in ,

De Soto, l'auto americana dal cognome spagnolo

Tra il 1928 e il 1961, la Chrysler Corporation aveva un famoso marchio automobilistico chiamato De Soto in omaggio al conquistatore ed esploratore dell'Estremadura Hernando De Soto, passato alla storia per aver guidato la prima spedizione europea attraverso l'attuale territorio degli Stati Uniti.

Per parlare di De Soto bisogna cominciare dal società chrysler, l'azienda che ha creato questo marchio. Questa società nacque nel 1925 dopo che Walter P. Chrysler convertì la vecchia Maxwell Motor Company nell'azienda che avrebbe portato il suo cognome. 

Grazie alla sua buona costruzione e al design moderno, Le auto Chrysler hanno goduto di grande popolarità sin dal loro lancio, che ha permesso all'azienda di crescere rapidamente e alla fine degli anni '1920 ha introdotto nuovi marchi.

La De Sotos del 1929 ha battuto il record di vendite per un marchio nel suo anno di debutto.
La De Sotos del 1929 ha battuto il record di vendite per un marchio nel suo anno di debutto.

Nel 1928, Chrysler crea Plymouth. come marchio di accesso per competere nelle vendite con auto prodotte da Chevrolet e Ford. Nello stesso anno la Chrysler incorporò nel proprio gruppo l'azienda dei fratelli Dodge, che dopo anni di successi cominciava a perdere popolarità tra i consumatori americani.

NASCE IL MARCHIO SOTO

Alla fine del 1928 il gruppo Chrysler si completa con la creazione della De Soto con un occhio alla stagione 1929, che si posizionerebbe come marchio di fascia media per competere con Willys, Hudson, Studebaker e Pontiac.  

Il debutto di De Soto non avrebbe potuto essere migliore, con più di 81.000 unità vendute nel 1929, rendendolo il marchio con il più alto record di volumi di vendita nel suo primo anno. La De Soto Six detenne il record di modello più venduto nel suo primo anno fino al 1960, quando Ford introdusse il Falcon.

Il Chrysler Building è stato l'edificio più alto del mondo e il primo grattacielo a superare i 300 metri di altezza.
Il Chrysler Building è stato l'edificio più alto del mondo e il primo grattacielo a superare i 300 metri di altezza.

Questo successo ha permesso Chrysler si consolida come uno dei tre grandi gruppi automobilistici degli Stati Uniti insieme a General Motors e Ford Motor Company. Nel 1928 iniziò la costruzione del Chrysler Building di New York, che era il grattacielo più alto del mondo e la sede dell'azienda nel 1930, che arrivò ad ospitare una concessionaria del marchio ai piani inferiori.

HERNANDO DE SOTO, IL CONQUISTATORE CHE HA DATO IL MARCHIO 

Figlio di nobili e nato a Jerez de los Caballeros, Badajoz, nell'anno 1500, Hernando De Soto Era uno dei tanti giovani dell'Estremadura e del Portogallo che hanno intrapreso l'avventura alla scoperta del nuovo mondo cui Colombo arrivò nel 1492 e che doveva ancora essere scoperto. 

Dopo le conquiste del Nicaragua, del Perù e dell'impero Inca, Hernando De Soto guidò nel 1539 la prima spedizione di un europeo che entrasse nell'attuale territorio degli Stati Uniti. Fu il primo esploratore ad attraversare il fiume Mississippi e morì nel 1542 senza completare la sua spedizione. 

Il nome e l'immagine di Hernando De Soto è stato utilizzato dal marchio americano per i suoi emblemi, con alcune vetture che sfoggiano uno stemma sul cofano con il volto del conquistatore e userebbe lo stemma De Soto come logo. Sempre in omaggio, negli anni '50, verranno presentati modelli con nomi come Adventurer o Explorer.

Alcuni De Soto sono venuti a portare il volto del conquistatore nell'emblema del cappuccio.
Alcuni De Soto sono venuti a portare il volto del conquistatore nell'emblema del cappuccio.

Ma Non sarebbe la prima volta che il nome De Soto compare nella storia dell'automobile., perché nel 1912 una De Soto Motor Company apparve in Indiana, come filiale di un altro marchio, Zimmerman. Altri personaggi storici come il fondatore della città di Detroit, l'esploratore francese Antoine de la Mothe Cadillac, hanno dato il nome al marchio di lusso della General Motors. 

Per sottolineare il carattere spagnolo delle vetture De Soto del 1929, i sei diversi corpi disponibili sono stati commercializzati con nomi in spagnolo come "roadster spagnolo","auto berlina"o"coupé di lusso".

EVOLUZIONE DEL MARCHIO 

Il primo anno di De Soto sul mercato coincise con il crollo economico del 1929 e l'inizio della Grande Depressione. La situazione ha colpito tutti i produttori, ma La posizione di De Soto sul mercato era relativamente buona, con 25.000 vetture vendute nel 1932, una cifra simile a quella di Dodge, marchio a quel tempo con un prezzo più alto di De Soto. 

Per questi motivi, nel 1933, il management Chrysler decise di invertire la fascia di prezzo tra questi due marchi, con De Soto si posiziona nei prezzi solo al di sotto di Chrysler. Nel 1934 De Soto ricevette il moderno Corpi aerodinamici Chrysler Airflow, ma su un telaio accorciato.

De Soto offrì gli Airflow dal 1934, ma come i Chrysler non si vendettero bene.
De Soto offrì gli Airflow dal 1934, ma come i Chrysler non si vendettero bene.

A differenza della stessa Chrysler, che aveva più modelli, De Soto offrì l'Airflow solo nel 1934., che non erano popolari tra i consumatori, e nel 1935 apparve un altro modello nella gamma, l'Airstream. 

Dal 1937 De Soto inizierà a offrire autocarri per l'esportazione identici a quelli prodotti da Dodge, con alcuni di questi venduti in Spagna. Chrysler avrebbe smesso di produrre autocarri nel 1970, ma la produzione di autocarri con il nome De Soto continuò in Turchia sotto Askam fino al 1978. 

Prima che la produzione automobilistica cessasse nel 1942, con l'entrata degli Stati Uniti nella seconda guerra mondiale, De Soto presentò per quella stagione un'auto innovativa con fari a scomparsa, il secondo nella produzione di massa, solo dopo il pioniere, il Corda 810/812.

DE SOTO DOPO LA GUERRA 

La produzione di automobili per uso civile riprenderà nel 1946, anche se i fari ora sarebbero convenzionali. Durante questo periodo le auto De Soto godettero di grande popolarità negli Stati Uniti nel settore dei taxi.

La De Soto Firedome introdotta nel 1952 fu il primo modello del marchio a montare un motore V8.
La De Soto Firedome introdotta nel 1952 fu il primo modello del marchio a montare un motore V8.

Nel 1952, De Soto introdusse il Firedome come modello per il 1953, in coincidenza con il 25° anniversario del marchio, la sua prima vettura equipaggiata con un motore V8, il 276 cavalli 4,5 pollici cubi o 160 litri Hemi. Questo meccanismo è stato utilizzato anche da alcuni modelli di la lussuosa azienda francese Facel Vega. 

Sebbene avessero nel loro marchio un'auto con un moderno V8, c'erano auto molto più interessanti a livello di design sulla scena nazionale. Le auto Chrysler fino alla metà degli anni '50 stavano diventando esteticamente obsolete, con design bloccati nel passato e uno dei requisiti della direttiva era che all'interno di una di queste auto ci fosse spazio sufficiente per indossare comodamente un cappello.

Auto Chrysler Corporation nel 1954.
Auto Chrysler Corporation nel 1954.

Vale la pena menzionarlo in questo momento De Soto ha presentato alcuni prototipi moderni e belli come l'Adventurer e l'Adventurer II, progettati da Ghia e acquistati dal re del Marocco Mohamed V.

De Soto Ghia Avventuriero 1954
De Soto Adventurer II del 1954 disegnato da Ghia.

UN CAMBIO DI ROTTA NECESSARIO

Chrysler ha quindi firmato Virgilio exner come capo progettista, che ha contribuito a rinnovare le auto con un'estetica ispirata agli aerei più moderni del momento. Le nuove vetture arrivarono nel 1955, sotto il nome di “Il nuovo look da 100 milioni di dollari”, e presenterebbe anche un nuovo marchio di lusso, Imperial, che competerebbe direttamente con Cadillac e Lincoln. Nel 1956, questa nuova filosofia di design fu chiamata "sguardo avanti".

