in

Mi piaceMi piace

Ebro Siata 50S, un buon mix

È inevitabile, la Siata 50 S è un veicolo che suscita simpatia. Quando esce la gente la guarda stupita e c'è sempre qualcuno che viene a commentare. "Bel furgone hippie." Mi scusi? No, questo non è affatto hippie, è un furgone spagnolo basato sulla Seat 600.

È allora che il simpatico pedone che lo ammirava come un'icona dei folli anni Sessanta lo fa come una rara mostruosità basata sulla popolare utility spagnola. Non succede nulla, fatto sta che la gente, per un motivo o per l'altro, continua ad apprezzare le belle linee della Siata.

Se lo vedi andare veloce o senza riferimenti da confrontare con un altro veicolo, le sue dimensioni ridotte non attirano l'attenzione, e forse è per questo che alcune persone lo confondono con uno dei desiderati "Combi" VW. Tuttavia, i due veicoli hanno poco in comune tranne che sono furgoni con motore posteriore e talvolta sfoggiano una sorprendente vernice bicolore.

Bene, condividono anche lo scopo per cui sono stati creati: sia Volkswagen che Siata Española erano alla ricerca di un piccolo veicolo per le consegne che potesse muoversi agilmente per le strade strette di qualsiasi città o paese.

D'ora in poi ci concentreremo sul veicolo ispanico, che tra l'altro è molto più piccolo dei famosi furgoni tedeschi.

Il bicolore di questa Ebro-Siata 50 S mette in risalto le sue belle linee nice
Il bicolore di questa Ebro-Siata 50 S mette in risalto le sue belle linee nice

Contesto ed evoluzione

Era il 1961 quando a Tarragona iniziò a essere prodotta la Siata Formichetta, un piccolo furgone che era, semplicemente, una Seat 600 allungata con un cassone posto dalle portiere. Questo modello è stato un grande successo commerciale per Siata che gli ha permesso di raggiungere le 2.000 unità all'anno nel 1965, e che gran parte della produzione era ancora fatta in modo semi-tradizionale.

Intanto già nel 1964 si era cominciato a studiare un nuovo furgone che potesse offrire più spazio utile, sfruttando anche il pianale della Seat 600. L'idea doveva essere basata su prodotti esistenti nella gamma Fiat dell'epoca, come il modello Multipla -presentato nel 1956- o il successivo 600 T.

Queste Fiat erano dei piccoli “minivan” con capienza per 6 adulti, costruiti sulla piattaforma della Fiat 600 ma con la posizione di guida avanzata in modo tale che il conducente fosse seduto sull'asse anteriore.

Questo stesso principio è stato utilizzato dai tecnici Siata, che per le prove hanno utilizzato un manichino a grandezza naturale che li ha aiutati a distanziarsi dal sedile al volante e ai pedali in modo da trovare una posizione relativamente comoda.

I primi 3/4 sono abbastanza simili ai DKW contemporanei
I primi 3/4 sono abbastanza simili ai DKW contemporanei

Nel reparto design, Francesc Casas creò linee moderne per il suo tempo ma troppo simili a quelle del DKW F-1000L che Imosa aveva da poco iniziato a produrre nel suo stabilimento di Vitoria.

Tale era la somiglianza che molti aspetti dovettero essere modificati per evitare di essere accusati di plagio e, anche così, se vediamo solo la metà superiore di una di queste Siata, potremmo ancora scambiarle per uno dei furgoni tedeschi.

La presentazione del Minivan avvenne nel 1967. La fabbrica produceva 23 unità al giorno nel 1970, grazie all'ammodernamento delle tecniche costruttive che ha permesso di ottenere la matrice del tetto in un unico pezzo e l'utilizzo della lamiera stampata in quasi tutta la carrozzeria.

La versione originale ricevette la denominazione "2.850", in riferimento alla sua capacità di carico interna di 2.850 dm3; anche se poco dopo questo cambiò per via di un emendamento legislativo: nel 1969 il Ministero dell'Industria promulgò una norma che considerava i veicoli commerciali - esenti quindi dalla Luxury Tax - quelli che superavano 1,80 metri di altezza. Il Minivan 2850 ha raggiunto solo 1,66 metri.

Con un peso totale a pieno carico di 1.300 kg e un passo di 2.027 mm, è quasi un furgone in miniatura.
Con un peso totale a pieno carico di 1.300 kg e un passo di 2.027 mm, è quasi un furgone in miniatura.

I tecnici del marchio spagnolo furono poi costretti a dotare il proprio furgone di tetto rialzato, e così nacque il modello 3000, con maggiore spazio interno e una silhouette che sarebbe stata già quella definitiva per i modelli successivi.

Nello stesso anno Siata iniziò ad offrire come optional il motore Seat 850 da 34 CV, un po' più potente del 737 cc della 600 D che produceva 28 CV un po' scarsi per un veicolo cargo.

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

Entra in scena Iberian Motor

Nel 1971 la produzione superava già le 7.000 unità e l'anno successivo arrivò un'allettante offerta da Motor Ibérica per rilevare la produzione del Minivan. In Siata decisero di accettare e, con questo, il nome del vecchio marchio divenne solo nel nome del modello, da allora in poi Ebro Siata 40.

Intorno a questi anni il furgone iniziale aveva già ricevuto numerose modifiche che continuarono dopo l'acquisizione da parte di Motor Ibérica, meglio conosciuta per i camion e i trattori Ebro.La meccanica e i comandi interni, che originariamente provenivano dalla 600, iniziarono a essere gradualmente sostituiti da quelli di dell'850, e all'esterno le lettere cromate «Siata» sono state sostituite da lettere in plastica nera - meno lusinghiere - dell'Ebro. I baffi anteriori sono rimasti gli stessi, gli stessi dell'850 coupé, ma le lettere "Seat" avevano stato cambiato da quel tipo di H nel logo Ebro.

[su_youtube_advanced https=»sì» url='https://youtube.com/watch?v=1ew-b9FNdRY' ]
Credito: Utente jajanion, da Youtube

Nel 1973 la 600 cessò di essere prodotta e si dovette trovare un nuovo telaio per adattare la carrozzeria, optando infine per la Seat 850. Il furgone fu poi ribattezzato Ebro Siata 50, e alcuni dettagli come il bocchettone di riempimento della benzina, che passava dall'essere accanto alla portiera posteriore destra ad essere accanto al cofano motore, ovvero le feritoie di ventilazione del motore, che erano in meno e si trovavano solo sotto il raccordo che attraversa il centro della scocca.

Questi due dettagli non sono esattamente miglioramenti poiché, da un lato, meno aria fresca entra nel motore e, dall'altro, la rimozione dello sportello di accesso al tappo del serbatoio del carburante dà luogo a maliziose tentazioni.

Nel 1975 terminò la produzione della 850, e la meccanica e i telai della Seat 133 iniziarono ad essere utilizzati come base. Nasce così il nome Ebro Siata 50S, con un aumento di potenza che accarezzava il 34 CV.

Nel 1977 Motor Ibérica assorbì il costruttore di autocarri Avia e con quel nome furono prodotti anche i piccoli 50 S, con l'unica differenza esteriore che montavano una griglia di plastica nera piuttosto sgradevole sulla parte anteriore, nello stile di quelli dei veicoli della marchio appena acquisito.

[/ Su_note]

Nonostante l'acquisizione da parte del motore iberico, il nome Siata rimane molto chiaro sulle targhette identificative
Nonostante l'acquisizione da parte del motore iberico, il nome Siata rimane molto chiaro sulle targhette identificative

[su_note note_color = »# f4f4f4 ″]

Se l'Avia e l'Ebro Siata 50 siano stati prodotti in successione o contemporaneamente è una questione non del tutto chiara, Poiché esistono copie di entrambi i marchi registrate fino a quasi il 1980.
Tuttavia, questo modello era ancora in grado di dare di più di sé. All'inizio degli anni '80 gli stampi subirono un'ultima modifica e vennero assemblate varie parti della Seat 127.

Il risultato di tutto questo è stato un veicolo piuttosto poco attraente, pieno di componenti in plastica iniettata nera -paraurti, alette fari, griglie, loghi, ecc.-, ruote Seat 127, sedili con poggiatesta e alcuni montanti per porte e finestrini. diversi pollici per renderlo più alto.

Il successo commerciale di questi ultimi furgoni, il cui nome era Avia Siata 500, fu piuttosto scarso e molte unità andarono all'esercito (PM), dove acquistarono fama tra i giovani che fecero il Servizio Militare scomparso sia per la loro versatilità che per . ..la sua bruttezza.

Infine, Motor Ibérica è stato ingoiato da Nissan, che ha subito ricordato le Siata. Seguì la famosa Vanette, che originariamente portava il marchio Ebro e fu un degno successore dei Minivan, con un approccio tecnico più avanzato ma con un aspetto non troppo lontano da quel design del 1967.

[/ Su_note]

Didascalia
Alcuni comandi sul cruscotto sono della Seat 850, il che fa pensare a molti possessori di Avia o Ebro 50 S che i loro veicoli siano dotati di un motore "ottanta e mezzo", quando quello che portano è la Seat 133 che era montata fino alle ultime versioni .

 

Continua Pagina 2…

foto dell'avatar

scritto da Francisco Carrion

Mi chiamo Francisco Carrión e sono nato a Ciudad Real nel 1988, un luogo che all'inizio non era simile alle auto d'epoca. Per fortuna mio nonno, dedito al settore automobilistico, aveva amici che possedevano auto d'epoca e partecipava al raduno annuale che si teneva (e continua a tenersi) nella mia città natale... Scopri di più

Lascia una risposta

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

60.2kFan
2.1kSeguaci
3kSeguaci
3.8kSeguaci