Ayrton Senna McLaren-Honda 1988
in

L'avvocato del diavolo (IV): L'“epoca d'oro” degli sport motoristici

Tra il fatto che idealizziamo ciò che abbiamo vissuto in gioventù e che “qualsiasi tempo passato era migliore”, ogni generazione ha la sua cosiddetta “età dell’oro”

In tutte le professioni ci sono frasi che si ripetono frequentemente e con le quali chi le dice, Cercano di darsi un'aria di conoscenza. Una di quelle frasi comuni è “Età d'oro” degli sport motoristici per definire un certo periodo, un nome che ho visto applicato agli anni 30, 50, 60, 70 e 80. E la stessa cosa accade con i rally. Abbiamo parte della spiegazione nel ultimo articolo di “Io, io, io, con me”, in cui commentava quella tendenza nazionale a considerarsi il centro dell'universo. Perciò, il "Golden Age" è quello che YO Ho vissuto da giovane.

L'età d'oro del motorsport

Come in Spagna, leggere e documentarsi è una pratica insolita, per la stragrande maggioranza dei dilettanti e dei professionisti Sa solo quello che ha nella memoria fin dall'infanzia. fino alla giovinezza. Cioè mai quello che si è letto o studiato sull'argomento, perdendo così una prospettiva storica che è sempre arricchente. Inoltre, questo ci permette di valutare molto meglio l’epoca attuale e le proiezioni future avendo molti più elementi di giudizio. Ed è quello Come possiamo comprendere il presente senza conoscere minimamente il passato?

IL PERIODO D'ORO DEGLI SPORT MOTORISTICI

La primo riferimento che ho all’“epoca d’oro” in relazione all’automobile e ho visto la concorrenza nei libri riferiti al periodo 1934-1939. Erano anni in cui il dominio del Mercedes-Benz e i Unione automatica Nel Gran Premio è stato travolgente, con una prestazione tecnica e mediatica senza paragoni. Solo i dotati Tazio nuvolari Riuscì a privarli di qualche vittoria occasionale con le loro Alfa Romeo, finché il mantovano finì per firmare per l'Auto Union.

Poi, dopo la seconda guerra mondiale, Ho visto diversi periodi chiamati “epoca d’oro” degli sport motoristici in contrapposizione al momento attuale. È sempre presente la nostalgia a volte insita nei confronti dei tempi passati che, non so perché, sembrano essere sempre stati migliori di quelli attuali. Alcuni punti salienti di prove concrete sono citati come dimostrazione di ciò che dicono, come ad esempio duello tra Villeneuve e Arnoux a Digione (Francia) nel 1979, come se quell'anniversario fosse stato una costante di quelle stagioni.

È come quando dici che le canzoni "dei suoi anni” erano migliori di quelli attuali. In realtà, ciò che accade è che quelli di diversi decenni fa che si sentono oggi sono quelli che il tempo ha selezionato, cosa che accadrà anche tra due o più decenni con quelli attuali. Per lo stesso motivo, e tornando alla competizione, dobbiamo, dopo aver visto un paio di avvincenti duelli di tanto tempo fa, Questi duelli diventano la norma e definiscono un’“epoca d’oro” che sembra essere unico.

ROTONDO CON I ROVESCIATI

Possiamo dire che, da quando sono comparsi gli alettoni e, successivamente, l'effetto suolo, si è verificato un aumento molto notevole della velocità in curva. A ciò si aggiungevano spazi di frenata molto più brevi, che rendevano più facile andare a tutto gas, quindi i sorpassi diventavano più difficili e rari. Questo è stato un rimprovero generale alla F1 e alle altre discipline non ci sono stati quasi sorpassi. Ecco perché è stato introdotto il DRS, e ora si scopre che una delle critiche mosse alla F1 oggi è la relativa facilità con cui il DRS offre ai piloti i sorpassi. Ebbene, si scopre che quegli anni precedenti, tanto criticati per ciò che ho appena citato, furono anche un “periodo d'oro” degli sport motoristici. Sono sicuro che se i DRS fossero banditi oggi, Tra un paio d’anni si parlerebbe della “golden age del DRS”.

Inoltre, se si analizza un po' la cosa e senza risalire agli anni precedenti la Formula 1, che per definizione è solo un nome sotto il quale dal 1948 vengono redatti diversi regolamenti per le vetture da Gran Premio, sarebbe opportuno non dimenticare che il suddetto Gran Premio risale al 1906. Da allora si può constatare che C'era spesso la superiorità di alcune auto rispetto ad altre, con gli “anni” Sunbeam, gli “anni” Bugatti, e così via con Delage, Alfa Romeo, Mercedes e altri.

E dal 1948, abbiamo visto Le Alfa Romeo 158 dominano con autorità fino al 1951; la Ferrari 500 F2 (sì, Formula 2) vincente gara dopo gara nel 1952 e 1953 con Ascari; alla Mercedes W169 del 1954 e 1955 con Juan Manuel Fangio, e così via, una lunga somma e continua. Nella F13, tra il 1962 ed il 1965 il dominio di Jim Clark con la Lotus fu praticamente totale, anche se i non infrequenti guasti della Lotus lo privarono del titolo nel 1962 e nel 1964. Infatti tra i giornalisti automobilistici La frase "picchiare Clark" divenne di moda. Ovvero, ottenere la pole e primeggiare con -apparente- facilità fin dalla partenza, tagliando per primo il traguardo, un po' come Verstappen negli ultimi due anni. Anche quegli anni furono un’età dell’oro?

E se andiamo a altre discipline come la resistenza, quale è stata la “golden age”? Quello dei duelli tra l'Alfa Romeo e la Bugatti? Quello degli scontri Ferrari-Jaguar; Ferrari-Aston Martin; Ferrari-Ford; Ferrari-Porsche e Ferrari-Matra? O gli anni del dominio Audi?

ESISTE DAVVERO IL PERIODO D'ORO DEGLI SPORT MOTORISTICI?

Tutte le epoche hanno i loro momenti migliori e gli sport motoristici, essendo uno sport ultra tecnico, sono soggetti a momenti migliori e momenti peggiori. Comunque, sempre, in ogni stagione e anche in ogni gara, c'è qualcosa che vale la pena vedere, anche se a volte sembra che solo i sorpassi e gli incidenti occasionali siano divertenti per alcuni. A Monaco i sorpassi sono pochissimi e comunque vedere le vetture toccare i binari, con il talento e la maestria che arrivano al limite curva dopo curva e giro dopo giro è di per sé un grande spettacolo...

GP Spagna 1980 Emilio Villota
Emilio Villota con la Williams-Ford durante il GP di Spagna del 1980.

Se sai apprezzarlo, ti divertirai a vedere come agisce. quel martello chiamato Hamilton quando dai box gli dicono che deve provarci, o l'incredibile velocità e capacità di Alonso per “leggere” la gara sempre; l'insolente supremazia di Schumacher per diversi anni, il genio e il coraggio di Gilles Villeneuve, la velocità di Senna, la precisione quasi matematica di Prost; la perfezione e la superiorità quasi offensiva di Clark e Stewart; la spettacolarità di Peterson, il dominio permanente di Fangio a prescindere dalla vettura... E se andiamo più indietro, la superiorità di veri geni come Nuvolari, Caracciola, Rosemeyer, Chirone e altri su auto molto potenti i cui motori superavano di gran lunga le prestazioni del telaio e dei pneumatici...

Tutto ciò costituisce tante “età dell’oro” degli sport motoristici quante sono le generazioni. Quindi è una buona idea sapere come guardare nello specchietto retrovisore e dimenticare quell'adamismo secondo il quale l'“età dell'oro” inizia con se stessi. Chi non vuole studiare il passato ha tutto il diritto di farlo, ma per favore non pontifica definendo la propria “età dell’oro” semplicemente perché è quella che ha vissuto.

NOTA: Pablo Gimeno Valledor è membro della Commissione Cultura della FEVA.

Cosa ne pensi?

foto dell'avatar

scritto da Pablo Gimeno Valledor

Pablo Gimeno Valledor (Madrid 1949). Sono sempre stato un appassionato di auto. Inoltre mi sono sempre piaciute le auto di ogni tipo ed epoca, così come le competizioni, con una predilezione particolare per i temi nazionali. Perché, fino a poco tempo fa, sapevamo più di Ferrari, Porsche o VW che di Pegaso o SEAT. Fortunatamente, grazie a certe riviste e libri, oltre che attraverso le cosiddette riviste digitali, la nostra conoscenza oggi è molto maggiore di quella di non molti anni fa, quindi è un piacere e un onore collaborare con un sito web di riferimento come questo da THE SQUAD.

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

60.2kFan
2.1kSeguaci
3.4kSeguaci
3.8kSeguaci