Lamborghini Diablo
in ,

Lamborghini Diablo: 30 anni di storia

Diablo. Un nome che evoca oscurità, egoismo, potere di fare il male e tante altre cose legate al caos, alla sofferenza e alla desolazione. Tuttavia, in principio, il Diavolo era un angelo, il più perfetto, bello e potente di tutti, che aveva anche la libertà del libero arbitrio. Si chiamava Lucifero, portatore di luce ed era il primo angelo che, secondo la Bibbia, Dio creò. 

La storia biblica del Diavolo potrebbe benissimo servire a quella che racconteremo in seguito, poiché si parla anche di un Diavolo che si potrebbe considerare portatore di luce. Tuttavia, pur condividendo lo stesso orgoglio, il nostro Diavolo non è stato bandito come Lucifero, ma è entrato direttamente nell'Olimpo delle auto più speciali e più desiderate dagli appassionati e ha portato anche la luce in fondo al tunnel, una luce tedesca, ma luce dopotutto.

È anche vero che il nome della Lamborghini Diablo ha poco a che fare con l'essere biblico. L'origine del nome che Lamborghini ha usato per questa vettura è la corrida spagnola, che tanto piaceva a Ferruccio Lamborghini e che ha dominato la designazione dei modelli distintivi di Sant'Agata tranne due: la 350 GT e la Countach. In questo caso specifico, Diablo era un toro particolarmente coraggioso allevato dal duca di Veragua, che l'11 luglio 1869, a Madrid, José de Lara ha combattuto e che è servito a confermare la sua alternativa, come si dice nel gergo dei toreri. 

Lamborghini

Nato con Chrysler, morto con Audi

La Lamborghini Diablo è stata presentata nel 1990, quando la firma del toro era sotto il controllo degli americani Chrysler. È arrivata in sostituzione della Countach, una delle auto più spettacolari degli anni '70 e '80, che ha segnato il futuro della Lamborghini fino ad oggi. Fu con la Countach, progettata da Marcello Gandini, che si affermò la marcata linea a cuneo e l'utilizzo di ante “a forbice” oggi utilizzate dai modelli più potenti dell'azienda. 

Prendendo ispirazione dalla Countach, che aveva riscosso un enorme successo, Gandini ha creato ancora una volta una silhouette che partiva da un fronte estremamente corto e basso, fino ad un posteriore molto alto e molto marcato, con un solo colpo. Nessuno oserebbe chiamare una Lamborghini Diablo un minivan, ma per usare rigorosamente il significato di quella parola, Diablo è un minivan. Spettacolare, certo, ma la sua carrozzeria ha un volume unico che segna tutta la personalità della vettura. 

Rispetto alla brutalità della Countach, la Lamborghini Diablo sembra addirittura semplice, con una carrozzeria senza attacchi esagerati anche se le sue forme denotano che non è un'auto convenzionale. Tuttavia, contrasta parecchio con i design attuali, che sfoggiano forme elaborate ed esagerate per essere più brutali eppure sembra selvaggio come qualsiasi fratello di marca attuale. È uno dei migliori disegni di Gandini insieme alla Lamborghini Countach P400 e alla Lamborghini Miura. 

Il progetto 132, il nome interno dello sviluppo Diablo, iniziò a muovere i primi passi con l'azienda ancora nelle mani di Ferruccio, ma il progetto è stato terminato da Chrysler. In un primo momento, il marchio ha sempre affermato che si trattava di un lavoro che partiva da una pagina bianca, anche se in realtà poteva considerarsi un'evoluzione della Countach mantenendo lo stesso profilo e la stessa configurazione meccanica e delle sospensioni. L'apertura delle porte, come tutti sappiamo, è la stessa. 

Un nome all'altezza del suo temperamento

La gestazione della Lamborghini Diablo nasconde alcuni aneddoti che rendono più speciale la sua esistenza. Ad esempio, la Diablo che tutti conosciamo non è la stessa supercar italiana progettata da Gandini, quando Chrysler ha preso il controllo del marchio ha incaricato dei designer interni, con Tom Galo al timone, di analizzare le forme nella galleria del vento e appianare le forme generali. Si dice che il progetto iniziale di Marcello Gandini per la Lamborghini Diablo abbia plasmato il Cizeta Moroder V16T

In quegli anni la Lamborghini non aveva molta fluidità economica, anzi si guadagnava da vivere vendendo unità della Countach, un'auto ogni giorno più datata e che cominciava ad invecchiare. Quindi ci sono cose che non sono state curate e hanno finito per essere un problema una volta che l'auto ha iniziato a essere venduta nei concessionari. Sembra che il suo nome onorava il suo temperamento e il suo comportamentoSebbene Sandro Munari, Campione del Mondo Rally nel 1977 con una Lancia Stratos, abbia assistito allo sviluppo del modello. 

Lamborghini Diablo SV

Le prime unità della Lamborghini Diablo sono nate quando l'elettronica non era ancora arrivata. Un'elettronica che ha aiutato i produttori a perdere la paura di fare auto pazze. Pertanto, le cose visto che l'ABS non era presente in questa spettacolare vettura sportiva fino al 1999. In effetti, non aveva nemmeno il servosterzo fino al 1993. Immagina come deve essere guidare un'auto come questa, dotata di un blocco V12 da 5,7 litri e 492 CV senza servosterzo e senza ABS... esperti di auto. 

Non sappiamo se questo abbia motivato la grande quantità di critiche che il Diavolo ha ricevuto riguardo al suo comportamento e alla guida. Come affermato in alcune pubblicazioni, tutto stava andando bene fino a quando le cose non sono state forzate e sono stati cercati i limiti, in quel momento, l'auto si è comportata in modo irregolare e imprevedibile. Inoltre, vibrazioni e tremori dominavano la situazione, il cambio era abissale e non consentiva di selezionare rapporti lisci, e il calore del motore all'interno della campata era gestito così male che i piloti e il ponte posteriore si sciolsero. 

Trazione integrale, restyling e arrivederci 

Tutte quelle critiche e insuccessi che hanno perseguitato il modello durante i suoi primi anni, hanno cominciato a essere corretti a poco a poco. Lamborghini ha iniziato a sviluppare e rilasciare nuove versioni della Diablo, con la prima a venire, la Lamborghini Diablo VT, che si è distinta. Aveva un sistema di trazione integrale “Viscous Traction” (da cui il nome VT) con giunto viscoso, in grado di inviare fino al 25% della coppia all'asse anteriore. Una trasmissione che proveniva dalla Lamborghini LM002, il famoso SUV che disegnarono a San'Agata come progetto militare. 

Restyling Lamborghini Diablo

Durante l'evoluzione di Diablo, Chrysler ha venduto l'azienda a Megatech, quindi ha venduto tutte le attività ad Audi. Contemporaneamente apparvero la versione cabriolet e la Diablo SV (Super Veloce), oltre alla Diablo GT. Tuttavia, l'arrivo di Audi è stato uno shock per il marchio e, naturalmente, per il modello. La prima cosa che hanno fatto è stata quella di effettuare un restyling, migliorando la qualità dei materiali e della manifattura, l'ergonomia della cabina così come le sue regolazioni sono state migliorate ed è stata la ditta tedesca ad installare i freni antibloccaggio. 

Audi ha cessato la produzione di questa supercar italiana per far posto alla prima Lamborghini "by Audi", la Lamborghini Murcielago. Prima ancora rinnovò il motore portando la cilindrata a 6.000 centimetri cubi e lanciò quella che è considerata la Diablo più radicale: la Lamborghini Diablo GT, una versione di cui furono prodotte solo 80 unità e che aveva una variante del V12 6.0 con 575 cv. 

La Lamborghini Diablo una volta era il marchio più venduto della storiaSebbene dopo 11 anni di vendita, non si può dire che sia un successo. La Lamborghini Murcielago la superò facilmente, per essere poi equamente superata dalla Gallardo, dalla Huracán e dalla Lamborghini Urus, che vendettero un totale di 10.000 unità in soli due anni.

Lamborghini Diablo GT

Cosa ne pensi?

Javi martin

scritto da Javi martin

Se mi chiedi da dove viene il mio amore per i motori, non saprei rispondere. È sempre stato lì, anche se io sono l'unico della famiglia a cui piace questo mondo. Mio padre ha lavorato come disegnatore in un'azienda metallurgica con molta produzione di componenti per auto, ma non c'è mai stata una passione come me.

Mi piace molto la storia dell'automobile e attualmente sto creando una biblioteca personale dedicata esclusivamente alla storia del motore in Spagna, senza dimenticare le moto che hanno dato tanto servizio nella nostra "vecchia" Spagna. Ho anche una vasta collezione di materiale scansionato.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci