Detroit elettrico
in

Detroit Electric Model 99. Un'elettrica di lusso nel 1937

FOTO DETROIT MODELLO ELETTRICO 99: HYMAN LTD

Se qualcosa caratterizza l'attuale panorama automobilistico, è la sfida del passaggio all'elettricità. Un passo da gigante in cui vivremo una rivoluzione meccanica sotto il cofano. Ovviamente, ci sono molte voci che lo vedono con scetticismo, fornendo una moltitudine di argomenti per mantenere la combustione sull'elettricità. Uno di questi è quello che si rivolge al passato, dicendo che l'elettrificazione è qualcosa di totalmente nuovo, sconosciuto e senza radici nel motorsport. Lì sbagliano. E piatto, perché Quasi un secolo fa esistevano già veicoli come la Detroit Electric.

Infatti, se esploriamo le origini dell'autoveicolo troveremo indizi che ci invitano a ripensare alla combustione come il modo più naturale. Qualcosa che possiamo capire esaminando il contesto storico. Ed è che, sebbene gli elettricisti del primo Novecento condividessero con quelli di oggi il problema dell'autonomia... La verità è che non c'erano ulteriori ricerche su come dare prestazioni migliori alle batterie. Come mai? Bene, forse le pressioni della fiorente industria petrolifera del Texas hanno qualcosa da dire. Possibile spiegazione per il fallimento finale di Detroit Electric.

Teorie a parte, la verità è che la prima elettrica aveva un buon mercato all'interno dell'area urbana. Con la facilità di ricarica nell'uso quotidiano durante gli spostamenti in città, marchi come Detroit Electric sono stati apprezzati per la facilità di avviamento, la silenziosità e la pulizia di fronte al fumo e ai motori a combustione a manovella. Quindi le cose, il marchio emblema delle prime auto elettriche fu attivo dal 1907 al 1939. Un periodo non trascurabile, in cui arrivò a produrre auto così interessanti come la Detroit Electric Model 99. Un vero tappeto magico per l'epoca.

DETROIT ELECTRIC MODEL 99. THE COMPANY SWAN SONG

Nel 1908, appena un anno dopo la fondazione di Detroit Electric, Ford presentò il suo Modello T. Il veicolo che mise l'automobile alla portata delle masse, inaugurando l'idea di produzione di massa tanto necessaria per superare il cavallo o la bicicletta come più mezzi di trasporto diffusi. A causa della spinta dell'industria petrolifera e della maggiore autonomia offerta dai veicoli a combustione, i primi veicoli elettrici venivano relegati in secondo piano. Tuttavia, Detroit Electric ha venduto fino a 5.000 unità all'anno nei suoi momenti migliori. Alcuni dei veicoli più comuni tra la classe superiore di Chicago o New York.

Ed è che, coperto lo spettro della grande massa da Ford, Detroit Electric si è concentrato sul soddisfare le esigenze di mobilità urbana presentate dall'élite del momento. Lì abbiamo il primo problema commerciale: la scarsità della sua clientela. Un mercato spoglio dove l'unica forma di concorrenza era quella di offrire una qualità esclusiva come status symbol. E attenzione, perché ovviamente non è una novità tra i marchi di fascia alta. Ma nonostante, Questi clienti erano disposti ad acquistare una Detroit Electric sopra a Duesenberg o un Packard? A maggior ragione quando in termini di rappresentazione dello status, questi ultimi sono molto più visibili di un elettrico sintetico e razionale per le buone finiture che ha?

La risposta è no. Quindi, a poco a poco, Detroit Electric è passata dall'essere un piccolo marchio elettrico di lusso a uno molto diverso incentrato sulle auto per le consegne industriali. Tuttavia, ha continuato a produrre autovetture fino alla fine dei suoi giorni. Naturalmente, su richiesta, poiché Questo modello 99 non è entrato nella catena di produzione ma era già stato aggiudicato un acquirente. Questo è il motivo unità come questa sono i più rari e i più ambiti. A maggior ragione se si tiene conto del suo ottimo stato di conservazione. Esempio delle ottime finiture di questa vettura che, nonostante il suo aspetto semplice, nasconde un interno confortevole come un tappeto volante.

DETROIT MODELLO ELETTRICO 99 DEL 1937. GUIDARE UN TAPPETO VOLANTE

Se pensiamo ai migliori veicoli dell'inizio del secolo, viene subito in mente Rolls & Royce. In effetti, in loro il concetto di comfort era sublimato in modo tale che dovevi persino guidare. La stessa Rolls gestiva un'accademia per autisti e maggiordomi da cui il personale proveniva dalla più alta qualità nella guida in città e nelle buone maniere. Un addetto che ti portasse in campagna con la tua Rolls e poi allestisse diligentemente il picnic. Ma nonostante, i suoi motori a combustione vibravano e facevano più rumore di un Detroit Electric. Ed è che, a livello di comfort, la cosa di questa vecchia elettrica è incredibile.

La prima cosa da rivedere è la carrozzeria. Negli anni '30, I modelli obsoleti di Detroit Electric sono stati sostituiti firmando un contratto con il bodybuilder Willyes-Overland. Così, le auto del marchio hanno lasciato l'estetica di una carrozza per unirsi a una modernità in cui condividono le linee con la Dodge del momento. Al punto che il muso trattiene la griglia e le feritoie di ventilazione nonostante non ne abbiano affatto bisogno grazie alla sua meccanica elettrica. Tuttavia, la cosa più interessante di questo modello 99 è all'interno. Rivestito con cura, conserva ancora nel soggiorno la disposizione delle prime auto elettriche.

Cosa significa questo? Bene, l'abitacolo è completamente sgombro, mettendo i sedili anteriori e posteriori uno di fronte all'altro. In questo modo, il conducente si siede sul retro con calma disteso mentre guidare il veicolo non con un volante, ma con un timone. Se a questo aggiungiamo la facilità di manutenzione risparmiando molti dei meccanismi di raffreddamento richiesti da un motore a combustione, abbiamo il Detroit Electric Model 99 come una delle auto più comode e semplici del momento. Un vanto tecnologico che, purtroppo, è scomparso sepolto dal boom petrolifero.

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci