tour automobilistico 2018
in

Auto Tour 2018: Cronaca

TESTO: CARLOS DE MIGUEL, UNAI ONA / FOTO: UNAI ONA

Abbazie, castelli, chiese, deliziosi paesini, strade tortuose, circuiti e paesaggi spettacolari si sono nuovamente intrecciati con le oltre 250 classiche che hanno preso parte alla partenza, suddivise in due griglie di regolarità e altre due griglie di velocità. Quindi Tour Auto, il re dei rally classici del vecchio continente.

Questo 2018, il motivo generico è stato l'automobilismo italiano. Ai soliti Ferrari 250, 275 o Dino, Lancia Fulvia, Aurelia e strato, o Alfa Romeo GTV, sono state affiancate da diverse parti non così comuni da vedere come una Ferrari 250 MM, una Lancia Flaminia Super Sport Zagato, una Maserati 200Si, due splendidi rimorchi Osca 750 Sport e una 1600GT Zagato rimasta nel primo tappa, oltre a due bellissime Nash Healey Roadster.

Lasciando il Grand Palais di Parigi, le diverse tappe hanno avuto il traguardo a Besançon, Megève, Avignone, Aix-en-Provence e, infine, Nizza.

In questi otto anni abbiamo potuto stringere una piccola amicizia con i membri della Repsol Classic Team, mentre incoraggiamo e andiamo con i nostri connazionali. Grazie a questo, e a loro, abbiamo potuto godere e seguire più da vicino il rally stesso: le alzate mattutine, i pranzi frettolosi per seguire il percorso, o le piccole avventure dei meccanici della squadra, Rober e William, capaci di -messa a punto la meccanica dell'unità molte volte nelle prime ore del mattino.

tour automobilistico 2018
I paesaggi che l'Auto Tour ci regala anno dopo anno non hanno eguali. E anche auto come questa Maserati 200si

Un giorno in Auto Tour 2018

Per i più mattinieri, le tappe iniziano alle 6:30 del mattino, con tratti di collegamento fino a quelli più colorati sezioni "Segreti". Da fotografo dirò che non è difficile trovarli, dal momento che l'organizzazione stessa mette i punti di controllo sul web un giorno prima. Come rimedio, se sei all'oscuro, puoi sempre seguire uno dei gioielli rotolanti fino al punto di maresciallo. Per quanto riguarda il pubblico, i fan che viaggiano in queste sezioni sono semplicemente enormi.

Sulla sua scia l'Alpine, Gt40 e la potente Shelby suona il "Oh" dalla gente, ma quelle che ottengono più ovazioni sono la piccola Panhard, la Peugeot 203 e 204 coupé, e quella che ha preso la torta al suo seguito, la Citroen 2cv Tipo A dei francesi François Allain e Robert Puyal.

Oltre ai bei tratti stradali, un altro dei punti imprescindibili del Tour Auto sono i circuiti, dove gli speed grill sono al centro della scena. Per i più tranquilli, ci sono soste a castelli, abbazie, posti di blocco, o gli stessi parchi chiusi, dove tutti i partecipanti possono essere visti placidamente ... Ma se vuoi l'adrenalina, ne vengono distillate grandi dosi nei circuiti lso.

rally auto d'epoca francia
Uuuuufffff, alla semina! 😉 I circuiti sono per questo

I vincitori, sia assoluti che relativi

Nella sezione vittorie, il trionfo totale è andato all'equipaggio svizzero formato da Raphael Favaro e Yves Badan nel loro Lotus Elan 26R, approfittando dei problemi al cambio dell'apparentemente invincibile Gt40 che lo ha costretto al ritiro dopo aver ottenuto 10 delle 14 possibili vittorie. Seconda posizione per i francesi Frédéric Jousset e Paul Miliotis nella loro Shelby Cobra 289, e terzo posto per Damien Kohler e Sylvie Laboisne su un'altra Lotus Elan 26R.

Per quanto riguarda la velocità, il team francese composto da Patrick Hautot-Sylvain Cantrel ha vinto il Gruppo G1 e G2 con la loro Ford GT40, mentre gli americani Cooper Mac Neil-Gunnar Jeannette hanno conquistato la vittoria nel Gruppo H1 / H2 / I con la loro Porsche 911 RSR 3.0L. Infine, Jean-François e Chloé Pénillard con la loro Porsche 356 Pre-A Coupé sono stati i primi nell'indice di performance.

Nella categoria Regolarità, La vittoria è andata al team francese Jean Rigondet-Olivier Souillard, che ha dominato dal primo all'ultimo giorno del rally a bordo della sua CG 1200 S. Al secondo posto si è classificata l'Alfa Romeo 1750 GTV di Nicolas Pagano-Michel Périn, e Tomas Hinrichsen e Solagne Mayo con la Maserati 200 SI batte l'Indice di Prestazioni

Dopo aver assistito per diversi anni al test di Francia, non ci stanchiamo; Con lo stesso entusiasmo ed entusiasmo, una volta terminata l'edizione 2018, aspettiamo già con lo stesso entusiasmo l'edizione 2019. Il team PeterAuto sorprende sempre con paesaggi spettacolari, circuiti emblematici e, naturalmente, la migliore selezione di classici da godere.

Ci auguriamo che il prossimo anno i nostri ottengano il tanto atteso podio o la vittoria (ora alcuni dei protagonisti vi diranno perché). Saremo lì a raccontarlo ancora! Allora vi lasciamo con l'esperienza raccontata in prima persona da Carlo di Michele.

tour automobilistico 2018
Una Mini nelle Alpi, cosa possiede!

[su_note note_color = »# e8e8e8 ″ raggio =» 10 ″]

Un altro anno, quasi. di Carlos de Miguel

Ancora un anno l'Auto Tour. Una gara emozionante alla quale ho già partecipato 19 volte. Non puoi dire che non la conosco. Ancora una volta eravamo l'unica squadra spagnola all'inizio. E un altro anno, come è successo nell'edizione 2017, in cui Luis Delso ed io abbiamo esaurito un podio che già avevamo accarezzato. Anche in questo caso ci viene presentata l'Alfa Romeo Giulietta del 57. Un'auto di linea compatta e bella, molto maneggevole in curva e tremendamente competitiva nella classifica dell'indice di prestazioni. Una categoria che, con l'istituzione di un handicap in base all'anno di fabbricazione e al cilindro, cerca di eguagliare le possibilità di tutte le vetture partecipanti.

Di nuovo i nostri più grandi nemici Erano due Porsche 356 Pre A, alleggerite a limiti impensabili e che, almeno in teoria, montano motori da 1.500 cc.. Ma in realtà sui circuiti litigano con le 911 da due litri. Sorprendente!. Per fortuna uno di loro ha avuto un problema meccanico e, per la disputa per il secondo posto, abbiamo preso la nostra Giulietta e un'Alfa Romeo Sprint Speciale da un pilota francese molto conoscitore delle prove cronometrate nel suo paese.

[/ Su_note]

[su_note note_color = »# e8e8e8 ″ raggio =» 10 ″]

Il nostro motore, molto competitivo sui circuiti, non era eccessivamente operativo sui tratti stradali in quanto non aveva una potenza inferiore a circa 3.500 giri. Questo ci ha rallentato fino alla terza posizione, nella quale, tuttavia, ci siamo sistemati molto bene quando abbiamo superato la Triumph TR4 che marciava dietro di noi di più di un minuto. E così arriviamo al venerdì, penultimo giorno di gara quando, sul circuito del Paul Ricard, la rottura della frizione ha provocato riduttore finirà fuori uso. Se l'anno scorso il nostro abbandono è stato l'ultimo giorno a Pau, quando eravamo secondi, questa volta il podio ci è caduto nuovamente addosso in assenza di sole tre prove speciali su strada.

Come si suol dire, sono le corse. Ma torneremo. Il Tour Auto è coinvolgente ed è, per me, la corsa su strada più bella e competitiva del mondo. Potremmo non entrare nella stessa macchina, perché dopo tre anni di lotta in questa classe con la Giulietta, potrebbe essere una buona idea cambiare sella e dirigersi verso un'altra classifica. Vedremo. C'è un anno per prepararlo. Ma ne saremo sicuri! [/ Su_note]

tour automobilistico 2018
Fino al prossimo anno!

Cosa ne pensi?

unai ona

scritto da unai ona

Unai Ona viaggia in tutta Europa per raccontarvi i migliori eventi del Vecchio Continente. Fotografo di prim'ordine, non si stanca mai di immortalare la bellezza dei grandi classici dell'anteguerra e del dopoguerra, la sua vera passione...

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

51.1kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci