retromovil madrid 2017
in

I Retromóvil Madrid, dall'interno

TESTO: JAVIER ROMAGOSA / FOTO: RETROMOVIL, GESTIRE MOTORE E UNAI ONA

Il salone dell'auto d'epoca retromobile ha tenuto la sua prima edizione tra il 17 e il 19 all'IFEMA, il polo fieristico di Madrid. Era il nuovo impegno della società Eventos del Motor, responsabile di buona parte delle fiere regionali spagnole, come nel caso della Malaga, Vigo o Bilbao, tra gli altri- ed eventi internazionali come AutoClassico Porto, in Portogallo.

Una grossa posta in gioco per cui ha voluto posizionarsi all'altezza di ClassicAuto Madrid, Salone internazionale che da otto anni è l'unico che si tiene nella capitale. Quasi tutti gli appassionati vedono questa competizione come qualcosa di positivo che si tradurrà in una maggiore qualità di entrambe le iniziative, ma abbiamo i nostri dubbi che, vista la vicinanza delle date -ClassicAuto si terrà a fine febbraio- possano coesistere. È una questione che il tempo e la convenienza saranno indubbiamente incaricati di risolvere.

Prima di continuare a leggere questa cronaca, il lettore dovrebbe tenere a mente che Eventi del motore, piace EREventi -ClassicAuto società di organizzazione e AutoRetro Barcellona, tra gli altri eventi- sono inserzionisti di 'La Scuderia'; inoltre, quanto Gestisci motore come è arrivata questa rivista? retromobile come espositori e anche come copertura informativa ufficiale della fiera. Dire questo è importante per una corretta etica giornalistica, soprattutto quando è l'editore del mezzo che scrive queste righe.

[your_youtube url = »https://youtu.be/lBN_BOsrdS8 ″]
Morgan nel corpo di Serra. Strano e carino, vero? Premi gioca!

Retromóvil Madrid 2017, mettiamoci al lavoro

Una volta terminata la presentazione e la relativa contestualizzazione, ci mettiamo al lavoro. In primo luogo, dobbiamo ricordare che Retromóvil si è tenuto nel padiglione 12 di IFEMA, i cui 16.000 metri quadrati sono stati occupati da circa 200 espositori; cioè è un soggiorno qualcosa di più piccolo del suo concorrente, che pubblicizza 20.000 mq e circa 2 stand. D'altra parte, c'è chi critica l'IFEMA per la sua freddezza, e chi la loda per la sua vicinanza all'aeroporto di Madrid-Barajas; e c'è chi mette in dubbio il Padiglione di Vetro della Casa de Campo -dove si celebra ClassicAuto- per la sua antichità o chi lo adora proprio per lo stesso motivo. Non mi dilungherò su quale luogo mi sembra migliore perché entrambi hanno i loro vantaggi e svantaggi e, dopo tutto, svolgono la loro funzione di imballaggio.

Perché ciò che conta davvero è il materiale espositivo che c'è all'interno. Retromóvil è stato in grado di compensare è meno spazio con alcune auto che da sole giustificavano l'ammissione generale di 12 euro. A mio avviso, poter contemplare una Hispano-Suiza Alfonso XIII, una Bugatti Brescia o una Ferrari Daytona adeguatamente illuminate - che sono le auto che mi piacciono - ne è valsa la pena; ma ce n'erano anche due Pegaso Z-102, due Porsche 911 2.7 RS Carrera, una Citroën 2CV Sahara, una Ford RS200, a Ferrari 308 Vetroresina, una Bizzarrini 5300 GT Corsa, una Lamborghini Countach, una Porsche 356 A Speedster, due Ferrari 512BB, una F40, una 330 GT, una BMW 327 o due Aston Martin, DB2 / 4 e DB4, tra le altre...

Omaggi per tutti i gusti

Per gli innamorati del raro retromobile offerta Un tributo a Pedro Serra, il nostro miglior bodybuilder, con circa 10 unità: tre cabriolet su base Seat 1400 in diversi stati di conservazione, una Corver cabriolet su base 600, una maestosa Rolls-Royce del museo di Salamanca o una sportiva Dodge Bulevar, che brillava accanto a i protagonisti di questa mostra monografica, un Morgan e un Pegaso sport. Alcuni li avevamo già visti, altri erano inediti; insieme hanno rappresentato un buon esempio dell'opera del maestro catalano.

Altre mostre tematiche, Come potete vedere nelle foto, hanno festeggiato il 70° anniversario della Ferrari e della Porsche 356, il 90° anniversario della Volvo o il 50° anniversario della Alpino A110. Per gli amanti del classico popolare si è celebrato il 60° anniversario della 600 e, soprattutto, della Seat 124, il cui stand era assolutamente delizioso e che aveva tre esemplari eccezionali, tra i quali segnalo qui la coupé ex Zanini. Entrambi gli eventi hanno avuto il loro corrispondente incontro di supporto nel parcheggio riservato ai concentramenti.

Zona Club, Car Corral e Motociclette

Altre pentole che secondo me rappresentavano un devi obbligatoriamente erano la Gilbern GT o la Hillman Imp racing che avevamo sul nostro stand;), e anche la Lancia Ardea, la Citroën SM, la Jaguar XK 140 Coupé o la Alfa Romeo fuoristrada che si trovava nella zona dei club e del recinto automobilistico, quest'ultimo un pezzo molto raro e che era in un irresistibile stato di ossidazione. Dal canto suo, il parcheggio per le classiche mi ha regalato la strana gioia grazie ad una Facel Vega Facelia che ho adorato, immersa in un'atmosfera di numeri popolari, almeno il tempo in cui sono riuscita ad uscire.

Per quanto riguarda le moto, la verità è che mi dispiace lasciarli per la fine del menu. Non so molto di queste preziose macchine; Ho una Montesa Enduro e ho passato alcuni anni della mia infanzia tra Royal Enfield, BSA, Dunelt, Norton o Triumph invecchiate, ma la verità è che non ricordo più nulla. Posso solo dire, senza voler essere esaustivo, che, da quanto affermato in retromobile, ne ho trovati un paio Harley prima ora, un indiano, un Rudge o uno stranissimo Sanglas de campo.

Ricambi, riviste, miniature, convegni...

Per quanto riguarda i pezzi di ricambio A me succede la stessa cosa delle motociclette, dato che non cercavo ricambi e non so con certezza cosa c'è in offerta; ma ho la sensazione che ci fosse un bel po' di bancarelle di merchandising, oltre a stand relativi a libri, riviste e miniature. Quindi, in generale, e ancora senza l'intenzione di essere rigoroso, mi sembrava che ci fossero abbastanza posti di lavoro e pochissime posizioni che solitamente descriviamo come 'riempitivo'.

Durante lo spettacolo sono stati presentati Quattro libri, vale a dire 'Seat, il potere della comunicazione', 'Ángel Nieto, le curve della vita', "L'automobile nella storia della Spagna" y 'Attraversamento africano in Seat 600'. Tutti hanno dato luogo a conferenze, tra le quali si segnala, per la sua simpatia, quella di Ramón Roca, autore del terzo volume recensito. Allo stesso modo, il Rally di Spagna classico, nuova alternativa dall'asfalto al polveroso Raid classico in Spagna.

In conclusione, un amorevole schiaffo per l'organizzatore: la Volvo expo avrebbe dovuto essere migliore, soprattutto se avesse avuto un posto centrale al salone; E per favore, vogliamo vedere più classici industriali e agricoli di un semplice trattore Porsche. E anche una domanda aperta a visitatori ed espositori: Cosa ne pensi della stanza? La sezione commenti qui sotto è a tua disposizione ...

Cosa ne pensi?

Javier Romagosa

scritto da Javier Romagosa

Mi chiamo Javier Romagosa. Mio padre è sempre stato appassionato di veicoli storici e io ho ereditato il suo hobby, crescendo tra auto e moto d'epoca. Ho studiato giornalismo e continuo a farlo perché voglio diventare professore universitario e cambiare il mondo... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci