Ford Bronco
in

Ford Bronco Big Oly. Mezzo secolo dalla sua prima vittoria al Baja 1000

Apparsa a metà degli anni Sessanta per competere con la Jeep, la Ford Bronco rappresenta una delle saghe 4×4 di maggior successo nella storia del motore americano. Tuttavia, è curioso vedere come la sua versione più famosa sia in realtà un'auto creata da zero. Stiamo parlando della Big Oly, guidata da Parnelli Jones e che ha appena compiuto mezzo secolo dalla sua prima vittoria nella Baja 1000.

Ogni disciplina degli sport motoristici ha le sue gare fetish. Nel caso della F1, forse è il GP di Monaco. Una competizione caratterizzata dal suo carattere di circuito cittadino dove dal 1950 si sono vissuti molti dei duelli più spettacolari della categoria. Se parliamo del campionato mondiale endurance, il più mitico è senza dubbio Le Mans. Tutto questo nonostante il gusto che si può avere per piste così spettacolari come la Spa o il Nürburgring. Tuttavia, entrando nel mondo delle corse gravel la scelta non è così netta.

Da un lato, i più fedeli seguaci del rally si concentrerebbero sull'Africa. Continente che ha visto nascere prove estreme come il Safari o la Dakar. Qualcosa a cui molti aggiungerebbero l'accusa di essere appuntamenti contestati in più tappe, dissipando così il carattere di una corsa con partenza e arrivo nello stesso tempismo. Una diatriba che richiama i più puristi del ciclismo e il loro gusto per le classiche come la Parigi-Roubaix contro il Giro o il Tour. Uno di quegli infiniti dibattiti che, per definizione, ha una grande ragione dietro.

In questo senso, pensando alle gare gravel disputate in un solo giorno, scegliere la Baja 1000 come favorita non sarebbe strano.. In fin dei conti, questa competizione ha una tradizione iniziata nel 1967 con una moltitudine di categorie partecipanti. Un magma di veicoli dove troviamo buggy e SUV ma anche camion e persino un segmento speciale per i modelli con motori Subaru. Tutti cercano di essere i primi a percorrere in una volta sola i 1700 chilometri che separano Ensenada da La Paz attraverso la penisola della Baja California.

Ford Bronco

Un percorso per coraggiosi in cui spiccano leggende come la Ford Bronco Big Oly. Un tuttofare costruito da zero per ottenere la vittoria di cui ormai è mezzo secolo.

L'ASPETTO INGANNA

Così come nel mondo delle auto sportive americane la Mustang o la Corvette rappresentano le migliori saghe, quando si tratta di andare a terra la Bronco ha la storia più celebrata. Sempre con il permesso della Jeep, anche se di seconda generazione Il Bronco ha preso di mira un segmento più ampio dove è stato trovato come modelli come la Chevrolet Blazer. Tuttavia, la verità è che questo modello Ford è uno dei riferimenti nel settore 1966×4 negli Stati Uniti dal 4.

In questo modo - e a maggior ragione nel caso della versatile e maneggevole Ford Bronco MkI - il modello era una base perfetta per i modelli da competizione destinati alla Baja 1000. Qualcosa che è stato dimostrato dalle vittorie nel 1968 e 1969 con Larry Minor a la ruota. Entrambi con cronometro fermo solo dopo più di venti ore di guida, il che scese a quindici anni quando Parnelli Jones cavalcò il Bronco Big Oly nel 1971. Una riduzione più che notevole che deve la sua spiegazione a un fatto molto semplice: non è proprio una Ford Bronco.

E il fatto è che - nonostante il Bronco si ricordi per ragioni pubblicitarie - il Big Oly ha iniziato da zero nel suo design. Per questo motivo non può essere in alcun modo correlato ai modelli di serie. Una trovata pubblicitaria che è sempre stata ampiamente utilizzata nel mondo dei rally, avendo in comune l'auto di serie e l'auto da competizione solo il nome. Tanto che nel caso della Big Oly è stato utilizzato addirittura il telaio della Ford Bronco. Al contrario, questa leggenda Baja 1000 è montata su un telaio artigianale con tubi di acciaio al cromo-molibdeno.

Ford Bronco

FORD BRONCO GRANDE OLY. UNA LEGGENDA DEI BASSI 1000

Oltre al telaio singolo, il Big Oly presenta una serie di pannelli in alluminio per formare la cabina. Il tutto rivestito da una carrozzeria in fibra di vetro esteticamente simile alla Bronco Mk1 ma con proporzioni più strette. Per quanto riguarda la motorizzazione, l'officina californiana che ha collaborato con Parnelli Jones ha deciso di montare un V8 Ford 351 Windsor. La più grande in cilindrata di tutte le derivate della Small Block disegnata da Ed Cole grazie ai suoi 5 litri. Un'ingegnosità che ha spinto alcune delle versioni più potenti della Mustang preparata da Shelby Cobra, che qui dà 8CV.

Potenza più che sufficiente per i soli 1188 chili di questo Bronco, compreso lo spoiler che funge allo stesso tempo da tetto e le sospensioni a lunga escursione. Per quanto riguarda il cambio, è stato scelto un automatico, il che può sorprendere solo se si legge questa vettura da una concezione europea. Per tutti questi motivi, la Big Oly è una vera macchina per vincere le gare su ghiaia, guidata da un uomo che proveniva da una vasta esperienza nella 500 Miglia di Indianapolis.

Qualcosa che non è stato un ostacolo per Parnelli Jones per vincere la Baja 1000 nel 1971. Ripetere l'anno successivo e vincere anche due Baja 500. Un record che ha reso questo fuoristrada una delle auto da corsa americane più emozionanti. Essendo stato nelle mani di questo pilota fino a maggio 2020. All'epoca, in perfetto stato di conservazione, è stato messo all'asta da Mecum in un'asta che ha rotto le cifre rispetto al prezzo che solitamente hanno i fuoristrada. Tuttavia, nel caso di Big Oly non stiamo parlando di qualcosa di comune.

Fotografie: Aste Mecum

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci