m535i e12
in

Tutto inizia oggi: BMW M 535i E12

[dropcap] S [/dropcap] Sono sicuro che molti penseranno che il primo modello prodotto dalla BMW con la lettera "M" sulla carrozzeria sia la M1 del 1978 e hanno ragione, ma non è meno vero della la produzione dei 453 esemplari della biposto disegnata da Giugiaro erano solo un pretesto per poter omologare il modello per la competizione. Pertanto, è un caso straordinario nella filosofia di ciò che M rappresenta per BMW nel suo aspetto commerciale, che altro non è che trasformare e migliorare prodotti esistenti per renderli oggetti di culto per gli amanti delle auto esclusive e sportive.

Questo modo di fare le cose iniziato con il modello che vi presentiamo, La M 535i, la versione più radicale della berlina E12 - il primo rappresentante della serie 5 e un sostituto della berlina a 4 porte della Nuova classe (nuova classe) -. La formula utilizzata era semplice ma non per questo meno geniale, efficace ed efficace: basandosi su una 528i della seconda serie, adattando la propria ciclistica all'aumento di potenza e prestazioni, alloggiando al suo interno il motore più potente disponibile e conferendogli un aspetto estetico più aggressivo.

Dobbiamo sottolineare che prima della comparsa di M535i, Negli anni '12, come è noto, Motorsport era (ed è tuttora) responsabile del reparto corse della BMW. Così, aveva già preparato alcune auto della serie E525 destinate a questo scopo. Inoltre nelle sue officine apportava anche migliorie ad alcune vetture stradali, partendo dalla 528 o 3.0 e dotandole del motore 3.3 o 6 litri della serie XNUMX, ma sempre su commesse speciali fatte da alcuni clienti che non erano soddisfatti con quello che il produttore di Monaco ha offerto loro qualcosa di simile a quello che ha fatto Alpina ai suoi inizi.

[pro_ad_display_adzone id = »39193 ″]

bmw e12
La prima, ufficialmente, della discendenza in azienda del modello che funge da base, la 528i. Sono state realizzate solo 1.410 unità

Con la M per il Motorsport

Tornando al processo di "Emeizzazione" del nostro protagonista, i miglioramenti rispetto al resto dei veicoli della serie sono specificati in: Rinforzi nelle sospensioni di entrambi gli assi e negli ancoraggi degli ammortizzatori di nuova fattura prodotti dalla Bilstein; un nuovo impianto frenante che prende in prestito i 4 dischi della 635 CSi, ventilato all'anteriore; cerchi Mahle -BBS da 14 pollici con pneumatici 195/70 dello stesso modello; differenziale a slittamento limitato con il gruppo 633 -qualcosa di più corto del 635- per dotarlo un po' più di coraggio e carattere rispetto alla lussuosa coupé.

Il propulsore scelto è stato quello recentemente rilasciato dal marchio da 3,5 litri, nello specifico il noto motore M90 con sei cilindri in linea, 3453cc e 218 CV che inglobarono la prima serie 6 (E24) e le berline di rappresentanza della serie 7 (E23) nel loro top di gamma. Con due valvole per cilindro e iniezione Bosch L-Jetronic sviluppa una coppia massima di 308 Nm a 4.000 giri/min, che gli conferisce una prestazione di 228 km/h di velocità massima e un'accelerazione di Da 0 a 100 km/h in 7 secondi, Cifre abbastanza serie per una berlina media a quattro porte.

m535i e12

bmw e12
L'interno è abbastanza buono, anche se il volante deve essere allineato di nuovo

Accoppiato a questo motore porta il leggendario cambio sportivo Getrag, caratterizzata dall'arretramento della prima marcia sulla leva, oltre ad alcune evoluzioni più adatte alla guida sportiva.

Esteticamente, sia nella carrozzeria che all'interno dell'abitacolo, c'erano una serie di dettagli sull'attrezzatura che poteva essere incluso, o no, e che lo differenziava dal resto della gamma: un grembiule anteriore in fibra e un'ala posteriore in schiuma nera, che all'epoca erano criticati per essere di dubbio gusto, ma che oggi gli danno un tocco molto anni settanta immagine oltre ad essere facilmente identificabile.

Indossato Sedili sportivi Recaro, Si poteva scegliere uno specifico volante rivestito in pelle e una suggestiva tappezzeria nei noti colori aziendali. Sempre su richiesta può essere decorato sui fianchi e sul frontale con vistose linee tricolori, che si adattano meglio ai mobili bianchi.

[citazione]

Non tutti gli estimatori del marchio lo considerano un autentico prodotto M, poiché parti specifiche non sono state sviluppate durante la sua gestazione, è stata utilizzata solo la tecnologia già conosciuta e utilizzata in altri modelli superiori...

[/ su_quote]

m535i e12
È una vera M? C'è chi non la pensa così

[citazione]Questa unità è ricomparsa sul sito di un'officina meccanica, dove è stata all'aperto per parecchio tempo ...[/ su_quote]

Nonostante i miglioramenti menzionati e l'incorporazione del potente propellente, non tutti gli estimatori del marchio lo considerano un vero prodotto M, poiché nella sua gestazione non sono state sviluppate parti specifiche, è stata utilizzata solo tecnologia già nota e utilizzata in altri modelli superiori del catalogo BMW. Fu solo con l'apparizione dell'M 635CSi (E24) nel 1984 e dell'M5 (E28) nel 1985 con i loro meravigliosi motori a 24 valvole da 286 CV (derivati ​​da quello che portava l'M1) che questi furono riconosciuti come autentici modelli M.

Opinioni a parte, non c'è dubbio che questa sia un'auto molto speciale con un enorme interesse, una macchina meravigliosa divertirsi alla guida. Oltre a ciò, bisogna tener presente che in Spagna arrivarono pochissime unità; Il suo periodo di produzione ha coinciso con la liberalizzazione delle importazioni nel nostro paese, ma queste sono state consumate in modo discreto, poiché la nostra economia non era per molte spese.

Questa vettura costava all'epoca in Germania 43.595 marchi, il 32% in più di una 528i (la cui acquisizione era molto più razionale) ed era destinata a una tipologia di clientela molto specifica che non proliferava proprio nella nostra geografia. Con questo intendo dire che si tratta di un'auto molto esclusiva e molto scarso; infatti, per un appassionato di auto, e BMW in particolare, in quanto è colui che sottoscrive queste righe, è il primo esemplare che ho potuto contemplare in tutta la mia vita.

bmw e12
È così che questa esclusiva BMW ha trovato il suo proprietario. Si potrebbe dire che è arrivato per poco!

La BMW M 535i di La Mancha

L'unità che vi presentiamo è stato scoperto di recente ad Albacete, lo stesso luogo in cui un importante imprenditore tessile lo iscrisse per la prima volta. In seguito appartenne a un rigger e terminò la sua vita utile nelle mani di un medico legale. Porta il numero di telaio 4145489 del 1981, con il codice DG01 (guida a sinistra), uno dei 1.410 esemplari prodotti tra il 1979 e il 1981. Mantiene il suo particolare colore rosso originale hennarot quello è lussuoso.

Riapparve sul sito di un'officina meccanica, dove è rimasto all'aperto per un po' di tempo dopo aver subito un grave guasto al motore. Era in discrete condizioni, praticamente completo e con un grande potenziale di riabilitazione.

Una volta saputo dove si trovava l'auto, mi sono messo in contatto con il mio amico Knut, un collezionista norvegese, stabilitosi nel nostro paese e innamorato di queste auto, e ci siamo messi in viaggio da Madrid con la sua nuovissima E12 528i verde verso il capitale della Mancia. Lì siamo stati ricevuti da Damián, la sua stanza e attuale proprietario, che ha gentilmente messo a nostra disposizione la sua auto per eseguire questo rapporto.

[pro_ad_display_adzone id = »41631 ″]

Il processo di ripristino è su un ottimo percorso; È ancora lontana dall'essere in perfette condizioni, ma è a quel punto che alcuni collezionisti considerano ottimale, essendo in buone condizioni ma mostrando la patina che il passare del tempo ha segnato sulla sua carrozzeria e sugli interni. Sono già stati apportati importanti miglioramenti meccanici; il principale, la disposizione del motore, ruggisce di nuovo come nei suoi giorni migliori, così come freni, tubi e tutti quei meccanismi che di solito vengono resi inutili in un veicolo quando è stato dimenticato per molto tempo.

Come potete vedere nelle immagini, il foglio presenta tanti piccoli ritocchi, qualche punto di corrosione e una vernice mangiata dal sole; normale per un'auto della sua età e che ha trascorso molti giorni all'aperto. L'ala posteriore è in pessime condizioni, se si decide di incorporarla dovrà essere riprodotta, poiché trovarne una originale può essere una missione impossibile.

m535i e12
Nota lo spazio per l'insegna M sull'ala posteriore malconcia
bmw e12
Chi ci avrebbe detto che avremmo trovato uno dei 1.400 M535i ad Albacete? È stato un piacere!

m535i e12
Nel 2011 BMW ha lanciato la F10 M5, V8 "twin turbo" con 560-575 CV.

Gli interni non sono male, il cruscotto un po' crepato e mancano un paio di modanature sui montanti del parabrezza. La tappezzeria è in ottime condizioni, come aveva solo 88.000 km quando è arrivato il pensionamento anticipato. Hai bisogno di una radio moderna, aggiusta lo sportello del vano portaoggetti, rivesti il ​​volante in pelle e poco altro.

In conclusione diremo che è un'auto che non ha bisogno di essere immacolata per affascinare qualsiasi appassionato di auto di quel tempo; Attira con forza l'attenzione per la sua rarità, la sua esclusività e le sue prestazioni. Inoltre, perché non dirlo, alimentare quel punto tosto ed esibizionista che tutti noi ci portiamo dentro. Ma la cosa più importante è che entra a far parte della storia vivente di BMW, Come dicevamo nell'intestazione: Con lui iniziò il rapporto commerciale con il reparto Motorsport e di conseguenza il proliferare di una delle saghe automobilistiche più eccezionali.

Ci auguriamo e speriamo che questo magnifico esemplare rimanga finalmente nel nostro Paese e non segua la strada di tanti altri veicoli molto interessanti che, per il loro prezzo interessante (per economie più solvibili della nostra) e per la loro assenza di ruggine e corrosione, sono finite nei garage dei collezionisti europei, soprattutto tedeschi. Ebbene, bisogna riconoscere che la macchina davanti ai loro occhi Lei è un'esperta di dolci...

Motore:

6 cilindri, 3453cc
Alesaggio e corsa: 93.4 mm, 84 mm
2 valvole per cilindro, iniezione Bosch L-Jetronic
Rapporto di compressione: 9.3: 1
Potenza massima: 218 CV, 160 Kw a 5200 giri/min
Coppia massima: 308 Nm a 4000 giri/min

trasmissione:

Cambio manuale a 5 marce
Rapporti (dal 1° al 5°): 3,72, 2,40, 1,77, 1,26, 1,00
Rapporto di trasmissione finale: 3,07 LSD

Sospensioni e sterzo:

Assale anteriore: puntoni inclinati con molla elicoidale (puntoni MacPherson, molle elicoidali)
Assale posteriore: bracci tirati con molle ausiliarie
Ammortizzatori telescopici a gas Bilstein
Sterzo: ricircolo di sfere e servosterzo

Freni:

Dischi, anteriore ventilato da 280 x 25 mm e posteriore solido da 272 x 10 mm.

Peso e misure:

Peso a vuoto: 1465 Kg
Interasse: 2.636 millimetri
Lunghezza: 4.620 mm
Carreggiata anteriore: 1.420 mm
Carreggiata posteriore: 1460 mm
Larghezza: mm 1690
Altezza: 1425 mm

Ruote e pneumatici:

Lega di alluminio Mahle-BBS 14 x 6,5 anteriore e posteriore
Taglia: 195/70 VR 14

Prestaciones:

Accelerazione da 0 a 100: 7,0 sec
Velocità massima: 227,8 Km/h

M 535i (E12) 1979 - 1981

6 cilindri in linea, 3453cc e 218cv

M 535i (E28) 1985 - 1987

6 cilindri in linea, 3430cc e 218cv

M5 (E28) 1985 - 1988

6 cilindri in linea, 3453cc e 286cv

M5 (E34) 1989 - 1995

6 cilindri in linea, 3535cc e 315cv 1989 - 1992
6 cilindri in linea, 3795cc e 340cv 1992 - 1995

M5 (E39) 1998 - 2003

V8, 4941cc e 394cv

M5 (E60) 2005 - 2010

V10, 4999cc e 507cv

M5 (F10) 2011 - Presente

V8 Turbo, 4395cc e 567cv

Cosa ne pensi?

foto dell'avatar

scritto da Immagine segnaposto Carlo Sanz

Sono nato a Madrid nel 1964, luogo e momento sbagliato per un appassionato di auto. È risaputo che a quel tempo, nonostante la coincidenza con l'espansione economica spagnola e il notevole aumento del parco auto, l'offerta di modelli fosse... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

55.7kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.4kSeguaci