Auto moderne "Forward look" del 1956.
Le vetture moderne del "Forward look" del 1956, con al centro la De Soto.

Le auto progettate da Exner erano estremamente moderne, molto più basse e più lunghe dei loro predecessori e presentavano alette di coda prominenti. Queste auto suscitarono l'interesse del pubblico e De Soto fu particolarmente avvantaggiato dalla presentazione di nuovi modelli come Fireflite, Firesweep o Adventurer., introdotta nel 1956 come coupé ad alte prestazioni paragonabile alla 300 di Chrysler. 

Durante quel periodo Le auto del gruppo Chrysler erano tra le più moderne e meglio equipaggiate, essendo offerto con cambio automatico azionato da pulsanti, sedili girevoli che facilitavano l'uscita e l'ingresso nel veicolo, giradischi per ascoltare i record di 45 giri al minuto in macchina, e persino il De Soto Adventurer del 1958 sono stati offerti con iniezione elettronica, ma questa opzione era molto costosa e poche auto la equipaggiavano.

1958: L'INIZIO DELLA FINE PER DE SOTO

Fino ad ora, le auto De Soto erano molto popolari, specialmente con i moderni modelli del 1957. Ma Nel 1958 arrivò la prima recessione economica dopo la seconda guerra mondiale., e il settore automobilistico è stato colpito duramente, con gli acquirenti che ora si stanno concentrando auto compatte e con marchi di fascia media come De Soto, Mercury o il neonato Edsel essendo il più colpito.

Nel 1957 De Soto ha prodotto 114.507 auto.
Nel 1957, De Soto costruì 114.507 auto.

La differenza nelle vendite è stata drammatica per De Soto, con un calo del 60% tra il 1957 e il 1958, cosa che sarebbe solo peggiorata negli anni successivi, facendo circolare voci sull'imminente scomparsa del marchio, con una riduzione della gamma per la stagione 1960.

Nonostante fosse in pieno declino, la De Soto numero 2.000.000 prodotta arrivò nel 1959.
Nonostante fosse in pieno declino, la De Soto numero 2.000.000 prodotta arrivò nel 1959.

Alla fine del 1960 furono presentati i nuovi modelli De Soto per il 1961, e poche settimane dopo Chrysler annunciò la fine di questo marchio. In quella stessa stagione viene presentata una nuova vettura, la Chrysler Newport, un modello di fascia media molto apprezzato dal pubblico, con oltre 45.000 vetture vendute nel primo anno, rispetto solo 3.000 De Soto vendute nell'ultimo anno. 

Con un mercato saturo di marchi, i dirigenti Chrysler si sono concentrati sulla promozione del marchio di lusso Imperial, una strategia aziendale che ha reso le Chrysler più convenienti, le Dodge più lussuose e lasciò il marchio dal nome conquistatore senza un posto da occupare in quel mercato in mutamento.

foto Chrysler y Architettura progressista (1929).

foto dell'avatar

scritto da Javillac

Questa cosa sulle automobili arriva fin dall'infanzia. Quando gli altri bambini preferivano la bicicletta o la palla, io tenevo le macchinine.
Ricordo ancora come se fosse ieri un giorno in cui una 1500 nera ci sorpassò sulla A2, o la prima volta che vidi parcheggiata per strada una Citroën DS, mi sono sempre piaciuti i paraurti cromati.

In generale, mi piacciono le cose di prima della mia nascita (alcuni dicono che mi sono reincarnato), e in cima a quella lista ci sono le auto, che, insieme alla musica, sono la combinazione ideale per un momento perfetto: guida e un colonna sonora in base all'auto corrispondente.

Per quanto riguarda le auto, mi piacciono le classiche di qualsiasi nazionalità ed epoca, ma il mio punto debole sono le auto americane degli anni '50, con le loro forme e dimensioni esagerate, motivo per cui molti mi conoscono come "Javillac".

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

60.2kFan
2.1kSeguaci
3.4kSeguaci
3.9kSeguaci