in

Quando lo scarto prende vita

Abbiamo visto tutti quegli enormi cimiteri americani pieni di auto di più di 50 anni fa in televisione, al cinema o su internet, di solito nei paesaggi desertici che circondano la famosa "Route 66".

Non so se sia il pensiero generalizzato dei tifosi, ma a me questi tipi di posti mi sono sempre sembrati qualcosa di introvabile nel nostro Paese... finché un giorno è apparso quello che portiamo a queste righe.

È vero che il paesaggio desertico e l'enorme quantità di "spazzatura" non sono soddisfatte - c'erano "solo" circa 25 auto - ma senza dubbio è un cimitero di macchine vecchie di mezzo secolo o più. e tutti con le loro targhe spagnole originali, che, per me, gli conferisce un fascino in più.

SONY DSC

SONY DSC

1- Questo era il panorama che abbiamo trovato all'arrivo
2- Come è arrivata lì quella Renault 5?

Passione per la ruggine

Tuttavia, per trovare questo luogo ancorato al passato non c'era altra scelta che ricorrere ai computer. E devo ammettere che non sono molto abile in quello delle nuove tecnologie, ma in questo caso sono state fondamentali.

Se non fosse per il fatto che di tanto in tanto si fa il “freak” sui social, questo reportage non sarebbe stato possibile. Tutto è iniziato quando un amico catalano ha messo una foto molto interessante sul suo profilo; Questo, di bassa qualità e realizzato con un telefono cellulare, mostrava alcune auto pre-1940 ammucchiate in un campo e dall'aspetto piuttosto brutto.

Per curiosità e per l'interesse che hanno quasi tutti gli appassionati di ruggine, ho chiesto maggiori dettagli su quel misterioso sito. La prima informazione ricevuta è stata che “erano nella mia zona”, e subito dopo mi è stato dato il numero di telefono di chi gli aveva passato la foto. Le cose si stavano facendo interessanti.

Erbacce e ruggine indicano lunghi anni all'aperto
Erbacce e ruggine indicano lunghi anni all'aperto

Con un po' di naso ho chiamato quel numero di telefono e mi sono preparata a chiedere maggiori informazioni. Sono stato immediatamente assistito da un uomo di nome Antonio, che non solo non è stato infastidito dalla mia chiamata, ma mi ha anche gentilmente invitato a visitare il luogo. Doveva essere smontato pochi giorni dopo just, quindi non aveva molto margine di tempo.

"Com'è?", ho chiesto allarmato. "Non preoccuparti, le macchine andranno in un posto migliore" il mio interlocutore mi ha risposto. La spiegazione era semplice: stavo parlando con Antonio Crespo, un noto fan della zona di Jaén che gestisce un laboratorio di restauro di classici nella piccola città di Caleruela.

Secondo quanto mi ha raccontato, il lotto si trovava alla periferia della capitale Albacete, lui stesso aveva acquisito il lotto e si preparava a ritirarlo alla fine di quella stessa settimana.

[su_quote] “Vuoi venire a fare qualche foto del sito prima che scompaia? Penso che ne valga la pena". [/ su_quote]

SONY DSC

SONY DSC

1- Questa Renault 4/4 prima serie era molto completa
2- Poco dopo aver scattato queste foto, il posto è stato smantellato

Ovviamente, ho pensato che l'occasione non potesse essere persa. Un posto del genere non è più facile da trovare - anzi impossibile - e questo in particolare aveva contato le ore rimaste dopo lunghi anni di abbandono.

Hobby in eccesso

Come in ogni cosa, anche l'esistenza di questo sito oggi ha la sua spiegazione. Non è una discarica abbandonata dagli anni '60, anche se può sembrare, ma questo si vede sono i "resti" di una grande collezione di auto d'epoca da un tifoso di Albacete.

Come accade a molti collezionisti, iniziò a raccogliere un gran numero di auto fino a superare le loro possibilità di stoccaggio, e in questo modo una piccola parte della collezione finì in questo campo aperto, quando in alcuni casi erano già iniziati. .

SONY DSC

SONY DSC

1- Le vernici semi-sabbiate hanno fornito questi colori curiosi
2- Qualsiasi dettaglio di queste auto sembra persino «artistico»

Questo spiega la ricca varietà cromatica che si può vedere nelle foto, dovuta in alcuni casi al fatto che diversi strati di vernice dell'auto avevano già subito un processo di carteggiatura come prima fase di riparazione.

Il gruppo di automobili che fu "condannato" alle intemperie per tanti anni - circa 30 - era considerato il meno pregiato o comune della collezione; ma, se guardi bene, ci sono dei pezzi interessanti.

 

Continua pagina 2...

 

Cosa ne pensi?

Francisco Carrion

scritto da Francisco Carrion

Mi chiamo Francisco Carrión e sono nato a Ciudad Real nel 1988, un luogo che all'inizio non era simile alle auto d'epoca. Per fortuna mio nonno, dedito al settore automobilistico, aveva amici che possedevano auto d'epoca e partecipava al raduno annuale che si teneva (e continua a tenersi) nella mia città natale... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.6kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci