fiat 131 diesel
in

Mi piaceMi piace SorpresoSorpreso

FIAT 131 Diesel. Usando un rally intercontinentale come banco di prova

Nell'aprile del 1978 la FIAT presentò il modello diesel 131 equipaggiato con il nuovo motore SOFIM 8140. Tuttavia, questa vettura era già nota alla stampa poiché era stata testata mesi prima al Rally Londra-Sydney del 1977. Una gara di durata molto dura utilizzata dall'italiano house - con successo - come banco di prova per questo modello diesel.

A metà del XIX secolo, il naturalista inglese Henry Walter Bates studiò diligentemente le farfalle dell'Amazzonia. Un'osservazione con cui ha scoperto come alcune specie assolutamente innocue assomiglino ad altre molto più aggressive. In questo modo riescono a sopravvivere. Ingannare i predatori in fuga con il loro camuffamento confondendoli con altre prede molto più complicate dal loro veleno o dalla loro forza. Una strategia evolutiva che è stata chiamata Mimetismo Batesiano. Che ha una traduzione nel motorsport da quando il fenomeno Hot Rod è emerso negli Stati Uniti negli anni Cinquanta.

Una moda che è sopravvissuta fino ad oggi attraverso il tuning. La febbre per la trasformazione dei veicoli, che di solito colpisce più visivamente che meccanicamente. Quindi le cose, camminare nel parcheggio di certi locali notturni assomiglia a quello che Walter Bates ha visto in Amazzonia. Osservando una scintillante panoplia di automobili che sembrano più feroci della messa a punto meccanica. Una vera collezione trompe l'oeil su quattro ruote, dove spoiler, minigonne e pannelli oversize aggiungono peso senza migliorare potenza, grip o aerodinamica.

Un elemento estetico in cui cadono molti quando osservano veicoli con rigonfiamenti nel cofano. Questo è un indizio della presenza di enormi motori con carburatori incapaci di entrare nel vano motore. Un dato non sempre coerente con la realtà, ancor meno quando si parla di modelli diesel. Raramente destinato alla competizione, ma In casi come la FIAT 131 Diesel, ha fatto un'ottima impressione anche su un rally con più di 40.000 chilometri. A proposito, questa volta con un rigonfiamento nel cofano che corrisponde a quello che c'è sotto.

fiat 131 diesel

FIAT 131 DIESEL. MESSA A PUNTO DA ABARTH PER CORRERE UN RALLY DI CROSSING

Quando la FIAT introdusse la popolare 1957 nel 500, alcuni giornalisti dubitarono della sua affidabilità, pensando che un modello così semplice non potesse essere di qualità. Pertanto, il marchio ha rotolato una FIAT 500 preparata da Abarth per una settimana, percorrendo 18.886 km senza soste se non fare rifornimento e cambiare pilota. R) Sì, ha mostrato quanto fosse parziale l'opinione di quei media. Un'impresa che va di pari passo con altre che dimostrano anche l'interesse della FIAT a pubblicizzare la robustezza dei suoi motori. Come quello che nel 1970 portò a tre 124 Specialissima dal Sudafrica alla Norvegia percorrendo più di 40.000 chilometri.

Era quindi questione di tempo prima che la FIAT partecipasse a uno dei grandi raduni intercontinentali di cross country. Il primo di essi ebbe luogo nel 1968. Anno in cui si tenne la prima edizione del London-Sydney organizzato dal Daily Telegraph. Un test capace di mettere alle corde anche il veicolo più robusto, replicato a Londra-Messico nel 1970 -dove ha partecipato Carlos del Val con una SEAT 124-. Competizioni che hanno avuto più edizioni in diversi anni degli anni settanta, avendo nella Londra-Sidney del 1977 organizzata dalla Singapore Airlines il suo ultimo grande esponente prima di essere eclissata da rally come la Dakar.

Una vergogna Poiché in queste prove di settimane attraversando diversi continenti è stata messa alla prova l'affidabilità di noti modelli di grandi serie. Appena modificato se non nelle sospensioni e nella sicurezza prima della partenza. Pertanto, quando consultiamo il Classifica Londra-Sidney 1977 Non vediamo veicoli da competizione esclusivi, ma alcuni comuni come la vincente Mercedes-Benz 280E o la Citroën CX al terzo posto. Un elenco dove -al numero quindici- evidenzia la partecipazione di un veicolo con motorizzazione a priori non destinato alla competizione. La FIAT 131 Diesel Abarth.

USA IL RALLYE COME BANCO DI PROVA

Insieme all'introduzione della seconda serie della 131, FIAT ha programmato l'apparizione di nuovi modelli diesel per la gamma della sua berlina. In esse era montato il motore prodotto dalla SOFIM -Società Franco-Italiana di Motore-. Il cui diesel 8140 a quattro cilindri ha equipaggiato veicoli diversi come la FIAT Croma, i furgoni Renault Traffic e Iveco Daily o la FIAT 131 Diesel. Un insieme vario che, con impostazioni diverse, ha goduto dei vantaggi di un motore robusto allungato fino a 146CV. Tuttavia, nel caso del nostro protagonista, è stato regolato a 72CV a 4.200 giri/min. Più che sufficienti per un modello in cui affidabilità e consumi ridotti prevalgono sulla velocità massima o sull'accelerazione.

Un carattere messo a punto con le tre unità FIAT 131 Diesel poste sulla linea di partenza della Londra-Sydney il 14 agosto 1977. Usato come prototipo, poiché questa versione non fu presentata fino al Salone di Torino dell'aprile dell'anno successivo. Così, FIAT ha usato questo rally come banco di prova. Ottenere risultati dalle tre squadre, dove hanno gareggiato da Giancarlo Baghetti -ex pilota di F1 per la Ferrari- a Tomaso Carletti -ingegnere capo del reparto sviluppo della FIAT-. Inoltre, delle sei persone incaricate di guidare le auto, tre erano donne. Le due francesi Evelyne Vanoni e Chistine Dacremont, oltre all'italiana Marianne Hoepfner -cavaliere specializzata in raid-.

Dopo 45 giorni e più di 30.000 chilometri, i partecipanti hanno finalmente raggiunto Sydney dopo aver attraversato luoghi oggi impensabili come Kabul. Un traguardo raggiunto da due unità della FIAT 131 Diesel, in partenza primo e secondo nella categoria dedicata a questo tipo di motore. Ma anche 15 e 23 in generale. Risultati molto meritori per un'auto destinata ad un pubblico di massa. Che era solo lontana da quella che sarebbe stata la versione standard in termini di sicurezza per il rally e le sospensioni, tutte firmate Abarth.

Fotografie: FCA Heritage

PD Se sei arrivato così lontano, probabilmente ti starai chiedendo perché la menzione dei cofani ingombranti sia dovuta alla possibilità di montare un motore più grande. Ebbene, come potete vedere dalle foto, la FIAT 131 Diesel ha il cofano sporgente. Aggiunta che in questo caso non è dovuta ad un semplice tentativo di apparire più di quello che è. Piuttosto, è rilevante perché il motore diesel era più grande della benzina. È interessante notare che questo conferisce un aspetto più sportivo alle versioni diesel rispetto a alla benzina.

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci