voiture libro minimo
Lo stesso Le Corbusier con la sua auto privata, una Voisin C7 "Lumineuse" del 1927
in

Dal CSIC: Le Corbusier e l'Automobile

Il libro che vi presentiamo oggi è un'opera recente di un autore spagnolo, ma la cosa curiosa è che né l'autore si dedica al tema automobilistico, né si tratta di un'auto prodotta in Spagna. Antonio Amado Lorenzo è un Coruña nato nel 1956, dottore in architetto e professore in questo campo all'Università di La Coruña ... e, naturalmente, È un fan dei classici.

E questi due hobby in comune sono ciò che deve averlo portato al lavoro del famoso architetto Charles Édouard Jeanneret-Gris, meglio conosciuto dagli anni '1920 come "Le Corbusier" che per inciso aveva anche una vera passione per le auto del suo tempo.

Antonio Amado aveva già realizzato diversi dottorati e articoli sull'opera di questo rivoluzionario architetto francese del XX secolo; e proprio sul rapporto tra Le Corbusier e le automobili è questo interessante lavoro, intitolato «Voiture Minim. Le Corbusier e l'automobile».

voiture libro minimo
La copertina è dedicata al «Voiture Minimum», ma dentro c'è dell'altro

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

Architettura e automobile

Il libro è diviso in diversi capitoli, con temi diversi: La prima parte tratta del rapporto personale di Le Corbusier con vari marchi automobilistici, principalmente con Aerei Voisin, il cui patrono era il suo padrino e di cui possedeva varie unità negli anni '20 e '30, senza dubbio attratto dalle linee spigolose art-deco che indossavano.

Prova anche questo primo tempo sui vari architetti "famosi" del secolo scorso che, guidati dal loro amore per l'automobile, hanno osato proporre i propri progetti, come Frank Lloyd Wright, Walter Gropius o Amadeé Ozenfant, tra gli altri. Infine, questo blocco studia i primi progetti che alla fine degli anni '30 si occupavano dell'aerodinamica nelle auto prodotte in serie, come Volkswagen, Tatra o Lincoln.

La seconda metà del libro si concentra sull'auto "Voiture Minimun" che Le Corbusier concepì basandosi su concetti come utilità e abitabilità. Tutto questo iniziò con un concorso indetto dalla SIA (Societe des Ingenieurs de L´automobile) nel 1935.

[/ Su_note]

[= »Annuncio» = »
.
 
»« »« Url: https% 3A% 2F% 2Fwww.escuderia.com% 2Fcontacta-con-la-escuderia% 2F || target:% 20_blank »« »=» »« 0 »=» »=» no-border »_Width =» 1 ″ = »# 1e73be» = »# 222222 ″ =» # ffffff »=» 2 ″ = »50 ″ =» # 333333 ″ = »»]

libro automobilistico corbusier
Una delle tante illustrazioni del libro: 1927 Mercedes e Weussenhof Houses, dell'architetto Mies Van der Rohe

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

Questo concorso aveva un regolamento rigoroso basato su alcuni locali di consumo ridotto, bassi costi di produzione e misure minime per due occupanti. Vi hanno partecipato diversi partner SIA, e uno dei punti di forza di questo libro è che riproduce i piani di alcune delle proposte stravaganti presentate in grande e di alta qualità.

Il libro si conclude dedicato unicamente alla "Voiture Minimun" di Le Corbusier: il suo sviluppo, il suo rapporto con il concorso SIA, le modulazioni al computer che simulano l'auto "nella realtà" e il confronto di vari concetti del "Minimun" con la grande serie veicoli che hanno avuto successo negli anni successivi. Ed è sorprendente quante idee la creazione di Le Corbusier condivida con il famoso Maggiolino, 2CV o Fiat 500.

[/ Su_note]
[pro_ad_display_adzone id = »41633 ″]
 

Dal college al paradiso

In conclusione, dobbiamo dire che questo libro ci ha piacevolmente sorpreso. La struttura lo rende godibile e il suo design è gradevole –sarebbe più necessario-, ed è costellato da un numero enorme di fotografie, in bianco e nero oa colori, che spiegano visivamente tutto quanto commentato nel testo. Wow, qualsiasi appassionato di auto d'epoca si divertirebbe a leggerlo.

Per acquistarlo -per un prezzo di 43,27 euro- devi andare al sito CSIC, poiché questo lavoro ha avuto la collaborazione per la sua edizione di tenute come il Ministero dell'Economia e della Competitività, tra gli altri.

Cosa ne pensi?

Francisco Carrion

scritto da Francisco Carrion

Mi chiamo Francisco Carrión e sono nato a Ciudad Real nel 1988, un luogo che all'inizio non era simile alle auto d'epoca. Per fortuna mio nonno, dedito al settore automobilistico, aveva amici che possedevano auto d'epoca e partecipava al raduno annuale che si teneva (e continua a tenersi) nella mia città natale... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci