loto talbot
in

Mi piaceMi piace

Talbot Raggio di Sole Lotus. 40 anni di Titolo Costruttori nel WRC

Durante gli anni settanta Ford dominava il Rally di Gran Bretagna con le sue Escort mentre Chrysler Europe stava sprofondando in una crisi che si concluse con l'acquisto da parte della Peugeot nel 1979. Tuttavia, in quella transizione finanziaria sopravvisse un programma di competizioni in collaborazione con Lotus per rendere la Sunbeam un modello di successo nei rally. Sono passati ormai quattro decenni dal suo titolo Costruttori nel Campionato del Mondo Rally.

Qualsiasi azienda automobilistica sa che la concorrenza serve almeno a due cose. Il primo è il suo utilizzo come banco di prova per nuove tecnologie che finiranno nei veicoli di produzione. Il secondo è la creazione di un'immagine di marca solvibile e stimolante. così le auto da corsa non sono solo il fiore all'occhiello dei progetti di design, ma anche il frutto di un determinato sforzo aziendale. In questo senso, modelli come Lancia LC2 ne sono un perfetto esempio. Con la FIAT che coordina gli sforzi di Abarth, Lancia, Dallara Automobili e Ferrari per battere le Porsche 956 a Le Mans.

Tuttavia, in altre occasioni i marchi non sono stati così chiari nell'entrare in competizione. Qualcosa che non ha ostacolato l'impeto di alcuni ingegneri. Così convinti della loro idea che sono arrivati ​​a svilupparla alle spalle dei gestori fino a quando non l'hanno accettata come un fatto compiuto. Così, forse l'esempio più famoso è quello di Zora Arkus-Duntov e della sua Corvette SS e Grand Sport. Entrambi creati in segreto fino a quando non sono stati scoperti dai responsabili del marchio, che alla fine hanno finito per scendere a compromessi con i capricci di uno dei suoi ingegneri di punta.

Un caso finito male a causa di molteplici guasti meccanici causati da uno sviluppo troppo leggero. Esattamente il contrario di quanto accadde con la Talbot Sunbeam Lotus del 1979. Che raggiunse il vertice della concorrenza nonostante fosse nata alle spalle del marchio dopo un primo rifiuto dello stesso. Una storia di intraprendenza e tenacia in cui i nomi di piloti importanti come Henri Toivonen o Guy Fréquelin. Insieme a Des O'Dell -Direttore di Chrysler Motorsport- responsabile del successo di un modello che ha ottenuto il titolo Costruttori nel Campionato Mondiale Rally quattro decenni fa.

TALBOT LOTO. IL MIX FATTO DA DES O'DELL

Come Porsche, Lotus deve gran parte della sua fatturazione ai servizi come consulente tecnologico per più aziende. In questo modo, l'azienda fondata da Colin Chapman è dietro a prototipi da rally come la Citroën Visa Lotus del 1982 o la berlina ad alte prestazioni Opel-Lotus Omega del 1990. Modelli che nascono dalla decisa collaborazione tra brand diversi e non dal lavoro solitario e furtivo di un solo uomo. Proprio il caso dietro la nascita della Talbot Sunbeam Lotus, nata come scommessa personale di Des O'Dell.

Convinto che la Sunbeam e la sua trazione posteriore potessero porre fine al regno della Ford Escort al Rally di Gran Bretagna, O D'ell organizzò un incontro con i manager Chrysler per discutere la sua idea. Tutto questo tanto che alla fine fu rifiutato a causa della credenza in un suo alto costo. Motivo più che sufficiente per una Talbot che stava attraversando seri problemi finanziari, addirittura bisognosi di aiuti di Stato per poter mantenere il personale. Comunque, Questo intrepido ingegnere e direttore sportivo ha deciso di realizzare la sua idea creando da solo una Talbot Sumbeam con motore Lotus 907 da 250CV.

Sorpreso dalla sua buona prestazione, lo presentò agli stessi manager che avevano rifiutato la sua idea. Uomini d'affari che, questa volta, sono stati sedotti dal fascino di un modello con una reale possibilità di detronizzare le Ford Escort in quella che sarebbe stata un'ottima campagna pubblicitaria. Da ora in poi, Lotus e O'Dell hanno lavorato insieme per produrre le 400 copie necessarie per l'omologazione nel Gruppo 4 del Campionato Mondiale Rally. Un progetto sopravvissuto alla vendita di Chrysler Europe a Peugeot nel 1979 grazie al fatto che il marchio francese fece proprio il progetto, acquisendo così il nome di Talbot.

DIRETTAMENTE AL CAMPIONATO DEL MONDO RALLY

Dal 1972 Ford vince ininterrottamente il Rally di Gran Bretagna grazie alle sue Escort RS1600 e RS1800. Un regno che doveva detronizzare la Talbot Sunbeam Lotus, che ha avuto la sua prima nel 1979 con l'impetuoso Tony Pond al volante. Un pilota con un'eccessiva tendenza a spingere l'auto al limite. Finire più volte incastrato fuori pista che segnare dopo aver tagliato il traguardo. Così, per la stagione 1980 Talbot preferì fidarsi di Guy Fréquelin e di un giovanissimo Henri Toivonen. Che ha vinto il Rally di Gran Bretagna in quella stagione con soli 24 anni.

loto talbot

In questo modo - e anche a vari miglioramenti nel telaio, nei freni e nel finanziamento - la Talbot Sunbeam Lotus iniziò ad essere un'auto davvero competitiva. Così tanto da nel 1981 ha vinto il Titolo Costruttori del Campionato Mondiale Rally nonostante abbia a che fare con modelli così efficaci come la Toyota Celica 2000GT o l'Audi Quattro. Inoltre, Guy Fréquelin e il suo copilota Jean Todt sono riusciti a concludere al secondo posto nel campionato piloti. Superato solo da Ari Vatanen e dalla sua Escort RS1800 del Rothmans Rally Team.

loto talbot

In questo modo, la Talbot Sunbeam Lotus è passata alle pagine di gloria nel mondo dei rally. Rimanendo anche come una delle vetture più sorprendenti e inaspettate grazie al colpo di stato che ha imposto alle sue rivali affermate. Un modello alimentato da un allegro ed efficace motore Lotus 911, che Dava nella versione stradale circa 150CV a 5750 giri mentre sullo sterrato saliva a 250CV già offerto dalla versione segretamente sviluppata da Des O'Dell. Ed è che, stranamente, sono dovuti nascere vari modelli di stelle dietro la schiena del marchio stesso, che in seguito avrebbero coperto di gloria.

Fotografie: Aste storiche

PD L'unità utilizzata per illustrare questo articolo è una seconda serie di Talbot Sunbeam Lotus. Un modello di serie, sebbene messo a punto per dare prestazioni simili al World Rally Championship. È stato messo all'asta lo scorso 2019 da Historics Auctioneers.

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci