trionfo italia 2000 vignale
in

Risultati: Triumph Italia 2000 Vignale

Se non hai visto il film La dolce vita, di Federico Fellini, è molto probabile che si pensi che il suo protagonista, interpretato da Marcello Mastroianni, guidi un ragno italiano; un'Alfa Giulietta, o forse una Lancia B24. Ma no, per qualche strano motivo l'attore viaggia su una Triumph TR3A, una delle auto sportive inglesi meno eleganti degli anni '50.

Il primo prototipo sportivo Triumph del dopoguerra, la TR1, fu così criticato durante la sua presentazione al Motor Show di Londra del 1952 che non andò oltre quello stato. Il suo aspetto e la sua maneggevolezza erano francamente migliorabili e il marchio ha dovuto lucidarlo per Ginevra, dove ha presentato la TR2.

Questa volta, è stata la prima auto della nota saga di auto sportive famosi per la loro forza e il loro buon comportamento, che per tutto il decennio avrebbero disputato rally e gare di durata con grande successo. Più tardi, nel 1955, sarebbe arrivata la TR3.

Trionfo TR3A
Triumph TR3A, modello che Mastroianni ha guidato ne «La Dolce Vita» (For dawarwickphotography)

Tuttavia, non tutti gli italiani erano convinti delle linee dei primi TR come i as signore Mastroianni. Nello specifico, uno di quei dissidenti era il distributore Triumph nel paese transalpino, Salvatore Ruffino, che ha avuto l'idea di produrre una serie di macchine con carrozzeria artigianale a firma nazionale.

Per dare forma al progetto, Ruffino assunse Vignale, che a sua volta cercò Giovanni Michelotti, talentuoso e prolifico designer torinese, che nel 1959 avrebbe portato alla struttura che portava il suo nome, Carrozeria Michelotti.

Tra gli ordini ricevuti all'epoca c'era la Triumph Italia 2000, presentata poi al Salone di Torino del 1958. Il concessionario italiano riteneva di poter vendere 1.000 di queste eleganti coupé, principalmente nel suo paese e negli Stati Uniti, e la Triumph era d'accordo a sostenere la tua iniziativa e fornire il backstage. Quindi, all'inizio, sembrava tutto a posto.

Didascalia
L'Italia 2000 si presenta come una GT italiana degli anni Cinquanta in scala (For Rex Gray)

Triumph Italia: morire di successo

Michelotti ha sicuramente fatto un buon lavoro; forse troppo. Gli italiani sono davvero simpatici e, in scala ridotta, ricordano le GT italiane del loro tempo - in particolare la Maserati 3500. Anche l'interno doveva assomigliare a quello di queste incredibili auto, comode e con gusto, a migliaia di chilometri dal taglio porte e finestre in plastica del design originale inglese.

Se guardi da vicino un'Italia puoi vedere il predecessore della TR4, ed è qui che il piano di Ruffino iniziò a fallire. Triumph rimase così colpita dal lavoro di Michelotti che gli commissionò la progettazione della sua nuova linea di auto sportive, che sarebbe stata prodotta tra il 1959 e il 1970.

Il problema era semplicemente che l'ordine per il marchio inglese includeva la TR4. Più grande e più sofisticato del TR3, nel 1962 avrebbe fatto irruzione nel territorio italiano, che da quel momento in poi sarebbe stato visto da Triumph come una concorrenza indesiderata anche se è stato venduto ad un prezzo del 25% più caro di quello delle loro auto.

Didascalia
Almeno uno dei pochi prodotti in Italia è arrivato in Spagna

Ha quindi ritirato il suo sostegno al progetto del distributore italiano, costringendolo a ripensarci. Infine, solo 329 unità d'Italia sarebbero state costruite nel 2000 tra il 1959 e il 1962, che furono acquistate, come previsto, dagli appassionati del continente e degli Stati Uniti L'azienda che finalmente concretizzò le idee di Michelotti fu Vignale - come il nome del modello e del targhe standard sulla carrozzeria e solo otto esemplari avevano la guida a destra.

Un'unità spagnola

La coupé sportiva che portiamo oggi su questo sito è stata un aneddoto dimenticato nella storia di Triumph fino a poco tempo, anche se attualmente è in fase di costosi restauri che di conseguenza ne aumentano il valore. Così, ad esempio, nel Regno Unito c'è un'unità in vendita a 100.000 euro.

Come puoi apprezzare È un'auto spagnola, quindi almeno un'Italia, la #30, ha raggiunto la pelle di un toro. L'abbiamo trovata in un garage di Madrid, con la sua vernice Triumph Powder Blue e gli interni blu navy, ha bisogno di un restauro completo.

Poco si sa della sua storia, se non che originariamente era immatricolato a Madrid; tuttavia, dati i vincoli del mercato automobilistico nazionale in quel momento, probabilmente è venuto da buone mani.

Ha pochi chilometri, anche se è passato molto, molto tempo da quando l'hanno portato a fare una passeggiata. È completo e, soprattutto, non sembra sia stato smontato per ringiovanirlo, qualcosa di importante nei vecchi veicoli artigianali di breve durata che, come questo, assemblano un gran numero di componenti speciali, per non dire unici.

Cosa ne pensi?

Martin Horrocks

scritto da Martin Horrocks

Mi chiamo Martin Horrocks. Da quando sono venuto a vivere a Madrid nel 2006, godermi la mia passione con il resto dei tifosi è ciò che mi ha aiutato a integrarmi nella società spagnola. Giorno per giorno guido una Fiat Panda 100cv, un'auto emozionante e divertente, anche se ho anche un... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.6kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci