ferrari 275 gtb cobra 427 fienile trova
in

Barn Find: cavalli e serpenti polverosi

Se hai mai dovuto fare l'inventario di una vecchia casa di famiglia, lo sai con l'età accumuliamo una moltitudine di cose. Quando vedi tutto sotto le coperte, la prima cosa che pensi è che il nonno avesse una specie di "Sindrome di Diogene”Potenzialmente, ma quando compaiono i grumi, non pochi gioielli tendono ad apparire che, o non sapevi che erano in famiglia, o semplicemente non lo sapevi completamente.

Bene, ora immagina questo ma con le auto classiche. E no, non ci riferiamo al ritrovamento di quel vecchio 600 di tuo padre nascosto sotto della plastica o al salvataggio della 2CV di tuo zio dalle galline... Parliamo di reperti oggettivamente più preziosi. Riscontri come quelli che di volta in volta ci presenta solitamente il programma nordamericano”Barn find hunter“...

Ed è quello, sì Qualche mese fa il presunto ritrovamento di quella Pegaso Z-102 sotto i box di un garage è balzata a non pochi attuali portali motori... Questa volta ci sorprende con qualcosa di veramente spettacolare: uno dei migliori granturismi europei a fianco di una delle auto sportive americane più selvagge. Né più né meno di a Ferrari 275GTB e Shelby Cobra 427 dimenticato sotto la polvere di un normale garage dal 1991.

GIOIELLI DIMENTICATI SOTTO LA POLVERE

La storia è davvero curiosa. Come abbiamo potuto constatare, il proprietario di questi gioielli doveva essere un uomo un po' solo, anche se, sì, con un'enorme passione per l'automobilismo. Uno dei suoi migliori amici era il suo meccanico di fiducia che, una volta morto in un incidente in moto, era insostituibile.

A causa di questo, e di altri cambiamenti che hanno coinciso con la morte, il nostro protagonista decise di chiuderli in un garage nel 1991. Solo pochi mesi fa, e nell'ambito delle riprese del programma Barn Find Hunter - anche se non escludiamo che si tratti di un'altra suggestiva 'riscoperta' - che i contenuti di questo luogo polveroso sono stati finalmente ispezionati a causa a un ordine di demolizione imminente.

Demolizioni che fortunatamente non porteranno più avanti questa raccolta. E sì, diciamo raccolta perché, sebbene siamo oscurati dalla Ferrari e dal Cobra, c'era anche un BMW E30 325ix -rara versione a trazione integrale-, bellissima Trionfo TR-6 e Morgan Plus 8.

Inoltre, tutti sono in uno stato di conservazione abbastanza ragionevole. E con un numero di chilometri davvero basso, segnando ad esempio il contachilometri della 275 GTB solo circa 21.000 chilometri, e quello della Cobra, 30.000. Un ritrovamento che ha richiesto la mano di bravi meccanici - finalmente! - per tornare a ruggire come prima, pur con qualche acciacco.

INOLTRE, APPARTENGONO ALLA SERIE CODICIAL

Il valore di queste due vetture è evidente. La citazione di any Ferrari 275 GTB può salire alle stelle, forte del suo innegabile pedigree: con meno di 1.000 unità assemblate, questa Ferrari presentata nel 1964 è una delle vette del marchio italiano. Una delle sue gran turismo sportive di maggior successo, con un design accattivante e una meccanica mitica come la sua V12 Colombo in grado di interpretare una sinfonia incredibile con le sue 24 valvole, 3300 cc e circa 300CV. Inoltre, è la versione a 'naso lungo', con maggiore stabilità alle alte velocità, con carrozzeria in alluminio e che equipaggia un raro rivestimento originale in vinile blu navy al posto della pelle.

Anche il Cobra non è in ritardo nella mitomania che sviluppa. Prodotto per soli 4 anni -come la 275 GTB-, sebbene replicato all'infinito in modo ufficiale e non, il cobra Ha affascinato generazioni grazie al suo carattere assolutamente radicale, senza compromessi. Un'auto muscolosa, vestita con un corpo in alluminio scolpito derivato dall'originale AC Ace e sotto il quale è nascosto un V8 428 pollici cubici e quasi 400 CV. Una pompa di potenza e nervosismo composta da telaio, volano, motore e freni.

428? E perché diciamo che è un 427? Bene, perché, a quanto pare, Shelby ha sostituito il motore da corsa originale 427 in un lotto di unità con il 428, qualcosa di più civile. Questo non è stato autorizzato da Ford, quindi, secondo il video, è stato costretto a chiamare le auto interessate per una revisione e sostituire i meccanici con quelli concordati. Solo pochi esemplari conservavano i 428 e questo Cobra è uno di questi. Inoltre, poiché non è una versione SC, è un po' più subdolo dei suoi fratelli con linee di fuga visibili. Sicuramente è qualcosa di rinfrescante...

Un altro dettaglio interessante che viene raccontato nel video sui Cobra 427 è che sono assolutamente foderato nei numeri di serie. Questi sono stampati su tutta la lunghezza e larghezza dell'auto, in modo tale che l'originalità di un'unità possa essere misurata dal numero di parti numeri corrispondenti, o numeri corrispondenti, che mantieni. Infine, viste le immagini, dire che i Cobra originali hanno qualcosa di speciale che li distingue dalle loro repliche, anche se queste sono ufficiali o auto di proseguimento: Non sapremmo dire perché, ma puoi capire quando un'auto è uscita direttamente dalle mani di Shelby negli anni '60.

Andiamo avanti con la storia, che si è conclusa appena un mese fa (la 'scoperta' è avvenuta a gennaio), quando le due star, Ferrari e Cobra, sono state vendute all'asta Gooding & Co. ad Amelia Island. La verità è che questa procedura non ci interessa molto (gli zeri ci danno un po' le vertigini), ma quello che fa è il rituale di come scavano le macchine e le riaccendono, come potete vedere nei due video che abbiamo incorporato in continuazione. Ed è tutto ciò che fa parte della mistica trovare fienile; prima li trovi, poi gli dai cure palliative e infine li resuscita. Il passaggio finale, forse semplificativo, è lavarli bene e molto probabilmente cambiare tutte le gomme...

Non ti piacerebbe farlo con le tue mani? 😉


Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci