testarossa ragno agnelli
in

Mi piaceMi piace

1 di 1: Testarossa Spider di Agnelli

Ovviamente il file Ferrari Testarossa è una delle icone dalla fabbrica di Maranello. Ne sono stati prodotti più di 10.000 ma ce n'è uno, uno in particolare, quello è unico.

E non solo per essere un ragno; Gli ingegneri Ferrari hanno fatto di tutto per realizzare i necessari rinforzi nella carrozzeria e per accoppiare elementi specifici come il cambio semiautomatico Valeo. Se a tutto ciò aggiungiamo l'elegante color argento... siamo di fronte ad un esemplare francamente interessante.

Qual è stata la ragione per investire così tanto impegno? La risposta è semplice: dovevi compiacere il capo. E no, non ci riferiamo a Enzo Ferrari, ma al capo dei capi dell'industria italiana: Gianni Agnelli, il presidente della Fiat che ha reso l'azienda quella che è oggi, il più importante gruppo imprenditoriale italiano. Gianni, nipote dell'Agnelli fondatore della FIAT nel 1899, nel 1986 compie 20 anni alla guida del conglomerato automobilistico cui partecipa la Ferrari. E da quello che vediamo, volevo celebrarlo con stile.

testarossa ragno agnelli
Il cavallo sulla sua schiena va oltre nella sua menzione d'argento di un semplice cromo: è fatto d'argento. Fonte: Artcurial

UN'AUTO UNICA PER UN UOMO UNICO

La personalizzazione doveva essere all'altezza dell'evento, e quindi Gli ingegneri di Maranello non si sono limitati a un semplice restyling. Tuttavia, la prima cosa che ci colpisce è l'estetica, dal momento che è l'unica Testarossa Spider uscita dalla fabbrica Ferrari. E la cosa non c'è, perché nella sezione visiva c'è anche un indovinello: come si chiama l'argento nella tavola periodica? Esatto, Ag. Le prime due lettere di Agnelli. Per questo motivo questo esemplare unico veste quell'elegante color argento, che gli è valso la vittoria all'ultimo cConcorso di eleganza svoltosi a Maranello per i 70 anni del marchio.

Sebbene si parli di questa unità perché è l'unica Testarossa Spider prodotta dalla Ferrari, è francamente interessante anche perché incorpora un cambio semiautomatico. Gianni Agnelli ha riportato un infortunio alla gamba sinistra, che gli ha reso difficile l'azionamento della frizione; quindi gli ingegneri hanno assemblato il Trasmissione Valeo, embrione precoce di questo tipo di schema; con esso, tutto ciò che devi fare è premere un pulsante per passare da manuale ad automatico. Uno spettacolo piuttosto tecnico per l'epoca.

Tutto ciò che si aggiunge al già in sé motore spettacolare di quasi 5000 centimetri cubi, 12 cilindri piatti e 390 cv. In questa versione il ragno deve essere fantastico ascoltando la sinfonia prodotto alle spalle del conducente. Un lusso unico pensato per il grande capo della FIAT. Un uomo che ha anche commissionato l'unico Lancia Delta Spider Integrale; tutti per camminare con lui nelle estati di St. Moritz. A proposito di guidare attraverso posti magnifici in auto da sogno, vediamo la Ferrari di Agnelli guidare nella notte a Parigi...

CI SONO ALTRI, MA NON SONO 62897

Tuttavia, ci sono altri Testarossa Spider. Ma attenzione, non sono unità prodotte dalla Ferrari. Questi sono preparati post-vendita ideati da negozi di moda come Straman -responsabile di uno in argento e con immatricolazione spagnola-, Baldini -che ha realizzato un'unità vuota e un altro in blu- o Pavesi -in giallo-. L'unica versione Spider uscita dalla catena di montaggio di Maranello è questa che vi presentiamo., battuta all'asta per poco più di un milione di euro meno di due anni fa.

Agnelli era un uomo unico, e per questo commissionò un'auto unica: la Testarossa con numero di telaio 62897, un esemplare per tirare indietro il cofano e far fluire la magia del V12 Ferrari...

testarossa ragno agnelli
Per il suo colore e il suo profilo, è incredibilmente elegante. Ancora di più quando guardi quella sottile striscia blu che lo attraversa. Fonte: Artcurial

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci