in

Jeep Wagoneer: un Restomod dal sapore di SUV

FOTO JEEP WAGONEER: ICONA CALIFORNIA

È un dato di fatto che, da qualche anno, i cosiddetti SUV stanno invadendo il panorama automobilistico. Prima più grande, ora disponibile in un formato un po' più compatto ... Comunque sia, questa idea di un'auto esplose con forza quando Porsche Cayenne cominciarono ad essere il monte preferito degli sviluppatori immobiliari sopravvissuti. Da lì il concetto è cresciuto, e ora marchi emblematici come Rolls-Royce o Alfa Romeo.

Nel bene e nel male questa corrente sembra trattenere il filo; Allontanandosi dall'essere una moda passeggera, gli appassionati affermano che si tratta di una tendenza destinata a rimanere. Non si tratta comunque di linee per valutare i Suv - che porterebbero a parlare delle logiche rappresentative delle potenze emergenti ed eccoci a leggere di ferro vecchio - ma per capire da dove viene tutto questo fenomeno.

E come illustrare il meglio è esemplificare... Facciamolo con Quello che molti considerano il primo SUV della storia: la Jeep Wagoneer del 1963. Naturalmente, ampiamente modificato rispetto al suo layout originale per dare origine a un altro dei vibranti restomod (restaurato-modificato) che compaiono più frequentemente ultimamente.

1963: L'ANNO IN CUI INIZIA QUALCOSA DI MOLTO ATTUALE

Stabilito negli anni '90 da società pubblicitarie automobilistiche, il termine SUV -Sport Utility Vehicle- definisce un tipo di auto dove fuoristrada, urbano e Gran Turismo vanno di pari passo in una sorta di veicoli pesanti, potenti, spaziosi con un alto punto di gravità… Una miscela basata su concetti diversi. E la verità, sebbene il concetto sembri molto attuale, tutto questo arriva proprio dagli anni '60.

Fu in quel momento che il designer americano Brooks steven ideato il Jeep vagoneR; un fuoristrada ma con interni confortevoli e accoglienti pensati per il tempo libero e la vita di tutti i giorni. Da buona monta americana, le dimensioni erano generose, ma lo erano anche l'abitabilità e le finiture. Insomma: una berlina su telaio e gomme di un fuoristrada che funzionava anche su asfalto.

JEEP KAISER WAGONEER SUV ICONA 1963 2018

L'invenzione di un modello così rivoluzionario ha richiesto più di tre anni di sviluppo e 20 milioni di dollari di tempo in investimenti; in verità -e al di là del gusto- un'impresa tecnica in cui non era facile combinare un motore"Tornado"Di 3 litri, sei cilindri e 8CV con un telaio di autocarro su cui era montato un equipaggiamento così innovativo in un 4 × 4 come il servosterzo, la sospensione anteriore indipendente o il cambio automatico a tre velocità.

Con tutto questo il Wagoneer conquistò rapidamente migliaia di piloti americani che si lanciarono ad acquistarlo durante i 29 anni che, attraverso varie evoluzioni, il modello fu commercializzato. Una pietra miliare del motore che ha segnato un salto da gigante rispetto al suo predecessore: la spartana Willys Jeep Station Wagon derivata direttamente della mitica Jeep militari della seconda guerra mondiale.

JEEP WAGONEER: LA RIFORMULAZIONE DEL CLASSICO

Come abbiamo visto, il Wagoneer è un modello piuttosto iconico nella storia dell'automobilismo americano. Ma... Una certa azienda di preparazione 4 × 4 ha pensato che potesse essere migliorata. Stiamo parlando dell'ICONA californiana, che è stato lanciato per restaurare e modificare una primissima generazione di Wagoneer, poiché il modello dotato di questa specifica griglia è stato in produzione solo per un anno.

Il risultato è davvero spettacolare sotto ogni punto di vista. Visivamente perché le enormi ruote gli conferiscono un aspetto feroce al “monster truck", Mentre il morbido blu"Land Rover Tamar blu"- è uno dei modelli a cui la Range Rover si sarebbe ispirata anni dopo - dona una certa armonia ad un set che si completa con la sostituzione delle plastiche interne con delle vistose cromature dal tocco unico"retro".

Meccanicamente... Il lavoro è degno di ammirazione: oltre a cambiare alcuni componenti, la trasformazione è iniziata con il cambio del telaio. Così, radicalmente, una nuova base preparata per l'assemblea di un motore V8 di General Motors in grado di produrre 420 CV. Qualcosa che, ovviamente, ha condizionato il rinforzo del telaio e il cambio di elementi come i freni.

Insomma, la creazione di un'auto completamente nuova e originale che veste la carrozzeria di uno dei classici 4×4 più famosi di Jeep. Un restomod che può essere visto faccia a faccia con altri esemplari come il 564CV Land Rover Capotribù di cui abbiamo parlato qualche mese fa. Un vero spettacolo.

JEEP KAISER WAGONEER SUV ICONA 1963 2018

Sì, anche questo ha il pregio di essere il “abuelo"Del SUV attuale. E ragazzi, anche se non commenteremo questo segmento... Non possiamo fare a meno di pensare che il suo progettista, il già citato Brooks Stevens, sia stato negli anni '60 uno dei primi paladini pubblici dell'obsolescenza programmata.

Quell'approccio commerciale che promuove la fabbricazione deliberata di prodotti pronti a fallire in un certo tempo ... Mentre il consumatore viene schiacciato con un marketing aggressivo, creando bisogni artificiali per generare nuovi mercati. Moda basata su prodotti stravaganti di dubbia qualità. Un buon ascoltatore ...

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci