in

Dodge di Carrero Blanco, l'auto più controversa in Spagna

[su_highlight] 2/10/2014 - Ricapitoliamo la storia e pubblichiamo un nuovo report. L'auto è stata nuovamente esposta al pubblico. Per consultare le informazioni aggiornate, clicca qui[/ su_highlight]

Il titolo che apre questo articolo ha una spiegazione che non intende entrare in polemica. La prima frase illustra quale sia l'argomento che verrà trattato nelle righe successive, in cui si cercherà di descrivere cosa fosse e cosa sia successo al veicolo che ha regolarmente trasportato un importante militare e politico spagnolo fino alla sua morte in un attacco attentamente pianificato ed eseguito dall'ETA. La ribelle seconda parte dell'intestazione è stata utilizzata da Chrysler in una delle loro promozioni, tentando di strizzare l'occhio al «La migliore auto in Spagna».

Inevitabilmente, la Storia ci porta al 20 dicembre 1973, davanti al numero 104 di Calle de Claudio Coello di Madrid. Lì, l'allora presidente del governo Luis Carrero Blanco ha perso la vita nella sua auto con il suo autista e un ispettore di polizia che viaggiava su di essa.

Come quasi tutti sanno, Carrero viaggiava su una Dodge 3700 GT - senza Dart, cosa che erroneamente si ripete in altre pubblicazioni - di colore nero lucido, targata 16.416 del Parco Mobile Ministeriale. Per curiosità, i veicoli le cui targhe seguivano i 16.400 erano Dodge destinati a ministri e funzionari governativi di alto rango dell'epoca.

Didascalia
Particolare di una pubblicità per la Dodge 3700 GT

Tutti sono stati prodotti nello stabilimento Chrysler di Villaverde nel 1971 e comprendevano, ad eccezione del cambio automatico -che non sarebbe arrivato fino al 73-, servosterzo, servofreno e aria condizionata. Il modello è stato quindi scelto come Auto dell'anno in Spagna.

Come la maggior parte delle unità, il veicolo dell'ammiraglio Carrero Blanco apparteneva alla prima serie, che si caratterizzava per avere il caratteristico GT sui parafanghi posteriori e non situato alla base del tetto sulle fiancate posteriori; luci integrate nel paraurti anteriore, assenza di modanature laterali sotto le maniglie delle portiere e specchietti ereditati dal modello precedente, ovvero dalla Dart prodotta da Eduardo Barreiros.

Contrariamente a quanto si è creduto ed è stato ripetuto nelle riproduzioni cinematografiche e televisive che sono state realizzate di questo particolare veicolo -forse il più riuscito è quello che si poteva vedere nella miniserie diretta da Miguel Bardem per RTVE-, le vetture del Parco Mobile Ministeriale non avevano due bandiere sul davanti, sulle pinne, ma solo una sulla pinna anteriore destra.

Arrivo dei mezzi ufficiali al Ministero dell'Interno, dopo l'attentato al Carrero Blanco
Arrivo dei mezzi ufficiali al Ministero dell'Interno, dopo l'attentato al Carrero Blanco

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

non schermato

Anche contro quanto divulgato dai media, la Dodge non era blindata, qualcosa che era proprio incaricato di diffondere il produttore stesso, Chrysler, con l'obiettivo di diffondere l'idea della grande sicurezza della sua berlina. Si parla di un rapporto interno che elogia questo e altri "valori" della 3700 GT, come il fatto che, dopo l'esplosione, l'indicatore di direzione sinistro abbia continuato a funzionare, eventualmente attivato dal guidatore in fase di svolta. Questo rapporto era sia inutile che controverso.

La robustezza del telaio della 3700 GT è stata dimostrata senza la necessità di espedienti pubblicitari. Il mezzo ha subito un'esplosione che lo ha colpito in pieno, causato, secondo dati noti, da circa 100 kg di dinamite posti in un tunnel scavato sotto la suddetta strada nel quartiere Salamanca.

Tuttavia, esiste una teoria non ufficiale in cui si dice che, inoltre, sia stato aggiunto il carico di diverse granate anticarro nordamericane che erano state rubate mesi prima dalla base aerea di Torrejón de Ardoz. Quelle granate sono state piazzate accanto alla dinamite presumibilmente dai servizi segreti di un altro paese, per garantire che l'attacco non fallisse.

[/ Su_note]

Dicembre 1973. Resti di Dodge nel Parco Mobile dei Ministeri Civili (Foto: Archivio Diario ABC)
Dicembre 1973: Resti di Dodge nel Parco Mobile dei Ministeri Civili (Foto: Archivio Diario ABC)

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

Se quest'ultima teoria fosse vera, questa potrebbe essere la spiegazione che, dopo aver fatto esplodere l'asfalto della strada dove stava rotolando la Dodge, l'effetto dell'enorme deflagrazione ha fatto salire verticalmente i quasi 1800 kg del veicolo, parallelamente alla facciata posteriore della chiesa di San Francisco de Borja -Convento dei Gesuiti-, alta circa 30 metri, si ferma, rompendo il cornicione posto nella sua parte superiore e dopo aver abbattuto il tetto, cade 10 metri più in basso nella prima galleria del patio interno della proprietà.

Nonostante l'enorme danno alla vettura, soprattutto nella zona del bagagliaio - che si è deformato verso l'alto a forma di V ma senza in realtà rompere il lunotto! - due dei suoi tre occupanti, in un primo momento, sono sopravvissuti all'esplosione. José Antonio Bueno Fernández, un ispettore di polizia che era seduto sul sedile del passeggero, è morto sul colpo poiché quel lato era il più danneggiato. Carrero Blanco è morto all'interno del veicolo, mentre, morente, era in cura dai servizi sanitari. L'autista, José Luis Pérez Mogena, potrebbe essere portato vivo in ospedale, ma per lui non si è potuto fare nulla vista la gravità delle ferite.

[/ Su_note]

Nessun museo

Tralasciando tutto quanto fin qui narrato in riferimento al fatto di questo sfortunato evento, dopo l'attacco la 3700 GT aveva due destinazioni. È stato prima portato nel garage del parcheggio mobile dei Ministeri Civili, dove è rimasto custodito fino a quando non è stato autorizzato il suo imminente trasferimento al Museo dell'Esercito.

1974. Installazione del veicolo al Museo dell'Esercito (Foto: Archivio Diario ABC) / 2002. Imballare il veicolo durante l'inizio dei lavori al Museo dell'Esercito (Foto: Archivio Diario ABC)
1974: Installazione del veicolo nel Museo dell'Esercito (Foto: Archivio Diario ABC) /
2002: Imballare il mezzo durante l'inizio dei lavori al Museo dell'Esercito (Foto: Archivio Diario ABC)

Il 1 gennaio 1974 fu visto per la prima volta in una struttura dove fu esposto accanto ai veicoli in cui persero la vita Juan Prim ed Eduardo Dato. Rimase lì per un decennio, prima aperta e poi in una specie di scatola trasparente con pareti in metacrilato, finché a metà degli anni '80 fu rimossa dalla mostra permanente del museo.

Nel novembre 2002 è stato accuratamente imballato per il suo trasferimento da Madrid a Toledo dove, secondo alcune fonti, sarebbe arrivato. Tuttavia, e secondo altre testimonianze, tale trasferimento non è mai avvenuto. Dopo aver effettuato alcune indagini attraverso consultazioni con i militari, al momento sembra che si trovi all'interno della stessa struttura metallica fabbricata per il suo ultimo viaggio, in un magazzino che il Ministero della Difesa ha a Madrid. Non è stato mostrato al pubblico per più di due decenni. Dato il suo indubbio valore storico, I lettori pensano che dovrebbe essere mostrato di nuovo?

(Ringraziamenti: Diario ABC e Ministero della Difesa)

 

Cosa ne pensi?

Alberto Ferrera

scritto da Alberto Ferrera

Alberto Ferreras (Madrid, 1968) ha sviluppato la sua carriera professionale nel giornale Il Paese dal 1988, dove ha lavorato come redattore grafico e redattore del supplemento Il motore fino a gennaio 2011. Laureato in Fotografia, è stato finalista al Premio Ortega y Gasset di ... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci