in

Interclassics e Topmobiel, la Borsa di Maastricht

Tradizionalmente, Maastricht apre il fuoco inaugurando la stagione dei classici salotti europei con il suo InterClassics e TopMobiel tenutasi presso le grandi strutture MECC alle porte della città, vicino all'autostrada A2 che collega i Paesi Bassi con Liegi, una città industriale in Belgio che un tempo ospitava la fabbrica di automobili FN.

Questa edizione si è svolta dal 17 al 19 gennaio 2014 con lo speciale incentivo di una mostra dedicata al centenario della Maserati. Se il 2013 è stato l'anno del cinquantesimo anniversario della Porsche 911, il 2014 regalerà agli appassionati una raffica di festeggiamenti attorno al marchio del tridente. Tuttavia, Erik Panis, direttore della mostra e Maarje Janssen, addetto stampa, hanno ricordato a questo cronista che altri temi principali attendevano i visitatori del MECC, come la presenza della Ford Mustang al cinema o le leggende della concorrenza di prima della guerra.

Provenendo da sud, come sarebbe logico per i viaggiatori provenienti dalla Spagna, e nel caso si scegliesse l'auto come mezzo di trasporto, sarebbe necessario attraversare il Belgio. Le autostrade belghe, vanto nazionale per la loro modernità e la loro esclusiva illuminazione notturna, sono entrate in una fase di preoccupante degrado che le rende persino pericolose a causa del proliferare di grosse buche nell'asfalto che i belgi chiamano scherzosamente "nidi di gallina".

In ogni angolo ci sono grandi sorprese, come questa Invicta del 1929
Non c'è da meravigliarsi se l'Alfa Romeo 1900 CSS di Boano del 1955 non si vede spesso. È un esemplare unico
1- In ogni angolo di I&T ci sono grandi sorprese, come questa Invicta del 1929
2- Questa Alfa Romeo 1900 CSS Boano del 1955 è un esemplare unico

A volte i nidi sono così grandi che ci può stare dentro una ruota di automobile, con le conseguenze che si possono immaginare. Quando si percorrono questi, vorrei consigliare agli automobilisti di ascoltare la radio, poiché le stazioni principali riportano puntualmente sui tratti stradali danneggiati, con la loro posizione chilometrica.

UN MERCATO IN CRESCITA

Affrontare le difficoltà del percorso viene premiato accedendo a InterClassics e TopMobiel, uno showroom curato, ottimamente presentato e che ha seguito la generale espansione registrata nel mondo delle auto d'epoca negli ultimi anni.

Ricordiamo che, secondo le conclusioni di un seminario tenutosi a Beaulieu (GB) nel dicembre 2013, negli ultimi sei anni il mercato delle auto d'epoca ha registrato un incremento del 160%, cifra che batte i migliori risultati di qualsiasi mercato azionario nel mondo. Al seminario hanno partecipato esperti del commercio di auto d'epoca, ma anche giornalisti, direttori di musei e rappresentanti di aziende specializzate in questo settore di attività.

Per quanto riguarda il mercato, Maastricht è solito osservare se i risultati della stagione precedente sono confermati o se si prevede un'inversione di tendenza nei prossimi mesi. Più avanti menzioneremo alcune cifre dei prezzi dei veicoli rappresentativi dell'attività generale.

La Ferrari 250GT Boano Ellena, una volta svalutata, inizia a raggiungere un livello di prezzo simile alle sue coetanee
Nonostante la realizzazione sia di qualità, in modo che non diano uno schiaffo, indicheremo il numero di telaio, 0611GT
1- La Ferrari 250GT Boano Ellena, una volta svalutata, inizia a raggiungere un livello di prezzo simile alle sue coetanee
2- Replica della Ferrari Testarossa su base 250GT Boano. Ne parleremo più avanti...

Protagonisti europei

Inizieremo per aver evidenziato la presenza nella hall dei mercanti di prestigio internazionale come la Houtkamp Collection, The Gallery, Classic Park e Movendi, tra gli altri, così come quella di ristoratori che si distinguono per le loro produzioni di alta qualità (e prezzi di conseguenza), come Bart Holland, che lavora con tutti i marchi, o Classic Car Venlo, che si concentra sui restauri di auto Mercedes-Benz, sui modelli 190SL e 300SL.

La 190SL che non molto tempo fa era considerata un'auto da donna (la chiamavano i tedeschi "Dame" per il motore modesto e la potenza relativamente bassa), attualmente non è inferiore a 100.000,00 euro nel caso di restauri ben eseguiti. È vero che il suo telaio tubolare e la sua eleganza di linee lo rendono attraente e che può essere il sostituto occasionale dell'irraggiungibile 300SL il cui prezzo è quattro o cinque volte quello del fratello minore.

Proprio di fronte all'ingresso principale di InterClassics, la Houtkamp Collection abbaglia i visitatori con il suo marchio di fabbrica, in genere un'Aston Martin. Questa volta è stata una DB5 del 1965 che, per una volta, è sfuggita alla moda di dipingerle in grigio metallizzato, seguendo le linee guida dell'auto dell'Agente 007 in Goldfinger.

Una delle star che hanno brillato di più nello show, la nuovissima Aston Martin DB5
Lancia Flaminia Zagato venduta sul posto da The Gallery
1- Una delle star che hanno brillato di più nello show, la nuovissima Aston Martin DB5
2- Lancia Flaminia Zagato venduta sul posto da The Gallery

Francamente, in Vecchio inglese bianco, Il DB5 è molto elegante, soprattutto dopo un ripristino allo standard standard nei prodotti in vendita nella Collezione Houtkamp. Il prezzo della DB5 non è stato indicato perché, come sappiamo, chi ha bisogno di chiedere il prezzo è perché non potrà pagarlo. Lo stesso concessionario però vendeva un'altra Aston Martin, una DB2/4 MKII del 1956 a € 169.500,00.

Movendi, dal canto suo, mise in vendita una Austin Mini Cooper S del 1963, nella sua quotata versione 1071 che, su telaio 18658, imitava la Mini del rally di Montecarlo. Il prezzo di 53.000,00 euro non lo rende accessibile a tutti. A quel prezzo, la Mini corrisponde già alla migliore Porsche 911 3,2 con cambio G50 e basso chilometraggio, che si aggira intorno a quella cifra.

Nel fornitissimo stand di The Gallery, dove potevano trascorrere piacevolmente un paio d'ore, a pochi minuti dall'apertura delle porte del salone aveva già venduto diverse vetture interessanti, tra le quali una Lancia Flaminia Super Sport Zagato e una Maserati 3500 GT. Al centro dello stand c'era una graziosa 246GT Dino gialla, con il numero di telaio 02184.

Le Mini superano già i 50.000,00 euro, almeno se incorporano degli extra
La 246GT Dino presentata da The Gallery, perfetto rappresentante delle berlinette sportive più ricercate
1- Le Mini superano già i 50.000,00 euro, almeno se incorporano degli extra
2- La 246GT Dino presentata da The Gallery

Come dato di riferimento recentissimo, la casa d'aste Gooding and Co. ha aggiudicato durante lo stesso weekend di gennaio 2014 nella vendita di Scottsdale una 246GT gialla, telaio 03978, per $ 291.500,00; ma, nella stessa vendita, un'altra 246GT grigio metallizzato, telaio 04946, è stata aggiudicata per $ 473.000,00, mettendo il valore medio dei Dinos in una situazione stratosferica.

La suddetta ditta Classic Park ha venduto quasi immediatamente a Porsche 356 Roadster D'Ieteren per 159.950,00 euro. Vero è che fu uno dei primi esemplari identificati come T5, con una griglia di aerazione sul motore come segno distintivo esterno e una potenza di 75 cv (invece dei 90 cv del T6 che seguì). I buoni equivalenti della D'Ieteren Roadster o della Drauz Cabriolet si avvicinano ai prezzi delle migliori 356 Speedster, il che è logico poiché sono auto meglio equipaggiate e più comode di queste.

Gli acquirenti di 356 sono alla ricerca di un po' più di comfort rispetto alle offerte Speedster, poiché D'Ieteren o Drauz offrono un vero cappuccio con vetro laterale, sedili migliori, interni più lussuosi e una migliore protezione dagli elementi.

Minicar a prezzo massimo, FIAT carrozzata da Motto
Tremento trio di assi FIAT Abarth, tra cui scegliere in ogni stato immaginabile
1- Prezzo max minicar, FIAT carrozzata Motto
2- Tremendo trio di assi FIAT Abarth, tra cui scegliere in ogni stato immaginabile

Numerose rarità

Tra i numerosi espositori che hanno occupato i 33.000 mq di superficie disponibile (con un incremento di 3.000 mq rispetto alla precedente edizione), i 22.000 visitatori attesi potrebbero trovare molte altre sorprese, come, ad esempio, una rara FIAT Mille Miglia del 1951 carrozzata Motto, di cui sono stati realizzati solo sette esemplari. Nonostante il suo modesto motore a 4 cilindri da 500 cc, il prezzo era di € 110.000,00. È vero che per la sua linea molto leggera e sportiva potrebbe essere classificata come una mini Ferrari.

Forse uno dei set più interessanti è stato quello composto da tre FIAT Abarth con carrozzeria Zagato alleggerita. Uno di questi in condizioni originali, non restaurato, in quanto recuperato dopo 24 anni di abbandono, accompagnato da altri due in perfette condizioni, pronti ad attaccare qualsiasi rally o circuito e da misurare con veicoli di prezzo e cilindrata superiori.

L'auto non restaurata, chiamata Sestriere, È in vendita a 31.500,00 euro, mentre quelle restaurate, del 1960 con telaio 708145 e del 1964 con telaio 1100390, sono state vendute rispettivamente a 85.000,00 e 85.500,00 euro.

Alpine-Renault 1600 S, al prezzo di quasi centomila euro
La nozione di over-restauro o over-restauro non esiste per una Corvette. Guarda il bel motoscafo Riva sullo sfondo
1- Alpine-Renault 1600 S, al prezzo di quasi centomila euro
2- La nozione di over-restauro o over-restauro non esiste nel caso di una Corvette.

Le Alpine-Renault hanno confermato la loro tendenza al rialzo con esemplari con una storia in competizione che hanno sorpreso raggiungendo risultati d'asta dell'ordine di 200.000,00 euro. Una 1600 S del 1972 in ottime condizioni era pronta a passare di mano per un pagamento di 98.000,00 euro.

A pochi metri di distanza si poteva ammirare una Chevrolet Corvette cabriolet, che illustra in ogni dettaglio quella che si può definire un'auto in stato di gara, come nuova. Con una tipica vernice bicolore adeguata al suo tempo, prodotta nel 1957 e in vendita a 89.500,00 euro.

Nella categoria delle auto raramente viste, potremmo evidenziare una splendida BMW 502F cabriolet del 1956 il cui cofano ospita un potente motore V8; così come una NSU Kohlmus, forse la migliore delle poche prodotte tra il 1969 e il 1973, perfettamente restaurata da Bart Holland dalla prima all'ultima vite. Con le sue porte ad ali di gabbiano e il motore posteriore ricorda qualcosa tra una Mercedes-Benz 300SL e una mini Lamborghini.

Il pubblico giovane e meno giovane era interessato alle "ali di gabbiano" della NSU
Maserati 420M Eldorado
1- Il pubblico giovane e meno giovane era interessato alle «ali di gabbiano» della NSU
2- Stirling Moss è andato alla ricerca di El Dorado a Monza

Il recinto spazioso e lussuoso dedicato enclosure al centenario della Maserati conteneva 30 vetture del marchio, rappresentanti selezionati di musei e collezioni private. Sarebbe impossibile descriverli tutti nel dettaglio e mi permetto di evidenziare un modello da competizione e una GT per la loro rarità. La 420M Eldorado con cui Stirling Moss corse a Monza nel 1958 fu molto ammirata dal pubblico, così come una delle ricercate A6GCS del 1953 di Pinin Farina. Per quanto riguarda quest'ultimo, è il telaio numero 2056 ed è la copia che risiede nel Museo Panini.

Infine, le auto da corsa anteguerra completano l'ampia selezione offerta dagli organizzatori di InterClassics e TopMobiel, tra le più spettacolari una Volpi del 1934 con motore Cadillac V16 e una Bugatti T54 del 1931.

ASTA DI COYS E ALTRE INFORMAZIONI DI INTERESSE

Altro incentivo da evidenziare è stata l'asta organizzata da Coys sabato 18 gennaio, nel pomeriggio, in cui, ovviamente, non sono mancate le Maserati e un'ampia selezione di vetture britanniche, Jaguar XK e persino una suggestiva Ferrari 250. È nata come una GT carrozzata da Boano per poi essere trasformata in una copia di una Testa Rossa da corsa. In modo che nessuno venga ingannato e per evitare di essere vittima di bullismo, il suo numero di telaio è 0611GT.

Lo stand del Club Bugatti ha sempre grandi attrazioni. Nella foto un Tipo 57 che non ha cambiato famiglia da quando era nuovo
Il muso della Volpi è allungato, deve alloggiare 16 cilindri
1- Lo stand del Bugatti Club contiene sempre grandi attrazioni. Nella foto un Tipo 57 che non ha cambiato famiglia da quando era nuovo
2- Il muso del Volpi è allungato, deve alloggiare 16 cilindri. Dietro, Bugatti T54 del 1931

En La Scuderia ci chiediamo quale possa essere il vero interesse a distruggere l'originalità di un'auto per trasformarla in una copia di ciò che non è e non sarà mai. Il paradosso, anche economico, potrebbe sorgere in un futuro non troppo lontano quando le modeste vetture donatrici saranno scomparse in numero significativo e le poche rimaste nelle condizioni originarie potranno raggiungere un valore molto più alto di quelle trasformate in repliche con un spreco di denaro Inutile.

Altri esempi di prezzi delle auto in vendita in perfette condizioni (in ordine di data di produzione):

[citazione]

• Jaguar XK 120 roadster 1951, 105.000,00 euro;
 
• Alfa Romeo 1900 SS 1957, 147.500,00 euro;
 
• 356 Porsche 1959 Speedster, € 165.000,00;
 
• Fiat Dino Spider 1968, 59.800,00 euro;
 
• Porsche 911 T 1970, 60.000,00 euro;
 
• Jaguar-E SIII V12 1973, 89.500,00 euro;
 
• Porsche 911 3,2 Speedster 1989, 45.000 km, 119.000,00 euro;
 
• 1992 Ferrari Testarossa, 36.000 km, 62.350,00 euro.

[/ su_quote]

Seleziona merce per collezionisti e restauratori di auto
Seleziona merce per collezionisti e restauratori di auto

Libri, modelli, una galleria d'arte e accessori hanno riempito lo spazio disponibile lasciato dalle auto lungo il perimetro della fiera internazionale MECC.

Il prezzo del biglietto è di 17,00 euro a persona (compreso un bel programma gratuito che in realtà è una rivista di 92 pagine) e 10,00 euro per parcheggiare l'auto tutto il giorno, sembrano ben spesi per una visita allo spettacolo di Maastricht.

Valutazione

INTERESSE DAL PUNTO DI VISTA...

dell'auto storica: 9 / 10
mercato di parti e accessori: 6 / 10
di modellazione: 9 / 10
Comfort delle strutture: 10 / 10
Un Salmson presentato con tutto il rispetto a I&T
Un Salmson presentato con tutto il rispetto a I&T
Comunicazioni, accessi, strutture alberghiere: 9 / 10
Attenzione del pubblico: 9 / 10
Presentazione, allestimento, accesso agli stand: 9 / 10

SVANTAGGI: Lontano dai confini spagnoli (ma comunicato anche per via aerea). Lunghe code che si formano alla biglietteria tra le dieci e le dodici del mattino.
 
 
 

Immagini a grandezza naturale (1.280 px circa)


 
 
 

Cosa ne pensi?

Mario Laguna

scritto da Mario Laguna

Mario Laguna, autore del libro "The Pegaso Adventure", studioso e osservatore della storia dell'automobilismo, dei marchi e dei personaggi. Frequentatore assiduo di competizioni automobilistiche, di categorie attuali o storiche, concorsi internazionali di eleganza, conferenziere... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.6kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci