni delle pavimentazioni iberiche.

Con tutto ciò, l'apparizione nel 1969 della Citroën 3CV deve essere intesa come un'interessante operazione commerciale. Vediamo. In Europa già per quell'anno modelli come la 2CV stavano rientrando in nicchie di mercato ben precise. Nicchie, diciamo, residuali e sempre più minoritarie. Specialmente insieme ad alcuni usi nazionali in cui questo veicolo commerciale si è comportato molto bene. Tutto questo per il modo e il modo in cui la crescita della borghesia urbana aveva influenzato l'automobilismo. Lasciandosi alle spalle modelli come questo o il 600 mentre avanzava la democratizzazione dei consumi.

Anche la strumentazione è leggermente diversa. Foto: Munafo

Diverso, invece, il caso dell'Argentina. Caratterizzato da un minore accesso alla flotta mobile da parte delle classi popolari, il suo mercato riceveva ancora veicoli straordinariamente semplici ed economici come la 2CV. Caratteristica che non ha finito di cancellare un necessario aggiornamento in termini di potenza, dal momento che il traffico era diventato più intenso, veloce e aggressivo. Inoltre, viste le enormi distanze con cui è caratterizzato il campo sudamericano, un motore più confortevole era qualcosa di abbastanza attraente. In questo modo, sebbene la Citroën 2CV fosse ancora un'auto valida per le classi medie e popolari del mercato argentino, l'aggiornamento che portò alla 3CV fu considerato essenziale.

Il motore, la differenza principale. Foto: Munafo

CITROËN 3CV, PIÙ MOTORE PER TEMPI NUOVI

La Citroën 2CV ha molteplici vantaggi che sono ben noti a tutti gli appassionati di veicoli classici. Tuttavia, la verità è che alla fine degli anni Sessanta il suo misero motore bicilindrico stava già diventando alquanto obsoleto. A questo punto, la versione argentina del modello non è mai riuscita ad ottenere più di 18 CV con la cilindrata di 425 cc. Punto in cui arriviamo alla caratteristica principale della Citroën 3CV, dal momento che la cilindrata è stata aumentata a 602 cc essere in grado di fornire fino a 32CV.

La IES Super America è stata la continuazione dal 1980, già sotto una società a pieno capitale argentino

Si tratta di un miglioramento che orbita intorno al 44% in più di potenza, fortemente avvertibile nella risposta della Citroën 3CV sia in città che in autostrada. Anche, ammortizzatori idraulici inclusi per ridurre il tipico beccheggio prodotto dall'attrito con molle orizzontali. Ha anche migliorato l'impianto elettrico, passando dall'avere una dinamo al montaggio di un alternatore. Differenze meccaniche meno visibili rispetto a quelle date nelle porte d'ingresso, che passavano dall'avere un'apertura suicida al perno sul davanti.

Per quanto riguarda gli interni, la nuova plancia è stata abbinata alla pedaliera che, nella Citroën 3CV, era sospesa invece di uscire da terra come nella 2CV. Insomma, al di là del motore il nostro protagonista ha ricevuto un certo restyling con cui affrontare gli anni Settanta. Qualcosa che ha avuto, da allora più di 76.000 unità dell'autovettura e più di 17.000 della versione furgone furono prodotte fino alla cessazione delle vendite nel 1980. Anno in cui Citroën Argentina SA decide di chiudere a causa della contrazione economica di quel mercato, cedendo le proprie strutture a Eduardo Sal Lari. L'imprenditore che, con alcune modifiche estetiche, ha continuato la produzione della Citroën 3CV sotto il nome di IES Super América. Ma questa è un'altra storia che un altro giorno vi racconteremo.

Fotografie: PSA / Munafo / IES 

Cosa ne pensi?

foto dell'avatar

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

55.7kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.4kSeguaci