BMW 1602
in ,

Mi piaceMi piace Ma cosa??Ma cosa?? SorpresoSorpreso

Gli inizi dell'elettrico in BMW, la BMW 1602 del 1972

Oggi BMW è uno dei marchi che sta facendo i maggiori progressi nell'elettrificazione. Un modo di lavorare che arriva dal 1972. Anno in cui fu presentato il prototipo 1602

Oggi il passaggio all'elettrico domina la scena automobilistica. Un processo a cui hanno fortemente aderito costruttori potenti come BMW. Che arrivò ad inaugurare la sua divisione BMWi nel 2011. Destinato allo sviluppo della tecnologia elettrica all'interno del marchio, la sua missione principale è quella di dare visibilità a modelli iconici con cui illustrare quanto la casa tedesca sia seria con i tempi nuovi. Infatti, nel 2013 ha lanciato il suo i3 e, appena un anno dopo, ha chiuso i giochi con la presentazione dell'i8. Due modelli molto diversi ma, allo stesso tempo, piuttosto interessanti.

Non a caso, mentre la prima rappresentava un raffinato impegno per la mobilità elettrica nelle città, la seconda ha dato il via libera alla comparsa delle supercar ibride. Indubbiamente, una brillante scommessa pubblicitaria. Annunciando chiaramente non solo il potenziale di design elettrico esercitato da BMW, ma anche la capacità di seduzione depositata in questi modelli futuristici. Quindi le cose, la casa bavarese ha opportunamente aperto la strada al trasferimento della tecnologia elettrica verso il resto del suo areale, essendo oggi un fatto assolutamente normalizzato.

Tuttavia, la verità è che l'uso della propulsione elettrica in BMW non risale a solo un decennio fa. Tutt'altro, nel 1972 ne dava già i segni. Esempi di questo sono stati i due esemplari del prototipo BMW 1602 pronti per le Olimpiadi di Monaco. Un appuntamento in cui sono state utilizzate come auto di assistenza nella prova della maratona, a testimonianza del possibile utilizzo urbano che le elettriche avrebbero potuto cominciare ad avere già da quel momento. Per di più, quello non è stato un evento isolato nonostante sia tornato indietro di mezzo secolo.

La Vettura Urbana è stata un impegno FIAT per far luce su un ipotetico futuro elettrico. Fotografia: Patrimonio FCA

In questo senso, la preoccupazione per la progettazione di piccole auto elettriche urbane era presente anche in marchi come FIAT. Qualcosa di molto ben esemplificato dal 126 Vetura Urbana. Il prototipo firmato da Michelotti nel 1976 e che, con le sue linee futuristiche da monovolume in miniatura, dava continuità alla X1/23. Uno degli esperimenti più esotici e interessanti della storia della casa italiana. Spinta nel 1972 da un piccolo motore elettrico da 13,5 CV pensato per il traffico affollato delle città storiche.

L'Audi Duo ha rappresentato un esempio più che interessante di ibrido nel primo lotto. Fotografia: Audi

In quegli anni, inoltre, Renault sperimentava anche formule elettriche con la sua R5. Una serie di esperimenti che, già negli anni Ottanta, l'Audi concluse con la duo. Un design ibrido realizzato sulla base di una station wagon 100 C3 e che, ancora oggi, È ancora una dimostrazione di intelligenza combinando elettricità e combustione a seconda che tu stessi guidando in città o in autostrada. Un altro esempio quando si tratta di esemplificare come, al di là del necessario dibattito, l'elettrificazione sia qualcosa che non è arrivato all'auto solo ieri.

BMW 1602, UN'ELETTRICA SPERIMENTALE NEL 1972

All'inizio degli anni 'XNUMX, le normative sulle emissioni divennero più severe negli Stati Uniti. Di fatto, ciò ha posto fine al programma General Motors per lo sviluppo di motori rotativi. Oltretutto, Questo nuovo regolamento è venuto a posare le piastrelle all'arrivo di una nuova era. Una nuova era in cui, senza rinunciare alla sua spiccata personalità, il motorsport americano ha dovuto imparare a convivere con l'arrivo delle vetture compatte.

BMW 1602

Non solo europei ma soprattutto giapponesi. Abbastanza comune negli Stati Uniti dallo sbarco giapponese realizzato da Honda, Nissan-Datsun o Mazda. Oltretutto, la crescente instabilità politica in Medio Oriente ha messo in allerta i governi occidentali sulla sua eccessiva dipendenza dal petrolio. Un fatto sancito dalla Crisi Petrolifera del 1973. Responsabile di aver cambiato non pochi paradigmi meccanici nell'industria automobilistica, essendo la pietra di paragone per ripensare tutto ciò che riguarda cilindrate generose e consumi spensierati.

Con tutto ciò, anche i produttori più affermati hanno iniziato a prendere in considerazione la mobilità elettrica. Ovviamente in modo molto timido ma, allo stesso tempo, costante nei suoi reparti di innovazione. Un processo in cui è inscritto l'aspetto della BMW 1602. Basato su una Serie2 del momento, ha cambiato il motore a quattro cilindri standard per un dispositivo elettrico Bosch con 43 cv. Inoltre, per la sua potenza aveva dodici batterie Varta al piombo. Qualcosa che ha aggiunto 350 chili in più al modello, raggiungendo così i 30 chilometri di autonomia in città e quasi il doppio a velocità costante in autostrada.

Ovviamente, sia per prestazioni che per peso e autonomia, questa BMW elettrica era ben lontana dal poter raggiungere la serie anche se era breve. Che però un marchio come questo iniziasse a dare spazio alla tecnologia elettrica ha fatto riflettere più di uno. Soprattutto in un momento in cui, nonostante i problemi politici e finanziari, i produttori stavano ancora scommettendo in modo creativo su varie opzioni meccaniche. Dai tradizionali motori a scoppio e a pistoni a quelli rotativi ed elettrici. Insomma, uno dei decenni più prolifici nella storia del motorsport.

Foto: FCA Heritage / Audi / Stampa BMW

foto dell'avatar

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Lascia una risposta

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

60.2kFan
2.1kSeguaci
3kSeguaci
3.8kSeguaci