il muschio stirling muore
in

Stirling Moss muore a 90

TESTO: MARTIN HORROCKS, J. ROMAGOSA / FOTO: UNAI ONA

Muschio Stirling (1929-2020) era un vero fenomeno, il prototipo del pilota professionista del dopoguerra. In quanto tale, è stato fondamentale nell'avanguardia nel trasformare i piloti britannici in assi della prima linea. A parte il suo incredibile talento al volante, Stirling Moss era Sig. Motor Racing, sempre pronto a promuovere il motorsport. Con il suo stile di vita incorporato nel jet set internazionale degli anni '50 e '60, era anche una celebrità.

Figlio di un ricco dentista che aveva lavorato a Brooklands e Indianapolis prima della seconda guerra mondiale, Stirling Moss e sua sorella Pat Erano due stelle adolescenti. Per parlare brevemente di lei, diremo solo che ha guidato per i team ufficiali Austin-Healey, Lancia e Saab, e ha sposato, tra le altre cose, Erik Carsson. Era una vera regina dei rally.

Nel 1948, con l'aiuto della sua famiglia, Stirling Moss acquistò una delle prime 500 cc Cooper-JAP. È stato competitivo dalla sua prima gara in salita a Prescott, iniziando e vincendo anche la sua prima gara in pista a Brough Airfield. Ha concluso la stagione con 11 vittorie su 15 gare, un bel debutto.

Stirling Moss, a Goodwood
Stirling Moss, a Goodwood

Stirling Moss: Ascensione

Grazie all'esperienza accumulata, e ad una nuova Cooper, nel 1949 fece un salto di qualità. Ha iniziato a gareggiare in eventi più importanti, come quelli tenuti a Goodwood, Silverstone, Lago di Garda in Italia o il circuito di Zandvoort in Olanda. Nel 1950 stava vincendo nella classe 500cc che ha accompagnato il Gran Premio del Regno Unito e di Monaco. Stava per fare il grande salto.

Presto la prima vittoria arrivò ai comandi di un'auto vera e propria, non una Jaguar XK120. Ha guidato sotto la pioggia per battere i pezzi grossi del RAC Tourist Trophy nordirlandese, che si è svolto su strade convenzionali. Ha fatto molto bene anche in F2 con un HWM; Tra tutti, quell'anno meritò di vincere la BRDC Gold Star, premio per il pilota di maggior successo della stagione.

E così sono arrivate le corse di alto livello in auto sportive, come parte del team ufficiale Jaguar. Stirling Moss ha corso la 24 Ore, la Mille Miglia, Reims... prima al volante di una Jaguar C nel 1951 nel 1953, e dopo una D nel 1954. Ha corso anche per la squadra ufficiale del Roots Sunbeam Group, ottenendo tre Gold consecutivi protagonista dei Rally Alpini 1951-53. Tutto questo ha solo dimostrato la versatilità e l'etica del lavoro del giovane pilota.

Anche con la sua giovinezza, era già saldamente stabilito come uno dei migliori professionisti del suo tempo, pronto a correre dove l'auto e le sue tariffe lo meritano.

muschio stirling
Moss, ai comandi di una Aston.Martin DBR1

Passo a Maserati e Mercedes

Stirling Moss Ha sempre preferito correre con le auto inglesi, ma la terribile BRM V16 (nelle sue stesse parole, la peggior macchina che avesse mai guidato), l'ERA G e la sottodimensionata Connaught F1 lo convinsero che la cosa migliore per la stagione 1954 era ottenere un Maserati 250F. L'ha comprato di tasca propria con un rischio finanziario significativo.

Fortunatamente, le sue buone posizioni ai GP del Belgio e della Germania hanno dimostrato che è stato un buon investimento. Tanto che la Maserati avrebbe riacquistato l'auto e lo avrebbe assunto come pilota ufficiale del team per il resto della stagione. Anche se non era particolarmente buono, Mercedes lo notò e gli offrì un posto per l'anno successivo.

Parliamo di Mercedes nella prima metà degli anni '50 è farlo con una forza colossale. Certo, anche dopo le devastazioni della guerra, ha dominato le categorie F1 e sportive. E Moss entrò come compagno di Fangio per guidare la mitica W196. Il primo potrebbe eguagliare i tempi del secondo, ma in gara il truffatore era superiore. Moss non poteva che battere l'argentino nel GP di Gran Bretagna, anche se si è sempre sospettato che fosse un regalo generoso tra grandi.

Nonostante avessero 20 anni, i due si rispettarono molto per tutta la vita. Moss ha giocato con un certo vantaggio nelle auto sportive, dimostrandosi imbattibile nella 300 SLR. Insieme al suo co-pilota Denis Jenkinson è diventato nel primo e unico inglese a vincere le Mille Miglia. Questo è considerato oggi come il suo più grande successo.

Avventure ai comandi dell'inglese

Sfortunatamente, la vittoria a Le Mans gli è sfuggita a causa dell'orribile incidente del suo compagno di squadra Pierre Levegh, la cui auto ha tolto la vita a 84 persone e ha costretto il ritiro della Mercedes dalla competizione. Ma poco prima del ritiro della boa di gara intorno alle 2 del mattino, la Moss / Fangio 300 SLR era tre giri avanti. Vale a dire, è ragionevole pensare che avrebbero vinto.

Con il marchio della stella fuori concorso, Stirling Moss entrò a far parte di Vanwall, Una nuova squadra inglese molto ben finanziata con un'eccellente macchina di F1. E nella categoria sportiva è tornato in Maserati. I risultati sono stati contrastanti: i Vanwalls erano molto promettenti, ma spesso ancora niente di più. Per quanto riguarda le Maserati, erano veloci ma non sempre affidabili come le Ferrari, che erano entrambe le cose.

Tuttavia, Stirling Moss è andato vicino a vincere il campionato del mondo 1958, che alla fine è stato vinto da Mike Howthorne. Ci sono state tre vittorie contro una ma Hawthorne è stato più lineare e ha avuto anche l'aiuto del compagno di squadra Phil Hill, che gli ha permesso di entrare secondo nel GP del Marocco regalandogli il punto in più di cui aveva bisogno per la vittoria.

È curioso come Stirling Moss abbia difeso il suo connazionale a causa della minaccia di essere squalificato al GP del Portogallo. Se Hawthorn non avesse imposto i suoi criteri con il suo supporto, il risultato del campionato avrebbe potuto essere diverso. Ma Moss non si è mai pentito di aver fatto la cosa giusta. Erano tempi diversi dove la sportività è al primo posto.

Stirling Moss su una Jaguar D
Jaguar D, gli inizi della sua carriera al top

Anzi, a quel tempo dovette fare i conti con cose ben peggiori. Il suo giovane compagno di squadra Stuart Lewis-Evans è morto nel già citato GP del Marocco, perdendo così non solo il campionato, ma anche un buon amico. Un altro.

Dopo la morte di Lewis-Evans, Vanwall fu sciolto, ma Moss continuò la sua carriera nella squadra privata di Rob Walker (sì, da Johnny Walker), che allora era selvaggiamente competitivo. La buona musica esiste da quando il nostro protagonista ha vinto una delle vittorie Cooper-Clix di Walker nel GP d'Argentina (Vanwall non è stato fermato per attraversare lo stagno, quindi gli ha permesso di guidare per un altro).

La nuova Cooper-Climax per il 1959 era inaffidabile, ma i miglioramenti durante la stagione hanno dato a Moss una possibilità all'ultimo Gran Premio, tenutosi a Sebring. Il rivale da battere era niente di più e niente di meno che Jack Brabham, Stava guidando per il team ufficiale Cooper. La Cooper-Climax non ha retto e, purtroppo, la corona è andata alla testa dell'australiano.

Per il 1960-61 Walker e Moss passarono alla Lotus, in particolare a una 18. Furono giorni di gloria, con la prima vittoria dell'innovativo marchio britannico a Monaco, ma una mancanza di affidabilità dovuta al design fragile delle loro vetture (uno dei suoi peccati ricorrenti all'epoca) ha compromesso il suo successo. Questo colpì da vicino Moss, che ha subito un incidente al GP del Belgio Questo lo ha messo fuori combattimento per due mesi. Ancora una volta, Brabham condusse il gatto in acqua.

Il muschio di Sitrling muore
E Ferrari?

Stirling Moss e la sua antipatia per la Ferrari

Arrivò il 1961 e con esso un cambio di regolamento che limitava la cilindrata a 1,5 litri. Per la Ferrari, con il suo naso di squalo, è stata una cavalcata trionfante coronata dall'americano Phil Hill. In parte era perché i team britannici non avevano motori competitivi. La vittoria sa di gloria a Enzo Ferrari, che sentiva che stava finalmente sconfiggendo il 'garagista' che lo aveva costretto ad abbandonare la sua amata disposizione meccanica in avanti.

Dai tempi della Mercedes Stirling Moss aveva guidato tutto ciò che valeva. Vince con Aston-Martin, Maserati, Jaguar, Lister, Austin-Healey, Porsche. Il nome che manca nella lista è proprio Ferrari. Non ha fatto grandi cose con il marchio di Maranello. Degno di nota è un primo posto al timone di una 250 GT SWB al Goodwood Tourist Trophy, apparentemente mentre si ascolta la radio.

Durante la sua carriera, Moss ha sempre voluto battere il cavallini. Qual è stato il motivo di questo scontro? Pare che nel 1951, all'età di 20 anni, sia stato invitato da Enzo Ferrari a provare una F2 nel sud Italia. Quando è arrivato al circuito? Il Commendatore La informò che aveva cambiato idea, che la macchina era per Taruffi. Moss non ha mai dimenticato questo insulto.

Col passare degli anni, alla Ferrari fu mostrato il suo errore, che alla fine decise di sanare la ferita con un gesto da parte sua. Per la stagione 1962 la fabbrica costruì una 156 con livrea Rob Walker appositamente per Stirling Moss. Ironia della sorte, non ha mai avuto modo di guidarla. Il nostro pilota ha avuto un gravissimo incidente durante la Pasqua a Goodwood con una F1 Lotus Questo lo ha lasciato in coma per un mese. Moss gli ha salvato la vita, ma con conseguenze per tutta la vita.

La fine della sua carriera sportiva

La sua carriera stava per finire. Quando si mise di nuovo al volante un anno dopo per provare su strada una Lotus 19, sempre a Goodwood, pensava di aver capito che non era più lo stesso. Quindi scelse di ritirarsi, anche se poi pensò di aver preso questa decisione con troppa leggerezza.

A 32 anni, Stirling Moss si imbarca nella nuova avventura essere Stirling Moss. Era una grande celebrità, una figura molto potente nella stampa e nella pubblicità e un grande ambasciatore per gli sport motoristici in tutto il mondo. Attivo in gare ed eventi classici, chiamato Sir nel 2000, questa seconda carriera è durata 56 anni, fino a quando non ha contratto la malattia che lo ha costretto al ritiro dalla vita pubblica a 87 anni e alla morte a 90.

Come pilota, nessuno dubita che sia stato uno dei migliori; e senza dubbio il miglior non campione del mondo. Chi lo ha conosciuto ricorda una persona sempre attiva, creativa e competitiva, oltre che cortese e professionale. È stato fortunato a essere sopravvissuto a una lunga carriera in uno sport che è costato la vita a così tanti compagni di squadra e amici e ad aver goduto di innumerevoli avventure successive.

Sua moglie lo congedò con le parole giuste: "Era un giro di troppo, ha solo chiuso gli occhi". DEP

Cosa ne pensi?

Martin Horrocks

scritto da Martin Horrocks

Mi chiamo Martin Horrocks. Da quando sono venuto a vivere a Madrid nel 2006, godermi la mia passione con il resto dei tifosi è ciò che mi ha aiutato a integrarmi nella società spagnola. Giorno per giorno guido una Fiat Panda 100cv, un'auto emozionante e divertente, anche se ho anche un... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci