in

Mi piaceMi piace

Preistoria motoristica spagnola

CONTENUTI CO-SPONSORIZZATI DAL PORTALE NOLEGGIO
DI VECCHI VEICOLI DRIVECLASSICS.COM

È una mattina instabile di un sabato di maggio e stiamo guidando sull'autostrada AP 7; solo il rum rum dall'asfalto, il sole brilla di un giallo brillante e improvvisamente una nuvola scura oscura il paesaggio. Senza accorgersene, i fari dell'auto si accendono automaticamente; ad un certo punto cade una leggera pioggia ei tergicristalli agiscono obbedienti e da soli rimuovendo le gocce di pioggia.

Sono seduto come passeggero con mio figlio in una moderna auto 4 × 4. Deve contattare i proprietari di auto d'epoca per la sua azienda in una concentrazione di una città sulla costa catalana; Lo accompagno per complicità e sostegno, e anche perché sono occasioni di dialogo e di convivenza spontanea di cui di tanto in tanto godiamo.

Approfittiamo di questo tipo di uscite per parlare del divino o del terreno, e all'improvviso dico “Tuo nonno sarebbe molto orgoglioso della tua iniziativa. Per lui sarebbe stato come il coronamento di un grande sogno”. Detto questo, abbiamo passato qualche minuto in silenzio e solo il leggero rum rum il motore.

In questo lasso di tempo, facendo memoria, mi passa per la mente il ricordo di come tutto ebbe inizio:
La storia del motore nella mia famiglia. Noto che è una lunga sequenza, che inizia con mio padre e la sua bicicletta che ha comprato per 100 pesetas.

Didascalia
All'inizio degli anni '50 c'erano forse più giocattoli che automobili per strada. L'autore nella sua prima "macchina"

Mio padre era un uomo con la passione per i viaggi, per aver scoperto che c'era oltre l'orizzonte, e non gli importava - non c'era altro rimedio - di lavorare 14 o 16 ore al giorno con tante domeniche comprese; E non parliamo delle vacanze impensabili come intese oggi, che eravamo nei primi anni '50.

Fatto sta che riuscì ad acquistare un motorino che si attaccava alla ruota posteriore e che facendo girare un piccolo meccanismo che poggiava sullo stesso pneumatico, con la pressione e il peso dell'elica stessa in rotazione, e con più o meno gomma usura, spostando la bici in avanti senza pedalare: "Fantastico! siamo già motorizzati", ha detto.

Il passo successivo fu montare il suo Rex - così si chiamava il motorino - su un tandem e "Eureka!" ha esclamato, ora potrebbe viaggiare con tutta la sua famiglia: padre come autista, madre come passeggero dietro di lui, io con 6 anni in un cestino sulla barra del telaio e, infine, mio ​​fratello di due anni in un altro cestino dietro , in cima allo stesso motore. L'immaginazione non ha limiti e avevamo il mondo intero davanti a noi.

Didascalia
In assenza di opzioni migliori, le biciclette erano la delizia degli amanti della velocità

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

Tra due ruote

Il mondo con quei mezzi finiva a più o meno dieci chilometri da casa, e mio padre capì presto che era un orizzonte troppo limitato per come lo aveva immaginato. Quindi, dopo la corrispondente ripresa economica, la sua ossessione era quella di acquistare una vera motocicletta del marchio Villof. Erano 125 c/c e non aveva nemmeno il cambio.

La famiglia è stata distribuita allo stesso modo della bicicletta tandem e l'orizzonte è diventato un po' più lontano. Ricordo che dovevamo accelerare da lontano per poter salire su certe pendenze e, se non ci arrivassimo, farebbe slittare un po' la frizione e rideremo delle foto che ci mandano via mail dei cinesi famiglie completamente caricate sulle loro moto.

La cosa fu complicata da un errore nei calcoli, e nacque la mia sorellina; e cinque al Villof erano già troppo rischiosi. Mio padre ha dovuto fare un altro passo, lavorando montagne di ore, turni e turni di luna, come falciare e imballare il grano. La cosa successiva è stata una vera motocicletta sidecar di seconda o quinta mano, chissà, da prima della seconda guerra mondiale. Tre ruote in totale, un intero BSA

[/ Su_note]

Didascalia
Tutta la famiglia, nella BSA

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

"Fantastico! Ora tutta la famiglia può viaggiare”, esclamò deliziato, la ragazza in braccio alla mamma nel sidecar e mio fratello su una sedia che si apriva sollevando un coperchio da dietro il sidecar. Papà stava guidando e io ero dietro di lui; i suoi 500 c/ce le valvole laterali non avevano niente da dire, ma l'orizzonte era a circa 100 chilometri di distanza.

Non è stato male, il viaggio della stella è stato da Barcellona a Olot e Besalú in due giorni e con una tenda. Abbiamo visto dal vivo i vulcani ei ponti storici che fino ad allora apparivano solo in certi libri e cartoline; e passavamo metà dell'estate a spiegarlo nel fresco della notte, facendo un giro di vicini con le sedie in mezzo alla strada.

Se per caso appariva un veicolo - alcuni a gas - anche se lo si sentiva cinque minuti prima che arrivasse, si allontanava, e noi proseguivamo con la piacevole chiacchierata che i vicini ascoltavano affascinati. Ah! e il tutto documentato con due o tre fotografie, come mio padre aveva la sua macchina a mantice come si addiceva a ogni buon pioniere. Eravamo già alla fine degli anni '50 del secolo scorso.

[/ Su_note]

Didascalia
Presto, le cose avrebbero iniziato a migliorare nel Piel de Toro ... (Da Archivi nazionali olandesi)

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

L'umiliazione provocata dalle coppie di vigili urbani, che con le loro Indian e Harley, si sistemavano ad un certo punto, sempre lo stesso, e lì fermavano tutti e tre i veicoli che passavano senza motivo. Il metodo per avere successo era quello a priori l'autista, nel suo portafoglio di documenti e permessi, ha messo tra loro 25 pesetas.

Il poliziotto che ti ha fermato chiedeva immancabilmente la documentazione e, mentre la controllava coscienziosamente, il secondo poliziotto faceva finta di esaminare tutte le luci, i freni, ecc... "va tutto bene", l'altro ha restituito la documentazione e ha detto molto seriamente "vai avanti per favore". Naturalmente le 25 pesetas erano scomparse. Ci siamo poi specializzati in percorsi alternativi e strade di campagna.

[/ Su_note]

Alla microcar e oltre

La "BSA" si scaldava e perdeva potenza in salita, dovevamo fermarci ad aspettare che si raffreddasse, e papà inventò un ventilatore dentro una specie di casseruola con una cinghia, che usciva dal pignone della catena sapere dove, per ventilare e raffreddare il cilindro; ma non era una soluzione efficiente o stabile, aveva molti mezzi economici e pochi mezzi.

Bisognava fare un altro salto: la ragazza stava crescendo. Eravamo ai tempi delle microcar e il sostituto della BSA era un David, un tre ruote, uno davanti che sosteneva il motore con una balestra ritorta e due dietro. Dire che era una 4/5 posti e cabriolet vedendola oggi può essere uno scherzo con poca grazia. Ma con la soddisfazione di viaggiare tutti più o meno seduti e con tre doppie marce che hanno permesso di scalare tutte le montagne del mondo, scherzo con quel geniale roadrunner.

Il meccanico Francesc Roig ripara un triciclo alla fabbrica David (file MG)
[su_youtube_advanced https = »yes» url = 'https: //youtube.com/watch? v = F6HYH52_lY0 ]

Foto di Dávid, dall'archivio di Manuel Garriga (autore sconosciuto) /
Video del No-Do di un altro dei tricicli nazionali, grazie a PasionPorElAutomóvil

Quando avevo 12 anni e mio padre era al mio fianco, mi ha lasciato guidare e gli ho dato lo spavento occasionale. Man mano che tutti continuavamo a crescere, all'inizio degli anni '60 arrivò la prima vera macchina, una macchina incredibile, e per la prima volta si passò da un monocilindrico a due. Un "DKW" con porte in legno, tetto e telaio in tela e anche prima della seconda guerra mondiale. Questo marchio corrisponde a uno degli anelli della moderna Audi che in passato erano la leggendaria e rivoluzionaria Auto Unión.

Il fantastico e tanto atteso DKW ha concluso male il suo tempo in famiglia. Avevo 14 anni, senza patente e latitante, mentre mio padre lavorava, scappavo per andare a fare una passeggiata con gli amici... L'ho dominata, pensavo benissimo. In alcune curve e in discesa gli ha dato un piccolo colpo di volante e acceleratore, facendogli sbandare sulle ruote posteriori. I miei amici si divertivano e io ero il re del mambo, finché in una curva le ruote giravano ma con l'eccesso di velocità la macchina continuava dritta. I rami, i tronchi e il terreno alla fine ci hanno fermato e, anche se siamo usciti illesi, l'auto lì è morta.

Non credo di essermi mai sentito così dispiaciuto per il mio comportamento disastroso e per il suo esito, né per la reazione di mio padre nel vedere l'auto di famiglia. In fondo sapevo che non sarebbe stato economicamente facile comprarne un altro; In altre parole, dopo una lunga storia di motorizzazione noi stessi, stavamo tornando di nuovo e per mia irresponsabilità, alla bicicletta.
Dopo circa sei mesi, papà è riuscito a comprare una fantastica Seat 600 di seconda mano con un prestito e qualche risparmio, ma questa è un'altra storia.

Cosa ne pensi?

scritto da Hector Olle

Héctor Olle è il alma mater de Drivingclassic.com. In questo sito Web, il concetto di noleggio di vecchi veicoli viene portato su un nuovo terreno, in cui è apprezzato sia da questi che dai loro proprietari. È un servizio di tour in cui i privati ​​offrono la loro auto in cambio di una cifra trattabile e un tempo in buona compagnia con un altro fan. Grazie a questo schema, hai accesso a una vasta gamma di veicoli, divertendoti e ottenendo informazioni di prima mano sul modello scelto. Ed è che nessuno meglio del proprietario di uno di quei veicoli con cui abbiamo sempre sognato di raccontarci, in un clima di sincerità, i suoi pregi e difetti. Oltre a queste esperienze individuali, alcuni dei veicoli possono essere utilizzati anche per matrimoni, anniversari, meeting aziendali, inaugurazioni, mostre, campagne pubblicitarie, cinema, percorsi turistici o qualsiasi altro tipo di eventi e celebrazioni. Conducirclasicos.com si adatta a tutto per dare energia al settore, in modo tale da creare legami tra persone con gli stessi hobby, facendo conoscere l'entusiasmante mondo del veicolo classico in modo gratificante e indimenticabile, rivalutando e arricchendo questo meraviglioso hobby .

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.6kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci