in

Mi piaceMi piace

Kimera EVO37, la rinascita del Rally Lancia «037»

Ci sono auto che dureranno per sempre, sia nella mente dei fan che nei garage dei ricchi collezionisti. Ma ci sono persone che non sono soddisfatte di ciò che hanno e vogliono andare oltre. A volte il sacrilegio rasenta molti, ma ci sono momenti in cui questo "sacrilegio" è un vero spettacolo

Se c'è un momento speciale nel mondo dei rally, quello è quello tra il 1982 e il 1986, l'era del Girone B, tanto agognata oggi. Non per niente, in quegli anni furono create alcune delle auto più brutali e sproporzionate della storia dei rally, così selvaggio, che fu la loro rovina. Non si vedrà mai più nulla di simile, anche se le auto da rally di oggi sono spettacolarmente veloci. 

La cosa migliore del Gruppo B dei Rally è che il suo regolamento richiedeva l'omologazione delle versioni di produzione su cui sarebbe stato sviluppato il modello da competizione. Così, come è successo altre volte (la BMW M3, ad esempio, è nata come auto di omologazione), sono apparse alcune delle auto più pazze sul mercato, seppur con piccole limitazioni che le rendevano idonee all'uso su strade pubbliche. Erano ancora autentici Girone B, ma con la potenza "limitata" e le comodità che chiedevano gli utenti di quegli anni. 

Una delle particolarità è che tutto il Gruppo B aveva la trazione integrale, o quasi. Ce n'era uno che andava un po' al di fuori della norma stabilita, essendo inoltre, uno dei primi veicoli omologati per il Gruppo B: la Lancia 037. Si tratta di una delle più atipiche Gruppo B, con propulsione al posto della trazione integrale, con carrozzeria coupé che finì per essere “copiata” dalla Ford con la RS200 e fu anche l'ultima vettura motorizzata a vincere il Mondiale. più specificamente il mondo dei marchi). 

La Lancia 037, o meglio, la Lancia Rally (che è il suo nome ufficiale) è stata la prima vettura omologata per il Gruppo B e ha seguito il percorso della Lancia Stratos: un'auto creata da e per il rally, sviluppata da Abarth sulla base della Lancia Beta Monte-Carlo e con una carrozzeria disegnata da Pininfarina. Concluse la sua vita nelle competizioni come lo stesso Gruppo B, con un incidente mortale, ma rimase nella memoria degli appassionati come una delle vetture più speciali di un'epoca così spettacolare.

Lancia Rally, il Gruppo B più speciale 

Quando si parla di rally è impossibile non citare il Gruppo B, è facile verificarlo dando un'occhiata a qualsiasi social network o forum dedicato ai rally. È come un'ossessione generalizzata che a volte sminuisce il resto dei veicoli che hanno occupato e occupa le sezioni di mezzo mondo, dando spettacolo ai più appassionati di questo sport, uno dei più complicati del mondo delle corse e ovviamente, uno dei più sensazionali da vedere e vivere. Se non sei mai stato in un fosso a guardare le auto mordere a pochi centimetri dai tuoi piedi, non dovresti aspettare di farlo. Lo spettacolo e la fratellanza con il resto dei fan sono unici

Tuttavia, in questi forum e social network si parla spesso molto dell'Audi Quattro e della Peugeot 205, le auto più iconiche nei rally e le più vincenti nel Gruppo B. Tra loro due, hanno condiviso gran parte dei podi e I titoli, creando una rivalità tale da costringere il resto dei marchi a seguire il loro ritmo e Lancia ha dovuto mettere in circolazione la Delta S4, la vettura che ha finito per mettere l'ultimo chiodo nella bara del Gruppo B. È divertente che Lancia sia stata la prima e l'ultima nel girone B e che le sue due auto hanno concluso la sua vita nelle corse allo stesso modo. 

Le vetture Lancia, infatti, erano davvero uniche, la Delta S4 per le prestazioni e l'incredibile doppia sovralimentazione (compressore e turbo), e la Lancia 037 per design e soluzioni. E possiamo andare un po' oltre, considerando la Lancia 037 il Gruppo B più speciale e unico, anche se la metropolitana di Austin aveva un V6. Non esisteva un'altra vettura come la Lancia 037 e forse, proprio per questo motivo, è oggetto di tanti rifacimenti digitali che ne immaginano il ritorno sul mercato e forse proprio per questo è stata scelta da Kimera Automobili per creare una delle i restomod più incredibili degli ultimi anni. . 

Tuttavia parlare di restomod è un po' azzardato, visto che il lavoro di Kimera Automobili va ben oltre un restomod, è quasi un'auto fatta apposta, mantenendo le caratteristiche della Lancia 037, oltre che alcune sue caratteristiche. È una realizzazione di altissimo livello, ma Considerarlo un restomod significa trascurare molte auto in questa macchina

Resurrezione della Lancia 037 o un'auto totalmente nuova?

Kimera EVO37

Un restomod, per darci un'idea, è un restauro durante il quale vengono apportate alcune modifiche e alcuni componenti vengono modernizzati. In genere vengono utilizzati componenti di auto più moderne della stessa marca (non devono essere di ultima generazione) e si cerca di mantenere la stessa essenza dell'auto originale. Ovviamente le prestazioni e la sicurezza sono migliorate, così come l'equipaggiamento, ma la vettura non è cambiata nella sua interezza. 

Nel caso della Kimera EVO37, il nome dato all'opera, è uno sviluppo che parte da un foglio bianco (la stessa Kimera Automobili lo ha confermato), risultando in un'auto superlativa, una vera riedizione della Lancia 037 piuttosto che un restomod. Un'evoluzione e una modernizzazione che offre un'immagine chiara di come potrebbe essere questa speculare coupé se l'azienda italiana la rilanciasse sul mercato, anche se, come sicuramente già saprete, Lancia ha un futuro più pulito e meno passionale, essendo una delle primi marchi Stellantis nella conversione all'elettrificazione. Anche se lasciamo che altri te lo dicano, continueremo con Kimera EVO37. 

Ultimamente stiamo vedendo come alcuni ingegneri appassionati sono stati decisi a riportare in vita vecchi miti. C'è chi ha deciso di farlo da tempo, come Alfaholics e la loro clamorosa Alfa Romeo, o Singer, con il loro lavoro sulla Porsche 964, senza dimenticare Eagle e la sua spettacolare E-Type. Kimera si unisce a tutti loro con una Lancia 037 che fa rosse molte auto che viene bollata come vere auto sportive, con un motore che supera di gran lunga anche la Lancia 037 del Mondiale Rally per potenza e prestazioni. 

Per completare questo progetto non hanno lesinato sulle risorse e questo, come previsto, mostra quando si acquista un'unità. Ma mettiamola da parte, che non è una cosa che ci interessa ora. Ora è interessante, per esempio, che la sua scocca è in fibra di carbonio rispettando il più possibile le linee dell'originale, ma ammodernando alcuni aspetti come la finitura generale dei pannelli che lo modellano, i fari e le luci a led, un diffusore posteriore perfettamente funzionante con quattro scarichi a due a due... e ovviamente i cerchi ispirati agli originali e il enorme spoiler posteriore... Non c'è dubbio che si tratti di una 037 modernizzata e anche, con grande gusto per i dettagli. 

Detto corpo è montato su una struttura tubolare, sospensioni con ammortizzatori Öhlins e freni Brembo. È leggermente più grande della Lancia 037 originale, raggiungendo i 4,36 metri di lunghezza (3,96 metri per la Lancia), 1,91 metri di larghezza (1,80 metri per la 037) e 1,20 metri di altezza (1,24 metri l'originale). Anche il passo dell'EVO37 è più ampio, a 2,52 metri contro 2,44 metri. 

Per quanto riguarda il motore, è un 2.150 centimetro cubo quattro cilindri posizionato in posizione centrale posteriore, eroga 377 kW (512 CV) e 550 Nm di coppia grazie, tra l'altro, ad un turbo e ad un lavoro di riprogettazione e ricostruzione molto profondo, trattandosi di un motore derivato dall'originale Lancia. 

Solo 37 unità saranno prodotte al non trascurabile prezzo di 480.000 euro.

Cosa ne pensi?

Javi martin

scritto da Javi martin

Se mi chiedi da dove viene il mio amore per i motori, non saprei rispondere. È sempre stato lì, anche se io sono l'unico della famiglia a cui piace questo mondo. Mio padre ha lavorato come disegnatore in un'azienda metallurgica con molta produzione di componenti per auto, ma non c'è mai stata una passione come me.

Mi piace molto la storia dell'automobile e attualmente sto creando una biblioteca personale dedicata esclusivamente alla storia del motore in Spagna, senza dimenticare le moto che hanno dato tanto servizio nella nostra "vecchia" Spagna. Ho anche una vasta collezione di materiale scansionato.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.6kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci