fiat 130
in

Mi piaceMi piace SorpresoSorpreso

FIAT 130 Familiare. 50 anni di questo saggio usato dagli Agnelli

Nel 1969 la FIAT lanciò la 130 come berlina di alta gamma progettata per competere con la BMW 2800 e la Mercedes 280. Tuttavia, il suo motore non fu mai al livello di quelli dei tedeschi. Per questo è passato alla storia come un modello con scarso successo nonostante gli sforzi della FIAT per aggiornarlo. Il più importante nel 1971, quando lanciò una variante coupé disegnata da Pininfarina e addirittura flirtò con l'idea di produrla in una carrozzeria station wagon.

Qualsiasi gestione della realtà richiede sia una certa analisi che un piano d'azione per il futuro. In questo modo, politici e uomini d'affari si sono dotati di ideologie con cui comprendere e modellare la forma e il modo in cui gli esseri umani vivono nella società. Tuttavia, una delle grandi lezioni mostrate dal trascorrere dei secoli è il primato dei fatti. così il caso e l'imprevisto sono sempre al di sopra di qualsiasi agenda precedentemente costituita. Qualcosa che non dovrebbe portare affatto a un cieco cinismo, ma a riconoscere e applicare la necessaria flessibilità che sta alla base di qualsiasi accordo o affare.

In questo senso è interessante vedere come grandi imprenditori del settore automobilistico siano riusciti a raggiungere accordi imprevisti per proseguire con la loro azienda. In Spagna abbiamo un chiaro esempio con Eduardo Barreiros. Chiaro esempio di istinto e perseveranza, che Ha potuto collaborare con il governo di Fidel Castro per continuare a svolgere la sua attività imprenditoriale. Un esempio di adattamento economico. Dedicandosi ai motori diesel presso lo stabilimento cubano-sovietico Amistad dell'Avana dopo aver forgiato il suo passato con Dodge e Simca su licenza Chrysler a Villaverde.

Un esempio della mancanza di confini per competenza tecnica e slancio imprenditoriale, che il clan Agnelli ha simboleggiato in Italia. Noti e riconosciuti finanziatori della democrazia cristiana che chiusero la strada al disciplinato Partito Comunista d'Italia. Ma in quel momento abili negoziatori con la Lada sovietica per la fabbricazione su licenza di 124. Una saga di abili imprenditori nati agli albori del 'XNUMX che hanno saputo fare della FIAT un'azienda globale in tutto e per tutto.

fiat 130

O almeno quasi tutti. Poiché, sebbene fossero il riferimento nelle compatte urbane all'epoca in cui controllavano la Ferrari, Non hanno mai saputo strappare ai tedeschi il regno nei saloon. Ne è prova la discussa FIAT 130. Un top di gamma che non ha mai raggiunto il successo sperato pur conoscendo interessanti prove con l'ente di famiglia che ormai compiono mezzo secolo.

FIAT 130. IL TOP DI GAMMA CHE VOLEVO MA NON POTEVA

Già a metà degli anni Sessanta la FIAT era una delle più importanti case generaliste al mondo. Un gigante in crescita grazie al sistema di produzione su licenza. Grazie a quali paesi così diversi come la Spagna del nazional-cattolicesimo o la Russia sovietica si sono inseriti nel loro progresso economico modelli derivati ​​dalla casa italiana. Pertanto, le sue compatte e le sue auto erano il punto di riferimento in vari segmenti. Situazione ancora più evidente con l'irruzione della fortunata FIAT 124 nel 1966.

Tuttavia, quando si trattava dei modelli FIAT più esclusivi, non è riuscito a colpire nel segno con un buon prodotto. A causa della sua mancanza di successo quando si tratta di berline di fascia alta, questo segmento promettente in un'Europa con sempre più chilometri di autostrade è rimasto nelle mani dei tedeschi. Per questo BMW e Mercedes -con il punto inglese fornito da Jaguar- hanno condiviso il mercato con una FIAT ferita nel loro orgoglio. Problema a cui volle porre rimedio presentando la FIAT 1969 nel 130. Un top di gamma tanto ambizioso quanto fallito.

Sulla carta, la verità è che un veicolo dallo stile conservativo con un motore V6 e sospensioni indipendenti a quattro ruote sembra promettente per una berlina rappresentativa. Ancora di più se a interni spaziosi e confortevoli con vari optional e grande luminosità. Dati che cozzavano con la realtà di soli 140CV forniti da un motore che mancava di cilindrata con i suoi 2866cc. Pochissimo per un top di gamma focalizzato sui lunghi viaggi con circa 1.600 chili sulla bilancia. In questo modo nemmeno il fatto che l'adeguamento della meccanica fosse firmato da un ingegnere di tale prestigio come Aurelio Lampredi poteva salvare la faccia della FIAT 130.

1971. MEZZO SECOLO DEL TENTATIVO DI SALVATAGGIO DELLA FIAT 130

Da quando è stata presentata nel 1969, la FIAT 130 sembrava già obsoleta rispetto alle rivali. In effetti, il marchio stesso ne era consapevole. Aggiungendo al marchio diversi miglioramenti tecnici nelle serie successive per aumentare la potenza a poco più di 160CV. Vani tentativi di migliorare il numero delle vendite, bassissime con poco più di 15.000 berline vendute in otto anni di produzione. Dati in cui sarete sicuramente rimasti colpiti vedendo la parola saloon per differenziare questa variante dalle altre. Ed è che nel 1971 la FIAT è venuta in soccorso del suo modello top di gamma incorporando un modello coupé disegnato da Paolo Martín -Pininfarina-.

Molto più moderno nelle sue linee. Dritto e raffinato per mostrare una due porte con cilindrata aumentata a 3235cc e 165CV. A priori attraente, ma con consumi elevati e a prezzo tre volte superiore a quello di una 132 berlina reso impossibile il salvataggio commerciale della FIAT 130 nonostante avesse venduto quasi 4.500 unità. In questo modo fu condannata la FIAT 130 nonostante fosse ancora viva nelle concessionarie del marchio fino al 1977. Una storia di scarso successo, in cui non riuscì mai a reggere il confronto con le sue concorrenti: la BMW 2800 e la Mercedes 280.

Tuttavia, per gli appassionati del marchio italiano la FIAT 130 rappresenta oggi un modello interessante e curioso soprattutto nella sua variante coupé. Che non ha guadagnato tanto nel tempo quanto il FIAT-Dino V6 anche se conserva un fascino dato dalla sua scarsità. In ogni caso, Se quello che cerchi è la FIAT 130 più sconosciuta ti diremo che in realtà sono quattro di cui tre conservati. Tutti furono commissionati dalla famiglia Agnelli, che ne usò due per uso privato mentre ne cedeva un terzo al proprio antiquario di riferimento. Inoltre, il Centro Stile FIAT ha apprezzato la realizzazione di questa versione station wagon nel boom delle station wagon in Europa. Un'idea che ha avuto la sua fine nei prototipi che ora hanno mezzo secolo di vita.

Fotografie: FCA Heritage

Cosa ne pensi?

foto dell'avatar

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

55.7kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.4kSeguaci