in

Mi piaceMi piace

Seguendo il sentiero del Loto, gli inizi del De Tomaso con il Vallelunga

All'inizio degli anni 'XNUMX, il nord Italia era un focolaio per gli sport motoristici. Una tappa gremita di costruttori di ogni tipo e condizione dove De Tomaso si è distinto grazie all'utilizzo di idee molto simili a quelle della Lotus. In questo modo la Vallelunga -il suo primo modello- entra prepotentemente nel mercato nonostante le poche unità vendute per essere oggi un'auto affascinante vista attraverso gli occhi di un ingegnere.

Dalla apollo gt anche l'AC Cobra ci sono molti ibridi a propulsione americana con un design e un telaio europei. In questo senso si evidenzia come negli anni 'XNUMX un giovane pilota e imprenditore argentino insediato nel nord Italia abbia potuto realizzare il proprio marchio automobilistico grazie al supporto di Ford. Stiamo parlando di Alejandro De Tomaso. Uno dei personaggi più importanti per comprendere l'evoluzione finanziaria del motore in Italia, essendo diventato negli anni Settanta proprietario di Moto Guzzi e di quasi un terzo di Maserati. Pertanto, il modo migliore per comprendere il suo arrivo fulmineo in Europa sarà quello di collocarci nella sua nativa Argentina a metà degli anni 'XNUMX.

Legato all'amministrazione delle imprese familiari, per Alejandro De Tomaso la carriera inizia come intrattenimento più che come lavoro. In questo modo puoi seguire il percorso in alcuni tornei di natura argentina da quando ha iniziato a correre con una Bugatti negli anni 'XNUMX. Vettura dalla quale fece il salto verso modelli più moderni creati da Alfa Romeo e Maserati. Infatti, il suo miglior risultato è stato firmato con una di queste ultime auto sportive. Essendo quarto in generale e primo della sua classe durante la sua seconda partecipazione ai 1.000 chilometri di Buenos Aires.

Tuttavia, nel 1955 la sua carriera automobilistica fu interrotta dagli affari. Non invano, ci sono stati momenti di forte sconvolgimento politico in Argentina. Qualcosa che ovviamente ha avuto la sua eco nel burrascoso rapporto instaurato tra il governo Perón e media come il quotidiano Clarín. Di cui lo stesso Alejandro De Tomaso aveva fatto parte sin dalla sua fondazione nel 1945. A questo punto, il nostro protagonista è emigrato in Italia trasferendosi come meccanico professionista. Che sì, al servizio di un marchio emblematico come l'OSCA diretto dai fratelli Maserati. Tuttavia, irrequieto in materia commerciale, nel 1959 decide di creare le proprie officine. Nasce così la De Tomaso Automobili SpA.

L'INIZIO INCERTO DI UNA NUOVA AZIENDA

Pur arrivando con esperienza nelle competizioni e un certo capitale in tasca, la verità è che non è stato facile inserirsi nel prolifico scenario automobilistico del nord Italia. Per questo Alejandro De Tomaso ha dovuto fare molte deviazioni fino a poter lanciare i propri modelli. In questo modo, i suoi primi passi come officina indipendente focalizzata sulla produzione di parti ad alte prestazioni. Un capitolo molto interessante nella biografia di De Tomaso. Dal momento che ha sperimentato materiali come il titanio o il magnesio. Facendo di quest'ultimo un telaio nel 1963 poiché poco tempo dopo avrebbe assemblato la Porsche 917.

Inoltre dal 1962 riuscì ad entrare in F1 come costruttore grazie alla fornitura di motori da parte della Ford. Forse il momento più importante della sua carriera. Da quella collaborazione con il colosso Dearborn ha aperto le porte alla possibilità di creare il proprio modello da strada. Quella di Tomaso Vallelunga. Ed è che, in fondo, All'inizio degli anni Sessanta, questo argentino aveva già molta esperienza nella progettazione del telaio. e vari elementi meccanici. Insieme a una fornitura regolare di motori affidabili, il percorso per entrare nel mondo GT è stato relativamente agevole.

In realtà, al di là dei necessari studi di mercato oltre all'ottenimento di finanziamenti, a livello produttivo mancava solo una carrozzeria eclatante per concludere il tutto. Soggetto affidato al giovane Giorgetto Giugiaro. Responsabile delle linee fluide e leggere di cui è rivestito questo modello con motore centrale con carrozzeria in vetroresina. Un'auto sportiva il cui successo principale non è stato solo quello di sfruttare le opportunità di business che si sono presentate lungo il percorso, ma anche di sintetizzare, all'insegna dello stile italiano, gli echi che lo studio di ingegneria Lotus ha lanciato dal Regno Unito.

DI TOMASO VALLELUNGA, L'INFLUENZA DI COLIN CHAPMAN

Misurato a livello di influenza nella tecnologia automobilistica, Lotus è sicuramente uno dei marchi più importanti di tutti i tempi. Costretti a massimizzare il telaio, le sospensioni e l'aerodinamica di fronte alla debolezza di non costruire i propri motori, L'ingegno di Colin Chapman ha portato i benefici del risparmio di peso alle loro ultime conseguenze invece di aumentare la potenza. Pertanto, i suoi progetti -così come l'espansione della fibra di vetro- sono stati una chiara ispirazione per non pochi produttori di breve periodo.

Uno di questi era De Tomaso, che prese per la Vallelunga l'idea di un telaio a trave centrale che Lotus aveva già utilizzato nelle Elite ed Elan. Un dato imprescindibile per capire il peso contenuto dato da questo primo modello del brand, fissato a circa 720 chili. Per quanto riguarda il motore, il contatto con Ford ha fornito a De Tomaso blocchi Kent con quattro cilindri in linea, 1,5 litri e circa 105 CV. A proposito, la stessa meccanica della Cortina. Un'auto che è nata di famiglia per finire finalmente per essere una delle stelle ricorrenti nei campionati automobilistici britannici degli anni Sessanta. Inoltre, e in un altro chiaro cenno alle idee incarnate dalla Lotus in F1, il motore fungeva da elemento strutturale insieme al telaio stesso.

Con tutto questo possiamo già farci un'idea della raffinatezza sportiva di De Tomaso Vallelunga. Completato da sospensioni indipendenti con bracci trasversali e freni a disco su tutte le ruote. Indubbiamente un'auto molto specifica, il che significava che furono prodotte solo circa 50 unità della De Tomaso Vallelunga. Quasi tutti assemblati da Ghia, però il prototipo era carrozzato da Fissore. Dopo tutto questo, De Tomaso si affermò come una prestigiosa casa costruttrice tra i circoli più selezionati delle corse automobilistiche sportive. Ed è che la Valleluga era ed è un'auto eccezionale se vuoi vederla attraverso gli occhi dell'ingegneria. Da qui tutto era pronto per saltare alla spettacolare GT che ha reso celebre De Tomaso: la Mangusta.

Fotografie: Bonhams

Cosa ne pensi?

foto dell'avatar

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

56.5kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.4kSeguaci