in

Cronaca della 37a Llotja de Sils

La Llotja de Sils, la più antica fiera di veicoli da collezione del nostro paese, ha avuto il maggior slancio dal 2012. Quell'anno si è trasferita dalla polverosa stazione ferroviaria all'urbanizzazione di Mallorquines, nei cui 50.500 metri quadrati c'è spazio per tutti.

Dal 37 sono già 1978 le edizioni. In quell'anno nonno Salvador Claret i Naspleda preparò, insieme a un gruppo di collezionisti e amici, un guazzabuglio automatico verso l'esterno, nello stile delle fiere che già conoscevano nel sud della Francia.

Ingresso gratuito, i fan non devono nemmeno pagare per parcheggiare. E nessuno può lamentarsi della mancanza di spazio, visto che c'è un parcheggio di 17.000 metri quadrati accanto.

37 Llotja di Sils
I 50.500 metri quadrati, uno spazio libero per la celebrazione di questa fiera a cielo aperto.

Insomma, una fiera amichevole e low cost per visitatori ed espositori. E che può anche essere accompagnato da una visita al sempre attraente Collezione di automobili Salvador Claret.

Entro il pomeriggio di venerdì 6 giugno, la maggior parte dei più di trecento espositori. E durante il pomeriggio si sono dedicati a scaricare e posizionare il genere, un compito molto più laborioso di quanto pensino gli appassionati.

Con ben 2,8 chilometri netti di stand, è certo che molti non hanno avuto il tempo di visitare l'intero quartiere fieristico. Al massimo potevano scartare quelle posizioni che non avevano quello che volevano.

37 Llotja di Sils
Un totale di 18.000 visitatori hanno avuto l'opportunità di accedere
al genere e ai veicoli esposti dai 308 commercianti

E il fatto è che, a La Llotja, oltre a pezzi di ricambio per auto d'epoca e motori classici, c'erano in vendita anche veicoli delle più svariate tipologie.

Da una Special Four Door Seat 850 del 1971, per la quale hanno chiesto 2.500 €, a centinaia di moto d'epoca, biciclette d'epoca e persino motori fissi e attrezzi agricoli.

A questo proposito, la vicinanza al confine francese è vitale. Grazie a ciò, anno dopo anno viene incentivata la frequentazione di numerosi mercanti dal paese vicino, che giungono con genere insolito da queste parti.

37 Llotja di Sils
Oltre ai veicoli, c'era un genere vario, come questo
bus di carnevale che ha fatto il tutto esaurito venerdì pomeriggio

Infatti venerdì pomeriggio c'è stata gente che è venuta in zona e abbiamo potuto vedere come un piccolo autobus da fiera è stato venduto a 300 euro, in assenza di parabrezza e da revisionare. Chi era di nuovo bambino!

Varietà all'aperto

Alle 9 del mattino di sabato è stata aperta al pubblico la Llotja, che già un'ora dopo aveva l'atmosfera tipica della vendita.

C'erano anche bancarelle che vendevano strumenti, oltre a vecchie riviste di motori o manuali di istruzioni per veterani. Insomma, girando intorno era possibile trovare gli oggetti più inaspettati.

37 Llotja di Sils
Tra i classici in vendita, c'erano copie così accessibili
come questa Seat 850 Special Quattro Porte del 1971

Allo stesso modo, chiunque stesse cercando una maglietta della sua marca preferita, l'avrebbe trovata. E la stessa cosa è successa a chi voleva portarsi a casa la miniatura dei suoi classici preferiti.

Dalla Francia erano arrivati ​​molti ciclomotori, scooter e biciclette, che rimasero accumulati in batteria finché qualcuno non se ne interessò.

Sul rimorchio e accanto a un vecchio tandem, aspettava un nuovo proprietario una Peugeot 403 Familiale del 1958. Il suo proprietario francese ha chiesto 2.000 euro per essa.

37 Llotja di Sils
Gli espositori francesi hanno portato in vendita dei classici, come questa Peugeot 403 Familiale del 1958

Senza dubbio un prezzo contenuto per quello a cui siamo abituati, nonostante la sua vernice fosse opaca, presentava qualche ammaccatura ed è necessario effettuare delle lavorazioni per immatricolarla come veicolo storico.

Successivamente, ci imbattiamo in una linea di youngtimer e classici in vendita, come una Ford Capri 2.0 S (€ 4.000), una Renault Fuego con 74.000 km (€ 3.000) o una Opel 1900 GT (€ 10.000).

Invece ci ha attirato di più per il suo buon restauro una Seat 600 Cabrio del 1960, verniciata in un color salmone poco visto che era originale in quegli anni. Per lui hanno chiesto 11.000 euro.

37 Llotja di Sils
Data l'abitudine di alterare lo stile originale, ha prodotto soddisfazione
imbattersi in questa impeccabile Seat 600 Cabriolet del 1960

Con targa Ciudad Real e interni rivestiti in assoluta fedeltà al suo standard, è stato un piacere contemplare una Seat 600 Normal senza aggiunte stravaganti.

Pionieri, veterani e trattori!

Un altro modello molto più antico in vendita era una Citroën 5 CV Cabriolet del 1924, immatricolata a Tarragona e il cui proprietario desidera ricevere in cambio 18.000 euro.

Interessante era anche una Peugeot 186 del 1929, con carrozzeria di tipo Commercial Torpedo e che conservava la sua vernice marrone. Aveva bisogno di rifare il cofano e il suo corpo necessitava di un leggero restauro. E il suo prezzo di € 3.300 era ragionevole.

37 Llotja di Sils
L'auto più antica di La Llotja, costruita nel 1907, questa
Il monocilindrico Ponette era in vendita a 22.500€

Allo stesso modo, colpiva l'auto più antica in vendita, per la quale voleva 22.000 euro. Era una La Ponette francese del 1907, alimentata da un motore Ballot a un cilindro e accoppiata a un cambio a due velocità.

Argemi Delpuy, collezionista di trattori d'epoca, ha creato atmosfera con la sua Lanz vintage del 1952, prodotta a Mannheim (Germania). Dotato di un motore diesel a due tempi monocilindrico, la folla si è radunata quando l'ho avviato.

Un'altra calamita per le fotocamere curiose e mobili era un furgone Seat 1400 del 1958, in vendita senza prezzo in vista. Con visibili segni di ruggine, mancava di motore, cambio e assale anteriore, che il suo proprietario aveva già restaurato e salvato.

37 Llotja di Sils
Un trattore spettacolare. Questa Lanz del 1952 ha sempre avuto numerose persone che la guardavano e la fotografavano

E in tarda mattinata, voleva riprendere le forze in uno dei due bar. Per questo, l'organizzazione ha contattato il club locale del Barça, che aveva prezzi economici. Ad esempio un caffè 1€, una pinta di birra 1,5€ e un panino 3,5€.

Riprendendo la corsa, nuovi stand di ricambi, che sono stati i più visitati dagli appassionati. Ne troviamo addirittura tre popolari in vendita: una Fiat 500, una Renault 4/4 e una Renault Dauphine, tutte e tre con targa francese.

Tra queste spiccava per lo stato di conservazione la Dauphine del 1961, senza mai essere stata restaurata. Con soli 31.000 km percorsi, Presto venduto per € 4.500.

Da segnalare infine che l'organizzazione ha promosso una colletta volontaria a favore di Cáritas, che ha raggiunto tra i partecipanti una somma di 1.515 euro per aiutare le persone più bisognose.

 

Cosa ne pensi?

scritto da Ignazio Saenz

Sono Ignacio Sáenz de Cámara, sono nato a Vitoria più di mezzo secolo fa. Come capita a molti di voi, anch'io ho sofferto/goduto fin da giovane di quell'attrazione incontenibile verso qualsiasi autoveicolo. Crescendo, ho visto che mi piaceva anche leggere tutto quello che cadeva... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

52.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.3kSeguaci