in ,

Mulini del dopoguerra: le microcar di Barcellona

Prima dell'arrivo della Seat 600, le microcar erano un'immagine comune sulle nostre strade e autostrade; e non pochi di loro sono stati fabbricati a Barcellona. Fino a metà marzo, può essere visto nel museo di storia della città una mostra dedicata al fenomeno. Per comprendere questa storia dobbiamo risalire al primo terzo del XX secolo, quando il settore automobilistico iniziò a rafforzarsi in Catalogna fino a diventare una delle fondamenta della nostra industria. Nel dopoguerra, con molte aziende morte o sottocapitalizzate, iniziò la ripresa ad opera di piccole e medie officine che, alleviando con fatica e fantasia la scarsità di risorse e le restrizioni, riuscirono a risollevare l'industria nazionale. Inizia così la produzione di microcar, fenomeno che si verifica anche in altri Paesi di un'Europa che si sta riprendendo dalla Seconda Guerra Mondiale.

Ma prima di tutto, cos'è una microcar? Se ci atteniamo alla sua descrizione tecnica, vale la pena leggere il giornalista belga Jacques Ickx in un articolo di L'Année Automobile 1958:

[su_quote] » Vediamo caratteristiche che sfuggono all'ortodossia della costruzione automobilistica: motori di meno di 4 cilindri e meno di 600 cc, cambi elementari (non sempre), ruote da 12 pollici o meno, passo di 2 m al massimo, lunghezza totale prossima a 3 m, peso a vuoto inferiore a 500 kg, senza dimenticare questa tendenza alla ricerca (a volte salutare, a volte eccessiva) dell'economia delle costruzioni «. [/ Su_quote]

Raduno automobilistico Orix nella Città Nuova di Barcellona nel 1955 (archivio MG)
Raduno automobilistico Orix a Poble Nou nel 1955 (archivio MG)

Per capire il contesto in cui nasce una buona referenza è quanto afferma nell'opera lo storico inglese Michael Sedgwick Auto degli anni Cinquanta e Sessanta:

[su_quote] »Le microcar sono un sottoprodotto dei vincoli finanziari e siderurgici del dopoguerra, piuttosto che il razionamento del carburante stesso. (…) Erano quasi un'estensione della febbre degli scooter e, come queste, impiegavano aziende colpite dal disarmo del dopoguerra come Messerschmitt e Heinkel. Ma in fondo la microcar è un tentativo di introdurre un mezzo di trasporto a un pubblico affamato di auto e ancora ingenuo, prendendo componenti dall'industria motociclistica: piccoli motori 2T (che potevano essere girati in qualsiasi direzione, ovviando alla necessità di una retromarcia), trasmissioni affidabili, freni primitivi, sterzo a manubrio (Messerchsmitt) e tre ruote o assali posteriori senza differenziale (Isetta, Heinkel). La maggior parte dei modelli inglesi aveva tre ruote per risparmiare le tasse. (…) In Spagna (…) non c'era l'industria automobilistica e c'era un fiorente motociclista. Ecco perché proliferarono le microcar, anche se solo Biscuter di Gabriel Voisin sarebbe stata prodotta su larga scala”.[/ Su_quote]

Cento Biscuters sfilano per il centro di Barcellona nel settembre 1954 (archivio MG)
Cento Biscuters sfilano per il centro di Barcellona nel settembre 1954 (archivio MG)

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

La forza dell'industria locale

Dalla metà degli anni '40 ai primi anni '60 a Barcellona e dintorni sono venuti a lavorare una ventina di muratori, per lo più officine più alcune aziende più grandi dedicate alla crescita di micro-auto e parenti stretti (motociclette, tricicli e moto con o senza side-car). Tra i più noti, insieme all'ineffabile Biscuter abbiamo Kapi, David, Orix, FH, Clúa, Junior, Delfín...

Al di fuori dell'area di Barcellona, ​​non si possono ignorare tre microcar così famose come la PTV -che AUSA produceva a Manresa-, l'Isetta costruita a Madrid su licenza italiana, e la tedesca Goggomobil prodotta a Munguía, anche se queste arrivano sul mercato un po più tardi, già in piena agonia del Biscuter. La comparsa nel 1957 della 600, con porte che si chiudono, finestrini che si alzano, sedili per quattro persone e un motore con molti cilindri (quattro), segna l'inizio del declino del fenomeno, praticamente estinto a metà anni sessanta.

[/ Su_note]

AUSA presenta la sua PTV 250 alla Fiera del 1960 (archivio MG)
AUSA presenta la sua PTV 250 alla Fiera del 1960 (archivio MG)

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

La maggior parte di questi veicoli sono stati realizzati con più commercio che mezzi utilizzando materie prime non sofisticate a causa dell'autarchia (Era molto difficile trovare l'alluminio, per esempio) e attraverso processi abbastanza artigianali. A volte quelli che usavano il loro talento erano tecnici e maestri industriali formati prima della guerra, dediti alla creazione di questi mulini di piccole dimensioni e di semplice costruzione per mancanza di migliori prospettive.

Un caso curioso è quello di David (attenzione, la pronuncia locale trasforma la prima vocale in un tonico: Dávid) che finì per realizzare microcar un po' bizzarre ma godette ancora di un forte prestigio in città fin dagli anni '230, quando produceva motociclette. La sua fabbrica in Calle Aribau 1931 è un edificio razionalista concepito dall'architetto Ignasi Mas Morell nel XNUMX, e un vero modello nel genere. Oggi funge da parcheggio e sede di vari uffici dove languono una certa élite dell'editoria, del design e dell'architettura.

Se guardi l'aspetto estetico, sembra che le microcar stessero cercando di emulare le loro controparti più grandi. Modellandoli, tendeva a linee familiari al grande pubblico, anche se approssimativamente. Così, l'FH imitò sfacciatamente il muso della 2CV nel primo prototipo, e la versione di serie si ispirò alla Fiat 500, mentre la Clúa bevve dalla Pegaso Z-102, non invano il bodybuilder Pedro Serra, autore , l'aveva delineata della più elegante decappottabile di La Sagrera e di qualche Seat 1400.

[/ Su_note]

Il meccanico Francesc Roig ripara un triciclo alla fabbrica David (file MG)
Il meccanico Francesc Roig ripara un triciclo alla fabbrica David (file MG)

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

I Kapi erano piuttosto diversi: da un'autovettura che sembrava una Chevrolet in miniatura a una copia economica delle linee Jeep Willys chiamata... Jip. La PTV è uscita dalla matita dell'ormai centenario Guillem Tachó, che ammette volentieri di essersi ispirato alla Porsche Spyder. Quello che non si capisce è che Joan Ramírez Montpeó, creatore dell'Orix, tentò di spacciare per originale il suo modello SF nel caso di un'imitazione così rozza ed evidente della Volkswagen che alla Fiera del 1954 riuscì a suscitare le ire di un gruppo di falangisti, indignati in questo caso per ragioni stilistiche...

[/ Su_note]

Biscuter, il più vecchio dei piccoli

Incastonata nella memoria collettiva di diverse generazioni, la Biscuter rappresenta la microcar barcellonese -e catalana e spagnola- per eccellenza, poiché è l'unica prodotta in quantità significative (12.000 unità), molto più alte di tutte le altre, e soprattutto con un approccio industriale ambizioso. Tra i suoi promotori c'erano persone legate al regime - il nome della ragione sociale lo chiarisce: Autonacional - come l'imprenditore Lorenzo Marco Sarrió, o il produttore di catene Benet Jofre. Il terzo uomo fu Damià Casanova, figlio di esuli e formatosi come ingegnere a Tolosa, che contattò Gabriel Voisin per acquistargli il brevetto per la microcar presentata al Salone di Parigi del 1950, che progettavano di costruire su licenza a Barcellona.

I direttori dell'Autonacional mostrano a Franco il Biscuter nº 1000 (file MG)
I direttori dell'Autonacional mostrano a Franco il Biscuter nº 1000 (file MG)

Autonacional costruisce alcuni magazzini a Sant Adrià del Besós da dove usciranno i primi esemplari del veicolo nel 1954, perfezionato rispetto all'originale da Voisin e Casanova, con il monocilindrico Hispano-Villiers da 197 cc e il supercolata dell'ingegnere francese. Marco offre la presidenza dell'azienda a José María Marcet Coll, sindaco di Sabadell, che facilita molte procedure oltre ad aprire le porte di El Pardo (la consegna di Biscuter n. 1000 a Franco è un colpo di stato). A poco a poco, il Biscuter sta coagulando tra il pubblico: viene lanciato il Biscuter Club, vengono organizzate escursioni e sfilate, e in seguito compaiono nuove versioni del modello (bionda, furgone, Pegasín), anche se l'azienda perderà la sua strada a causa ai disaccordi tra i partner e al crollo del mercato dovuto al effetto 600. Nel 1958 cessò di essere prodotta, sebbene le unità fossero ancora vendute in stock per altri quattro anni.

Non è vero che Voisin disprezzava la Biscuter, anzi, parlava con orgoglio del suo "modello spagnolo", il più potente di tutti e soprattutto l'unico prodotto in serie. Ha aborrito, e così dice nelle sue memorie, la versione 200-F per il suo corpo in fibra di vetro pesante che sembrava "una specie di Cadillac presuntuoso". Da un punto di vista essenzialmente tecnico, l'auto è un piccolo miracolo di semplicità ed efficienza: dimensioni ridotte grazie alla sua cilindrata, prestazioni corrette, consumi minimi, manutenzione ridicola... Voisin, che era un visionario e in certe cose in anticipo sui tempi, aveva già sviluppato una versione sperimentale con motore elettrico, più di mezzo secolo fa.

[su_youtube_advanced https = »yes» url = 'https: //youtube.com/watch? v = FwpeEg1inxg']

La Top 10 delle microcar di Barcellona

Clúa

Con l'aria di una Pegaso in miniatura, la più elegante delle microcar di Barcellona era quella sportiva della ditta Construcciones Mecánicas Clúa SL, stabilito in via Espronceda 254 e già noto come produttore di motociclette popolari. del utilitarista con un debole per le persone, che montava un bicilindrico boxer a 4 tempi di 500 cc, ne produceva un centinaio, davvero notevole per un veicolo di questo tipo.

microcoches_barcelona_06_clua_1

David

Semplice, geniale e… molto brutto, questo bizzarro triciclo non era, secondo il produttore, un'auto con una ruota in meno ma una moto con una ruota in più. Aveva un monocilindrico a 2 tempi da 345 cc sull'asse anteriore e ne furono venduti circa 60 o 70, in versione touring e commerciale. Negli anni '50 il marchio David, fondato nel 1914 e conosciuto prima della guerra per le sue flotte di ciclocar e taxi, era ancora rinomato in città.

microcar_barcelona_05_david_2

Dunjo

Dietro la fruttuosa creatività del maestro industriale barcellonese Arcadi Dunjó Berta c'è la prima Derbi 250, il raro Dusco, l'eccezionale Mavisa e le motociclette Kapi, oltre a molte motociclette, sidecar e un'eccellente replica del caccia repubblicano dell'aviazione Chato, costruito nel 1986 e oggi esposto al Getafe Air Museum. Di questo micro con motore Iso 125 nel 1956 ne furono realizzati tre esemplari, tutti diversi.

microcar_barcelona_07_dunjo_1

FH

Microcar costruita nel quartiere di Hostafrancs da una società controllata di Hispano-Suiza (l'acronimo sta per Hispano Van), che ha partecipato alla produzione di motori Hispano Villiers su licenza inglese. Tra il 1956 e il 1959 furono rilasciati da 350 a 400 esemplari, dotati di monocilindri e bicilindrici a 2 tempi da 197 e 324 cc e perfezionamenti come sospensioni anteriori indipendenti e freni idraulici.

microcoches_barcelona_08_fh_1

junior

Presentato alla Fiera Campionaria del 1955, il Junior 3R-197 (per il numero di ruote e per la cilindrata del motore), un triciclo a trazione posteriore, senza porte e con capote in tela opzionale, era frutto dell'inventiva di Antoni. creatore dei ciclomotori Reina. Sebbene la stampa dell'epoca parlasse di un centinaio, dei laboratori Junior al n. 80-84 di via Mallorca, non ne uscivano nemmeno 20 (sono stati contati 18 corpi).

microcar_barcelona_09_junior_1

Cancello

Quella Super 125 con il motore Montesa e il look di haiga Jibarizado è uno dei modelli creati dal capitano Federico Saldaña, un soldato di Burgos con sede a Barcellona e fondatore di Automobiles and Autoscooters Kapi. Tra il 1951 e il 1957 ha lanciato diversi veicoli a due, tre e quattro ruote, tra cui motocicli, motocicli e microcar, anche se non è chiaro se abbia effettivamente prodotto l'intera gamma annunciata.

microcar_barcelona_12_kapi_1

Maquitrans

Utilizzando la struttura e la base meccanica del suo basso furgone motorizzato apparso nel 1952, Maquinaria y Artistas de Transporte SA presenta, cinque anni dopo, una microcar appiattita con motore 175 cc 6,9 cv, avviamento elettrico e freni idraulici, in grado di di raggiungere i 67 km/h. Ma era troppo costoso e non ne furono fatti più di una dozzina. Nel 1958 questa stessa azienda iniziò a produrre su licenza moto Ducati.

microcoches_barcellona_14_mt_1_

Al limite dello stesso concetto di microcar -era più lunga di una Seat 600-, l'elegante coupé Automach che questo costruttore un po' misterioso intendeva produrre, di cui si conoscono pochissimi dati, aveva un bicilindrico 2 tempi 350 cc e 15 CV situato dietro l'asse posteriore e ha annunciato una velocità massima di 100 km / h. Ma spagnolo superutilitario non sarebbe arrivato al pubblico fino alla fine del 1959. Troppo tardi...microcoches_barcelona_13_movilutil_1MymsaMotores y Motos SA produceva già dal 1953 veicoli a due ruote con la propria tecnologia. Nel 1955 lanciò un primo triciclo commerciale in stile tedesco Tempo, dotato di motore (125 cc) e trazione anteriore, da cui derivò una versione touring a 4 porte e 4 posti che l'amministrazione franchista non intende autorizzare la produzione in serie. Questo triciclo Rana 3R è abbastanza simile al Solito, prodotto dalla casa francese New Map.microcoches_barcelona_10_mymsa_1OrixPiù un piccolo veicolo utilitario che una microcar, l'Orix è opera di un uomo singolare, il meccanico Joan Ramírez Montpeó, autore di numerosi brevetti e accessori, e considerato uno dei maestri del settore. Tra il 1952 e il 1953 costruì circa 15 esemplari nella sua officina nel quartiere di Les Corts - aveva vinto la Rise to La Rabasada nel 1950 con il prototipo - mosso da un bicilindrico boxer da 610 cc e 28 cv, capace di raggiungere i 115 km/h .microcar_barcelona_17_orix_sf_2[su_spoiler title = 'CREDITI VIDEO' show = 'vero'] Video | germinale creativo[/ Su_spoiler]

Cosa ne pensi?

Manuel Garriga

scritto da Manuel Garriga

Manuel Garriga (Sabadell, 1963), giornalista automobilistico specializzato in storia, esercita la professione da venticinque anni scrivendo articoli e reportage per varie riviste e giornali, e lavorando come corrispondente per diversi media esteri. Autore e traduttore di una dozzina di libri su questo argomento, ha realizzato raccolte di fascicoli, ha lavorato in radio, cinema e pubblicità e ha appena presentato Operació Impala, il suo primo documentario, come regista. Dopo aver diretto per quasi tre anni la rivista Motos de Ayer, torna a scrivere regolarmente per Motor Clásico, dove ha iniziato la sua carriera, e continua a collaborare al quotidiano El País mentre prepara nuovi progetti nel campo dell'audiovisivo.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.6kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci