le mans classico 2018
in

Le Mans Classic 2018: dall'interno

TESTO: JAVIER ROMAGOSA / FOTO: UNAI ONA / VIDEO: GESTIRE MOTOR E KUKFILMS

Classica di Le Mans sta accadendo proprio ora, e il suono che arriva alle mie orecchie dalla traccia è indescrivibile. Un mix di ritmi che vanno dalla melodia più o meno lenta del periodo prebellico allo scandaloso boato dei prototipi sport fine anni 70. È stato così per tutto il fine settimana, mentre un sole cocente cadeva su di me e mi bagnavo di sudore, inebriata allo stesso tempo dai forti odori di benzene.

Odore benedetto. Con così tanta efficienza energetica stiamo dimenticando che odore hanno i dinosauri moderni. È inevitabile, lo spirito dei tempi; ma è per questo che è così importante immergersi in questo tipo di esperienza, riconnettersi con un universo meccanico che è stato lasciato indietro. E, soprattutto, con uno dei suoi aspetti che coinvolge maggiore genialità e consapevolezza artistica: le corse automobilistiche.

Il Circuito della 24 Ore di Le Mans non ha bisogno di presentazioni, è una delle mete del motorsport. Un luogo dove fare un pellegrinaggio almeno una volta nella vita. Ed eccoci qua, quattro colleghi che in poco più di un giorno hanno percorso 1.200 chilometri su un Fiat Ducato e che da allora pregano di poter mangiare più che semplici panini. La vita non è facile qui, le distanze sono molto lunghe e ci sono molte, molte persone. Devi coordinarti molto bene per non perderti nulla.

Perché c'è così tanto da vedere: Dalle gare al paddock, passando per la fiera e il parcheggio del circolo, tra le altre cose. Se muori, inizierò raccontandoci un po' delle diverse griglie:

[your_youtube url = »https://youtu.be/gQWmsryONi4 ″]

Le gare classiche di Le Mans

- Altopiano 1: 1923-1939. Dedicato ai pionieri della 24 Ore. I camion Bentley, le Bugatti (c'è un enorme Tipo 50), Talbot, Aston Martin, Delahaye, Alfa Romeo 8C, BMW 328 o persino una Mercedes SSK, tra gli altri, hanno appena finito di correre. Sono piuttosto lenti, come avrebbe dovuto essere la 24 Ore all'inizio: rettilinei interminabili in cui spingere le macchine al limite e dimostrare così, in caso di riuscire a finire, una resistenza indistruttibile.

- Altopiano 2: 1949-1956: Torna a Le Mans dopo la seconda guerra mondiale. È l'epoca gloriosa di piloti come Luigi Chinetti, Hermann Lang, Froilán González o Mike Hawthorne, e il predominio quasi incontestabile di Jaguar e delle sue Type C e D. Qui le cose sono già molto più veloci; volano sull'asfalto le preziose bachette del marchio del felino, Maserati e Ferrari. Così fanno la Cooper e la Lotus dei primi giorni, con un altro tipo di bellezza molto più moderna.

In questa categoria, la cui gara è attualmente in corso, ci sono anche un gran numero di file X. Sai cos'è un Kieft, un Deutch-Bonnet, un Monster, un Jowett o un Callista? Guarda le foto sopra!

- Altopiano 3: 1957-1961: Griglia la cui uscita in pista è attualmente in preparazione e nella quale, pur essendo un'estensione della precedente, aumenta ad esempio il numero di Porsche e Alfa Romeo presenti. A parere di questo umile servitore, spiccano, tra le altre, la Ferrari 250 GT, una Aston Martin DP 212 -molto rara-, una Porsche 718 o diverse Giulietta Zagato della casa di Arese. Da segnalare l'Abarth-Simca del team spagnolo Repsol, un vero gigantesco killer il cui habitat naturale è la zona rossa sul contagiri.

- Altopiano 4: 1962-1965. Esemplifica l'inizio della mutazione dell'auto da corsa verso un prototipo molto lontano dalle vetture di produzione. Sotto l'influenza di Cooper, Lotus e Porsche, i motori vengono progressivamente installati in posizione centrale, tra i sedili e l'asse posteriore. A poco a poco, questo li trasformerà nelle bestie che conosciamo oggi. La Ferrari 250 LM o la Ford GT40 sono auto di transizione che coesistevano con esempi della vecchia scuola come la Shelby Cobra. Una curiosa variante è quella del Bizzarrini, la cui meccanica è praticamente collocata in posizione centrale anteriore, o l'aerodinamico Alpine (!) M65.

- Altopiano 5: 1966-1971. È l'era leggendaria della Porsche 917, ma anche delle imponenti Chevron e Lola inglesi che hanno preso il posto delle Cooper e della Lotus. Nelle gare di questa categoria, i tappi per le orecchie stanno già diventando necessari se rimarrai in giro per molto tempo con le auto ...

O aeroplani, perché c'è un Howmet TX con motore a turbina! Questo è un altro dei tentativi degli anni '60 di applicare questa tecnologia aeronautica all'auto. La sua origine è americana e, finora, è stato l'unico prototipo di turbina a vincere una gara (in particolare due alla SCCA). 350 cv, 57.000 giri al minuto e senza cambio. Cosa ne pensi (guarda sopra)?

- Altopiano 6: 1972-1981. Grigliata selvaggia che prosegue sulla falsariga della precedente, ricca di Porsche, Lola e Chevron. Fanno la loro comparsa le BMW M1, CSL e Alpina, ma anche rarità come due Mirage, una Cheetah o una Toj.

Lo sai che gareggiano da quasi 19 ore? Le gare sono iniziate ieri alle 4 del pomeriggio e, nonostante ci siano gare di circa 45 minuti, proseguiranno ininterrottamente fino alle 4 di oggi. I partecipanti che volevano correre tutta la notte. E fino alle due o alle tre del mattino qui c'era una bella atmosfera, piena di gente e di macchine che sfilavano per il paddock. Senza dubbio, la notte è una delle componenti della magia di La Sarthe, e PietroAuto sa approfittarne molto bene.

[your_youtube url = »https://youtu.be/jz7oEPf1dww»]

I mille incentivi di Le Mans Classic

Infine, per quanto riguarda le gare, dillo anche ci sono le maniche del girone C, i prototipi più estremi degli anni '80 e '90; e di auto per bambini Animato da motori a due e quattro tempi che ti lascerebbero a bocca aperta. Sono così vicini agli originali! Giocattoli sicuramente per bambini ricchi, ma vederli a centinaia simulare una gita tipo Le Mans è davvero impressionante.

Perché, come dicevo all'inizio, in Classica di Le Mans Non ci sono solo gare e un paddock da brivido, ma anche un gran numero di servizi e a fiera retrò dedicato all'automobile in cui puoi trovare dai prodotti specifici ai negozi di abbigliamento e, naturalmente, un gran numero di auto, moto e autobus in esposizione. Nelle vicinanze del circuito Bugatti c'è anche un enorme parcheggio affollato di club dei classici; sono infatti mille le attrazioni fuori pista che giustificano l'acquisto del biglietto.

Insomma, vi consigliamo di non smettere di partecipare alla prossima edizione che si svolgerà nel 2020. Ne vale davvero la pena, almeno una volta nella vita.

Cosa ne pensi?

Javier Romagosa

scritto da Javier Romagosa

Mi chiamo Javier Romagosa. Mio padre è sempre stato appassionato di veicoli storici e io ho ereditato il suo hobby, crescendo tra auto e moto d'epoca. Ho studiato giornalismo e continuo a farlo perché voglio diventare professore universitario e cambiare il mondo... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

49.9kFan
1.6kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci