Hub del patrimonio FCA
in

FCA accentra la sua eredità nell'Heritage Hub: un museo spettacolare a Miriafiori

FOTO DELL'HERITAGE HUB: FCA HERITAGE

Questa FIAT del 2019 compie 120 anni e Abarth 70. Se a ciò aggiungi la lunga storia di Lancia e Alfa Romeo… Hai concentrato gran parte della storia del motorsport italiano. Immagina la responsabilità di prenderti cura di tutta questa eredità! Un'eredità che fino a poco tempo fa era divisa tra il Centro Storico FIAT di Torino, le Officine Classiche di Abarth e Lancia di Miriafiori e il Museo Alfa Romeo di Milano.

Ovviamente ciò supponeva un quadro logistico che, in un modo o nell'altro, doveva essere unificato. La soluzione è arrivata con l'inaugurazione della nave Centro storico a Miriafiori. Con i suoi 15.000 mq, una mostra permanente con più di 250 veicoli, spazio per le mostre temporanee, la custodia dell'archivio storico e il laboratorio di FCA Heritage.

Insomma, uno spazio abitativo dove non solo si può ammirare un clamoroso campionario di classici attraverso visite guidate, ma anche trovare pezzi di ricambio o elaborare le certificazioni di autenticità dei veicoli FIAT, Lancia, Abarth o Alfa Romeo. E se non bastasse... Da qui verrà gestita anche la partecipazione delle classiche del gruppo ad eventi e gare. Una brillante iniziativa con cui FCA cura e dà energia al suo patrimonio. Entriamo in Office 81.

OFFICINA 81: UN MUSEO VIVO NEL CUORE DI MIRIAFIORI

La fabbrica di Miriafiori è una pietra miliare nella storia della FIAT. Situato a sud di Torino e inaugurato nel 1939, I suoi 2 milioni di metri quadrati ospitano circa 12.000 dipendenti con la capacità di assemblare fino a 1.115 veicoli al giorno.. Attualmente continua ad essere una fabbrica chiave per il gruppo FCA, che negli ultimi 1000 anni vi ha investito 8 miliardo di euro.

All'interno di questo intero complesso è il Officina 81. Un capannone di 15.000 mq inaugurato nel 1963 per la produzione di ingranaggi e alberi di trasmissione. Vuoto da qualche anno questo è stato il luogo scelto per l'installazione del Hub del patrimonio FCA. Oltre a centralizzare qui gli uffici e le officine preposte al mantenimento dei classici, lo spazio espositivo gioca un ruolo di primo piano.

Nella parte centrale troviamo otto spazi con otto veicoli in ciascuno di essi. Il suo approccio è quello di essere sezioni tematiche da cui mettere in luce aspetti come l'innovazione, i record, le auto sportive emblematiche, la storia delle utilitarie italiane… Da qui i lati della nave aggiungono veicoli a più di 250. Solo la somma di marchi emblematici come FIAT, Abarth, Lancia e Alfa Romeo potrebbe creare qualcosa di simile.

FCA HERITAGE HUB: 8 SEZIONI FONDAMENTALI

Sebbene l'Heritage Hub sia stato appena inaugurato ufficialmente, la verità è che ha ancora un po' di tempo per girare a piena potenza. Stiamo aspettando quello che sarà un museo virtuale sul suo sito web, così come il calendario mostre temporanee. Tutto questo promette molto succoso, ma mentre daremo uno sguardo telegrafico ad alcuni dei gioielli di Office 81.

Nella sezione Archistar Ci viene offerto un tour dei modelli che più innovavano all'epoca. Tra questi una Lancia Lambda - la prima vettura di serie con telaio monoscocca - e una Lancia Flavia - il primo modello italiano con trazione anteriore e freni a disco sulle quattro ruote. E a proposito, ora che quelli elettrici sono sempre più diffusi... I curiosi X1 / 23 di 1974.

En Viaggi epici y Record e gare quelli più sportivi sono concentrati. Qui abbiamo le Abarth più incredibili e la mitica Lancia da rally. A ciò si aggiungono esemplari curiosi come la FIAT Campagnola AR51. Un robusto tuttofare che ha attraversato l'Africa da Città del Capo ad Algeri in soli 11 giorni. Da segnalare anche la Lancia Delta Integrale con la quale Miki Biasion ha vinto il Rally Safari. Ha ancora l'ammaccatura di aver investito una zebra!

Segni di stile è responsabile del raggruppamento dei modelli che sono stati icona per i rispettivi marchi. È lì dove puoi trovare uno Stratos, la Fulvia HF1600 di Montecarlo 1972, la FIAT-Abarth 124 e 131… Spettacolare. E in buon contrasto con altre aree come Piccolo e Sicuro, dove ci viene offerto un tour delle FIAT urbane di successo e di alcune Lancia degli anni '30 e '40.

Insomma, un mezzo non-stop che sicuramente snocceremo a poco a poco. Ed è quello? FCA Heritage Hub si preannuncia come un luogo da cui riceveremo tante novità.

P.S: Per la tranquillità dei più Alfisti abbiamo una precisazione. Sebbene la manutenzione delle classiche Alfa Romeo sarà coordinata dall'Heritage Hub insieme a quelle degli altri marchi del gruppo FCA, l'Alfa Romeo continuerà ad avere le sue massime prestazioni. Museo Storico Alfa Romeo nella defunta fabbrica di Arese.

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci