padova fiera dell'auto d'epoca
in

Fiera di Padova 2018: Italian Essence

TESTO FIERA DI PADOVA 2018: MIGUEL SÁNCHEZ / FOTO: SERGIO CALLEJA

L'Italia è sempre stata definita come un caos che, paradossalmente, finisce con ordine. Questo si vede nella sua stessa storia. In esso decine di piccoli stati hanno finito per formare un unico paese. Anche nel modo di esprimersi degli stessi italiani. Sempre vociferante ed eccessivamente teatrale ma con uno dei linguaggi della più grande e serena letteratura. Contraddizioni che possiamo vedere nel Auto e Moto d'epoca Fiera Padova. Uno dei più importanti saloni dell'auto d'epoca in Europa con i suoi 90.000 metri quadrati, 1.600 espositori, 115.000 visitatori e 5.000 auto esposte.

Qui il difficile è selezionare. E se stai pensando di andare in questo classico salone in Italia, ti consigliamo scarpe comode. Una buona scarpa già fatta ai tuoi piedi per poter passeggiare con calma tra gli 11 padiglioni dove puoi trovare una selezione di gioielli transalpini senza eguali. Ed è che sebbene abbiamo visto stranezze americane o tedesche ... La verità è che alla fiera di Padova si gira a livello nazionale.

Alfa Romeo, Lancia, Abarth... Queste sono alcune delle referenze che vedrete maggiormente in questa fiera. E la cosa migliore è che sono riferimenti dal vivo. Perché Se qualcosa caratterizza la rassegna dei classici di Padova, è l'intensa compravendita tra tifosi. Al di là dei grandi espositori e delle loro leggendarie auto sportive, i privati ​​negoziano con classici popolari e ferri da stiro che necessitano di un buon restauro.

Tutto ciò forma un caos rauco in cui puoi trascorrere almeno due giorni in giro senza sosta. Percorrendo infiniti corridoi e parcheggi, sempre alla ricerca di qualche stranezza. È vero che non ha il glamour di Retromobile Paris e delle sue grandi aste, ma quello che ha la Fiera di Padova è l'affascinante frastuono italiano. Un tumulto in cui gli appassionati di corse automobilistiche classiche in Italia vedono quanto sia vivo questo settore.

Nel Auto e Moto d'epoca Fiera Padova il nostro partner era Immagine segnaposto Sergio Calleja con i tuoi obiettivi. Potremmo passare molto tempo a parlare di ciò che ha contemplato lì, ma la brevità è urgente. Quindi qui ti lasciamo con una selezione di ciò che è stato catturato dalla tua fotocamera. Vi annunciamo che se vi piacciono le auto italiane… vi divertirete!

L'ANTEPRIMA È ALFA ROMEO

Non ti mentiremo. Se quello che cerchi sono i classici dell'anteguerra... Forse il tuo destino deve essere un altro. Ed è quella delle migliaia di auto concentrate nella Fiera di Padova solo pochi avevano visto la luce prima che tutto crollasse con la seconda guerra mondiale. Comunque, il bouquet era esemplare, soprattutto se ti piace il marchio Biscione. E non è facile vedere più Alfa Romeo 6C insieme.

Siamo rimasti piuttosto colpiti dal 6C 1750 Gran Sport… Quattro posti! Qualcosa di molto strano in questa vettura sportiva a sei cilindri lanciata nel 1929 con la premessa di essere un'auto da corsa o una GT a due posti. Molto raro tra la produzione di circa 2500 esemplari offerti dal modello. Ha anche evidenziato l'eleganza di un modello simile in color crema. Qualcosa che essere un purista del colore rosso per gli italiani... Non finisci di capire finché non cadi nell'incanto della sua visione.

Come i nuovi arrivati ​​del film Il Padrino si sono visti alla Fiera di Padova vari 6C 2500 Sport”Freccia d'oro". A proposito, ne abbiamo riconosciuto uno dalle nostre frequenti visite al to catawiki. specificamente questa portata a Padova da un espositore olandese e criptato a circa 235.000-300.000 euro. Per lui una cifra non trascurabile prima Alfa Romeo prodotta nel secondo dopoguerra. Un mito con la stessa carrozzeria dell'Alfa, di cui furono prodotte meno di 700 unità.

Oltre al marchio italiano c'erano modelli anteguerra molto interessanti come il Il cantante Nine Le Mans che, inoltre, aveva partecipato alla gara stessa. Al giorno d'oggi questo sarebbe impensabile, perché con l'unica 34CV della Singer… Chi oserebbe intraprendere una simile avventura di potenza e resistenza? Ebbene, a metà degli anni '30 c'era quel coraggio, e sebbene la Singer Nine Le Mans non fosse particolarmente brava nella gara che le ha dato il nome... Questo ragazzino è stato realizzato con non poche gare di salita e piccoli raduni.

A proposito, uno degli italiani dell'anteguerra che più ha attirato la nostra attenzione è stato il 508 "Balilla" Spyder. Ma vi racconteremo la sua storia insieme a quella di un vero "Auto da corsa per intenditori". Cose dalla Fiera di Padova...

PER LUI RARO: STANGUELLINI 1100

Abbiamo appena citato una FIAT 508 Spyder. La verità è che amiamo questo piccoletto del 1934 per essere una delle preparazioni più accattivanti del modello. Uno dei tanti - la genealogia Balilla è enciclopedica - ma facilmente riconoscibile per la sua design di Ghia. Con tre marce - più retromarcia - e circa 30 CV di potenza non era l'apice della competitività ma... Serviva come base per una curiosa auto sportiva.

Parliamo di Stanguellini 1100 Sport Nazionale. Una delle vetture dell'azienda modenese fondata nel 1935 dalla quale Enzo Ferrari fu rivale nelle corse: Vittorio Stanguellini. Innalzato al mito da alcuni appassionati di motori italiani, questo marchio è ricordato non solo per i suoi record mondiali di velocità o per le vittorie in Sebring, Mille Miglia o Targa Florio, ma anche per i suoi modelli evoluti dai dispositivi FIAT.

Uno Stanguellini 1100. Rara rarità.

Se forse il più famoso in questo senso era questo 1100 Sport Nazionale. Una piccola barchetta con un motore derivato da quello utilizzato nella FIAT 508 e solo 580 chili in scala. Dati che si apprezzano quando si sa che il suo 4 cilindri in linea non raggiungeva più di 45CV nelle prime versioni e 60 nella versione del 1948. Il numero esatto di esemplari conservati non è noto, anche se alcuni dati ne indicano solo due. così questo Stanguellini è una delle migliori rarità della Fiera di Padova.

SPORT CON RABBIA. NIKI LAUDA E ABARTH

Non so cosa ti verrà in mente quando pensi a un'auto sportiva molto arrabbiata, ma andiamo agli estremi. O una piccola utility potenziata per non avere nulla a che fare con ciò che era originariamente... O un'auto da corsa. Sono due tipi di auto molto diversi ma altrettanto incontrollabili. Alla Fiera di Padova abbiamo avuto modo di vedere esemplari di entrambe le tipologie.

Per quanto riguarda le monoposto, è stato vivere la storia contemplare il Ferrari 312T di Niki Lauda. Mauro Forghieri ha lavorato tanto con i suoi Motore da 3 litri a 12 cilindri contrapposto. Questo layout del motore ha dato all'auto un punto di gravità più basso, cosa che è stata apprezzata quando Niki Lauda ha guidato intorno a 500CV nelle curve. Qualcosa che ha fatto molto bene da allora con questo modello fu incoronato campione del mondo di F1 nel 1975.

Il suo primo titolo mondiale, completato con la vittoria della Ferrari nel Campionato Costruttori nello stesso anno. Un mito delle corse impossibile da passare inosservato. In complemento contrasto a questa icona inaccessibile potremmo vedere tanta Abarth. Che dici... Che cambiamento, vero? Ma Anche se sembra una 600, bisogna avere molto coraggio e abilità per controllare una Abarth 695.   

La preparazione che lo sviluppatore italiano ha fatto dalla FIAT 500 è piuttosto a matagigantes. Una bestia da rally che con uno solo due cilindri raffreddati ad aria in grado di erogare circa 60CV puoi fare uno spuntino con più di una potente auto sportiva quando la magra battaglia negozia a tuo favore su strade tortuose. Tanto coraggio che richiede non poca abilità da parte di un pilota che vuole godersi questo proiettile. Di questo... O del suo "gemella" cos'era lui? 500 Giannini. La versione vitaminizzata che questo preparatore romano ideò nel 1964 dalla popolare utilità. Molto divertente... E brillantemente kaffir!

DI REPLICHE E PROTOTIPI

I prototipi sono sempre quelli che attirano più target. Sorprendente e insolito, il pubblico gioca a vedere in quali modelli di produzione vanno le soluzioni già avanzate in questo o quello or "In anticipo sui tempi". La Fiera di Padova ce ne ha lasciati alcuni, mettendo in evidenza il maleducato Porsche 924 "Dopo il fuoco". Davvero... Non è esattamente un prototipo a livello meccanico poiché tutto è basato su una 924 ma la carrozzeria è un caso a parte.

Scartato dalla produzione a causa del suo costo eccessivo, il "Dopo il fuoco" È stata l'idea nel 1985 dell'italiana Fin Metal. Il piano era di costruire circa 10 copie di questa Porsche dall'aspetto stravagante ma... Vedete, tutto è stato lasciato in un'unica copia con una piccola finitura in lamiera lavorata. Si Certamente, è ancora in vendita a 17.000 euro. Se vuoi un pezzo unico difficile da classificare... questa è la tua occasione. Attenzione ai sedili in tessuto argento! Tutto molto in stile Mad Max "Il guerriero dell'autostrada".

Un Prototipo Bertone di grande somiglianza con lui FIAT X1 9 è stato catturato anche dall'obiettivo di Sergio Calleja, attestando ancora una volta il gusto geometrico di questo designer.

Mentre alcune vetture non sono andate oltre la fase di prototipo... Altre stanno ancora cercando di riprodursi a distanza di anni. È il caso di tre repliche che brillarono da sole alla Fiera di Padova pur non essendo auto d'epoca in quanto tali. Aston Martin ha allestito un proprio spazio in cui ha presentato uno dei magnifici repliche della DB4 GT. Un'altra delle creazioni che Dal suo reparto di classici, si impegna a far rivivere, pezzo per pezzo, alcuni dei migliori modelli del marchio alato.

Per i più cinefili, il Porsche Spyder 550 "Piccolo Bastardo". La replica di un'auto maledetta. Quello in cui James Dean è finito a brandelli e che, dopo essere stato venduto a pezzi tra i salvati, questi erano in macchine che avevano anche un brutto finale. Chiamaci superstiziosi, ma con questo disco anche la replica potrebbe essere maledetta. Bel lavoro riproducendo questa vettura così bassa che il pilota Hans Herrman ne guidò una alla Mille Miglia del 1954 passando sotto gli attraversamenti delle barriere.

Ad ogni modo, se volete una vera rarità Porsche con un tocco italiano… La Fiera di Padova non ha deluso. Lì potremmo vedere la replica del of 356 Zagato Coupé del 1959. Diverse furono le unità carrozzate da Zagato nella versione decappottabile Speedster, ma solo una fu quella che finì coperta. Questa non è conservata perché, poco dopo essere stata ultimata, la sua carrozzeria è stata rottamata come progetto caduto in disgrazia.

Da un anno a questa parte Zagato stesso sta costruendo 9 Speedster e... Questo della coupé. Molto interessante poiché questo mix tra le linee essenziali della 356 e la rotondità delle forme del bodybuilder italiano dà un buon risultato. Molto nello stile di quelle che sarebbero poi diventate le opere della casa milanese per l'Aston Martin.

Per finire ricordando il colpo di Mercedes C111 nello spazio del marchio stesso. Molto interessante questo prototipo appartenente a tutta una serie con la quale la casa tedesca sperimentò per tutti gli anni '70 con nuovi motori e perfino il possibilità di incorporare dispositivi rotanti nella sua gamma. A causa di quel carattere di sperimentazione meccanica sotto i loro corpi, le sorprese individuali possono essere nascoste, ma sempre sotto questa curiosa apparenza retro-futuristica.

OSSI? RESTAURO

E devi osare. Perché il restauro di alcuni dei classici offerti è piuttosto un'avventura. E beh, non lo diciamo affatto in senso di rimprovero… Perché quello che tende a piacere di più ai visitatori della Fiera di Padova è proprio questo. La grande quantità di compravendite tra individui. Accompagnato da una vasta gamma di pezzi di ricambio -solo l'estensione a questi dedicata supera quella di qualsiasi fiera in Spagna- per eseguire qualsiasi restauro.

In questo senso abbiamo visto un Lancia Flaminia GT Touring più appetibile. Se sei appassionato del marchio e vuoi ottenere un buon lavoro, ovviamente. suo V6 da circa 150CV promette una guida tranquilla ai comandi del successore della mitica Aurelia. Qualcosa che, ben restaurato, può essere spostato a più di 45.000 euro...

Oh, e una cosa nel caso tu stia pensando di andare l'anno prossimo. Se sei un appassionato di Alfa Romeo e ne vuoi restaurare una... Vai a comprare il biglietto. Perché interessante la concentrazione dei ferri che un tempo erano una Giulia in pieno utilizzo. E, insomma, puoi trovare di tutto. Perché già uscendo dal mercato italiano puro c'era fino a Edsel.

Sì, la filiale Ford che ha prodotto un solo modello per 2 anni. Uno dei più grandi fiaschi dell'industria automobilistica, costato all'epoca al colosso americano 150 milioni di dollari. Molti lo qualificano come il "La peggiore macchina di sempre" A causa dei suoi numerosi guasti al motore, emissione di rumore, enorme consumo di carburante, guasti allo sterzo e alla combustione ... E questo per non parlare del fatto che nella sezione estetica non ha avuto troppi elogi.

Ne sono conservati circa 6000. E va bene, anche se non ha affatto il miglior biglietto da visita, è ancora un mito. UN "Mito fallito" se vuoi chiamarlo così, ma un mito in ogni caso. Vanno ancora in giro per Ford su cosa sia successo a fare cose del genere, ma la verità è che è molto raro vederlo. Pensaci, non sarebbe male averne uno. Dev'essere curioso, no?

UNA RIFLESSIONE PER FINIRE

Questo 2018 si chiuderà con la scomparsa di una delle figure chiave nella ristrutturazione del Gruppo FIAT, Sergio Marchionne. Anche lui arrivò a pronunciarsi in modo restrittivo riguardo al voci sulla liquidazione definitiva della Lancia. Ovviamente in tutto il nuovo posizionamento del gruppo questo ha preso la parte peggiore, forse per l'enorme cura che è stata dedicata alla rinascita dell'Alfa Romeo.

Essendo una rivista dedicata ai classici, non è nostro campo fare previsioni per il futuro, ma la verità è che vedendo il grande concentrazione di modelli Lancia alla Fiera di Padova c'è una riflessione da fare. Ovviamente il semplice stemma non fa tirare i conti, ma vista la storia e la passione che molti appassionati riversano in Lancia ne varrebbe la pena se non si chiudesse.

In questo senso, una proiezione nel futuro basata sulle essenze potrebbe essere una buona strategia nello stile di quanto fatto con Alfa Romeo. Tuttavia, e mentre il tempo ci dà risposte, per ora possiamo continuare a goderci un grande concentrazione di Fulvias e Delta all'Auto e Moto d'epoca Fiera Padova. Fino a un anno da oggi!

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

49.9kFan
1.6kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci