Fiat Panda
in

FIAT Panda: 40 anni

FOTO FIAT PANDA: FIAT

Le apparenze ingannano e nel mondo dell'automotive molto di più. Ci sono auto che a prima vista sembrano sportive, potenti e veloci, ma poi si rivelano tutte di facciata, come nel caso di molti modelli attuali con pneumatici enormi e design suggestivo. Ma c'è anche l'auto dal design semplice, soluzioni pratiche e motori essenziali, che sorprende per tutta l'ingegneria applicata nella sua realizzazione. 

Una di quelle auto potrebbe essere la MINI, divenuto famoso tra la gente per le sue piccole dimensioni e non per il geniale disegno di Issigonis. Un altro esempio di macchina semplice ma interessante su altri livelli è la is FIAT Panda, la nostra amata e simpatica SEAT Panda, che compie 40 anni e che è un'auto rivoluzionaria sotto molti aspetti, anche se alla fine è nota per la sua semplicità nel design. C'è la frase in relazione alla tua dashboard, che tra l'altro, va detto che tale dashboard non esiste. 

È una delle caratteristiche della FIAT Panda, non ha un cruscotto in quanto tale, anche se i progettisti hanno saputo approfittare di questo fatto. Designer, tra l'altro, che facevano capo a Giorgetto Giugiaro. Italdesign è stato lo studio di design responsabile della creazione della FIAT Panda, con la premessa di essere un veicolo economico, sia quando si tratta di produrlo, che di mantenerlo e di utilizzarlo quotidianamente. La funzione ha la precedenza sulla forma e il risparmio sui costi su tutto il resto

40 anni della FIAT Panda

Fiat Panda: design natalizio

Ma Giugiaro era un vero artista, un ragazzo di notevole ingegno, anche se ha sempre vissuto all'ombra di stilisti come Pininfarina. Dobbiamo a Giugiaro auto come la BMW M1 (e26), l'Alfa Romeo Alfasud, la Maserati 3200 GT, la De Lorean, la Renault 21, la SEAT Ibiza e Toledo di prima e seconda generazione, la spettacolare Volkswagen W12... e ovviamente , una delle vetture con più follower oggi, la Volkswagen Golf “MK1”. Italdesign ha creato grandi auto per innumerevoli marchi

Era il 1976 quando Carlo de Benedetti, allora amministratore delegato della FIAT, contattò Giugiaro per commissionargli un lavoro. Ha dovuto progettare un'auto semplice, economica e versatile, in particolare, de Benedetti ha affermato che non dovrebbe essere più costosa da produrre di una FIAT 126 e dovrebbe essere razionale e utilizzabile come una Citroën 2CV o una Renault 4. Inoltre, gli hanno dato un margine per presentare il lavoro per pochi mesi. Giugiaro ricevuto l'ordine all'inizio dell'estate e dovrebbe essere finito entro la fine di agosto

Proprio in quel momento Giugiaro era in vacanza in Sardegna, così chiese che il suo tavolo di design venisse portato nel suo luogo di vacanza e iniziò a lavorare al progetto con il suo compagno, Aldo Mantovani. Ci sono volute pochissime settimane per finire il progetto, che si è distinto per l'ingegnosità impiegata nella sua realizzazione. 

Bisogna salvare, ma con ingegno

Ad esempio, le forme del suo corpo, con pannelli lisci e segnati da linee rette hanno risposto al risparmio sui costi. È molto più economico fabbricare pannelli con forme semplici e diritte che con forme complicate e sono anche più facili da montare e quindi più economici da produrre. Inoltre, allo stesso tempo sfrutta al massimo lo spazio e offre una cabina relativamente spaziosa per le sue dimensioni esterne. La manifattura presenta anche spunti curiosi per risparmiare sui costi, come le due gomme ai lati del tetto, che servono semplicemente a coprire le saldature. 

La cabina è un altro spreco di ingegno e risparmio sui costi. Porte e montanti non rivestiti, sedili estremamente semplici e altamente funzionali (possono essere piegati sia in avanti che all'indietro, rimossi dall'auto…), nonché un cruscotto inesistente. Quello che si vede ad occhio nudo appena si entra è il parafiamma che separa il vano motore dall'abitacolo, che presenta le aperture per il riscaldamento e funge da supporto per il modulo strumentazione. A metà altezza è installata una barra che, grazie al rivestimento incorporato, funge da vassoio dove lasciare ciò che si vuole. 

Dettagli che passano inosservati da un design dalle forme squadrate e, in apparenza, poco fantasioso, ma che in realtà nascondono alcuni lavori ingegneristici molto interessanti e buone idee. La FIAT Panda è un'auto che ha rivoluzionato l'azienda italiana, impostando la rotta che FIAT avrebbe seguito da quel momento in poi, aprendo le porte all'era moderna e voltando definitivamente le spalle, dopo decenni di scommesse, al "tutto dietro"

Dalla Panda, sia FIAT che SEAT, più di 4,5 milioni di unità sono state prodotte in 23 anni di vita commerciale. L'ultima unità della Panda è uscita dalla catena di montaggio il 5 settembre 2003, una Panda Young 1100 ie rosa.

Cosa ne pensi?

Javi martin

scritto da Javi martin

Se mi chiedi da dove viene il mio amore per i motori, non saprei rispondere. È sempre stato lì, anche se io sono l'unico della famiglia a cui piace questo mondo. Mio padre ha lavorato come disegnatore in un'azienda metallurgica con molta produzione di componenti per auto, ma non c'è mai stata una passione come me.

Mi piace molto la storia dell'automobile e attualmente sto creando una biblioteca personale dedicata esclusivamente alla storia del motore in Spagna, senza dimenticare le moto che hanno dato tanto servizio nella nostra "vecchia" Spagna. Ho anche una vasta collezione di materiale scansionato.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

49.9kFan
1.6kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci