in

Mi piaceMi piace

Eredità: Peugeot 405 Mi16 e Peugeot 508 Hybrid

Lo ricordo ancora chiaramente. Era di colore rosso e parcheggiavo sempre davanti alla porta del bar-ristorante all'angolo della strada dove, in quegli anni, abitavo con i miei genitori. Ero un bambino, non avrei avuto più di 10 anni, ma sapevo che questa macchina era speciale, diversa. Quello spoiler, le minigonne, quelle ruote... Ricordo anche di aver visto la targa nera con la scritta Mi16 sul retro. Mi è piaciuto. Ho sempre pensato che da grande avrei avuto un'auto così, bella; speciale. 

Mi piacevano già le auto allora, avevo la mia collezione Majorette e Matchbox, che mi ha fatto sapere che questa macchina era una Peugeot 405 Mi16 proprio come quello che teneva ben tenuto con il resto dei passeggini, ma ovviamente non aveva idea di cosa stesse veramente guardando. Era solo un ragazzo a cui piacevano le macchine e quella aveva un aspetto diverso, spiccava sul resto delle macchine che erano parcheggiate lì. Anni dopo, quando ho iniziato a comprare riviste e ad essere informato, ho scoperto cosa nascondeva. 

Auto sportiva Peugeot 508

Oggi, guardando indietro mentre mi trovo davanti a una Peugeot 405 Mi16 grigia, ricordo quei momenti con una certa ficcanaso. Quanto era bella quell'auto e quanto è diversa ora, circa 30 anni dopo. E non è che abbia perso il suo fascino, è che i ricordi d'infanzia hanno un'aura romantica, persino mistica. È anche vero che l'evoluzione dell'automobile e anni di esperienza cambiano la prospettiva delle auto

Tuttavia, tutto ciò non toglie un briciolo di eccitazione da ciò che verrà. Accanto alla Peugeot 405 Mi16 c'è un Peugeot 508 ibrida, auto che potrò guidare e, in qualche modo, confrontare. Mi sento davvero un privilegiato, il che fa rivivere ancora di più quei ricordi d'infanzia. Chi mi avrebbe detto che potevo guidare una 405 Mi16?

Peugeot 405 Mi16

Auto dell'anno in Europa 1988

La Peugeot 405 è apparsa sul mercato nel 1987. L'azienda francese aveva impiegato non meno di cinque anni per completare lo sviluppo del progetto "D60", il nome con cui era conosciuta questa berlina. Le vendite in Spagna iniziarono nel 1988, esattamente lo stesso anno in cui riuscì a vincere il premio per "Migliore auto dell'anno in Europa". Non aveva nemmeno completato qualche mese di commercializzazione e stava già ottenendo riconoscimenti, come solo i grandi sanno fare, le auto che sono chiamate al successo e durano nel tempo lasciando un grande ricordo. 

L'azienda francese è sempre stata specializzata in questo tipo di auto. La storia dell'azienda, una delle aziende più antiche al mondo con più di 200 anni, è ricco di modelli con carrozzeria a tre corpi, alcuni dei quali veri e propri best-seller. Sono state le vetture che hanno contribuito a stabilire l'immagine di un produttore di auto affidabili, ben progettate e, soprattutto, molto adatte alla circolazione. Auto da guidare, per godersi il viaggio verso la destinazione, qualunque essa sia. 

Peugeot 405 Mi16

Ma anche vetture dal design molto curato e raffinato. Sicuramente ricorderete la Peugeot 505, una berlina dal profilo molto "leggero" e dal look tremendamente personale. Forse ricorderete anche la più recente Peugeot 407, che ha lasciato tutti a bocca aperta con una linea che rompeva con tutto quanto visto in precedenza nel marchio e offriva un'immagine molto dinamica. Piccoli esempi che potremmo completare con la Peugeot 504 del 1968 o, ovviamente, con la nostra protagonista. In effetti, questi due modelli hanno in comune il fatto che erano entrambi disegnato da Pininfarina

Tuttavia, la Peugeot 405 aveva cose che le seguenti berline del marchio non avevano. In realtà, qualcosa del genere non era nemmeno offerto nei modelli precedenti al 405: una versione marcatamente sportiva. Non possiamo dimenticare la Peugeot 505 GTI o la 505 Turbo, anche se questi modelli erano berline molto veloci ma non sportive. La Peugeot 405 è arrivata sul mercato dopo l'interruzione della produzione della Peugeot 505 ed è stata in vendita per ben 10 anni, tra il 1987 e il 1997. Durante tutto questo tempo, la berlina francese ha potuto godere di versioni sportive rimaste nella memoria e nella fantasia degli appassionati: la Peugeot 405 Mi16, la Peugeot 405 Mi16x4 e Peugeot 405 T16. 

Peugeot 405 Mi16

Da allora, il marchio non ha rilasciato una berlina con uno stato d'animo così marcato. È vero che sia la Peugeot 406 che la 407 avevano due motori V6 separati con potenze che andavano da 190 a 200 CVMa non erano auto sportive, erano berline veloci e raffinate, ma non auto sportive. Avevano anche le rispettive versioni con carrozzeria coupé, entrambe di grande successo ma con particolare risalto per la Peugeot 406 Coupé, disegnata da Pininfarina. Ma anche queste non erano autentiche auto sportive, erano più vicine al concetto di Gran Turismo. Ora, il segmento delle berline in Peugeot è occupato dalla 508, modello con cui si intendeva sostituire la Peugeot 407 e la Peugeot 607 e che nella sua versione più potente, fino all'arrivo dell'ibrida plug-in con 360 CV , è la 508 Hybrid da 225 CV. Ma nemmeno con questi si può dire che il 508 abbia una versione sportiva.

La Peugeot 405 ha rappresentato il marchio anche in competizione, vincendo tre volte la Dakar e nella Rise to the Clouds, la Pikes Peak delle Montagne Rocciose nordamericane, meglio conosciuta con il nome inglese: Pikes Peak. In entrambe le gare si trattava della stessa vettura con piccole modifiche, la Peugeot 405 T16, vettura destinata a correre nel Gruppo S del Mondiale Rally fino alla sua cancellazione. Allo stesso modo, ha avuto una versione Superturismo per il campionato francese, dove ha gareggiato tra il 1992 e il 1996. 

Auto sportiva Peugeot 508

Peugeot 405 Mi16: Atmosferica, 16 valvole e 160 CV

Forse è per questo che la Peugeot 405 Mi16 è così desiderata e ricordata, perché È stata l'ultima berlina sportiva del marchio fino alla comparsa della Peugeot 508 PSE, una versione super performante dell'attuale rappresentante dell'azienda francese nel segmento delle berline di media cilindrata, un dispositivo che recupera quello spirito sportivo del "vecchio" Mi16 anche se in modo molto diverso, in quanto animato da un plug- nel motore ibrido. L'ibridazione è il presente e, si dice, l'elettricità è il futuro. Ma quando apparve la Peugeot 405 Mi16 c'erano solo due opzioni: turbo o aspirata con 16 valvole. 

La 405, ricordiamo, apparve nel 1987 e fu postulata come una dura rivale per vetture come la Renault 21 o la Ford Sierra, entrambi modelli, particolarmente importanti nel settore per quello che significavano e per l'altissimo numero di unità vendute. La berlina francese non ha avuto vita facile ed è stato necessario girare molto bene affinché tutto andasse bene. Qualcosa che, visto il successo della 405, Peugeot ha saputo realizzare perfettamente. Soprattutto per il buon set che ha messo in circolazione, che si è distinto, da buona Peugeot, per un'andatura molto stradale, sedili imbottiti molto morbidi e un'affidabilità molto elevata. Inoltre, il design Pininfarina, senza essere abbagliante, aveva un notevole equilibrio generale, con linee rette e semplici, ma ben eseguite

Peugeot 405 Mi16

Un disegno pulito che visto di fronte all'altro ospite in questa occasione, la Peugeot 508 Hybrid, è ancora più semplice. La 508 è un'auto che, nonostante le tendenze attuali di offrire linee "perse" e immagini un po' ornate, è attraente e proporzionata. Inutile dire che rende le forme della 405 Mi16 antiquate in un colpo solo e la fa sembrare anche piccola, ma non impedisce alla “vecchia” Peugeot di attirare molta più attenzione. Avere entrambe le vetture una accanto all'altra, ha permesso che i confronti siano diretti e senza filtri, soprattutto l'equilibrio che sprigiona il 405 Mi16. Sì, gli anni sono notevoli rispetto al suo attuale pari, e sì, è più piccolo, ma le forme della Peugeot 405 sono più concordanti; la parte anteriore si squadra con la parte posteriore, così come mantiene una coerenza con i lati. 

La Peugeot 405 Mi16 era disponibile dal primo momento, iniziando le sue vendite nel 1987. A prima vista si poteva vedere che non era solo un'altra 405, aveva qualcosa di diverso e questo faceva parte del suo fascino. Come molti altri negli anni '80, ha ricevuto un trattamento specifico sotto forma di minigonne laterali, paraurti e uno spoiler creato appositamente per la versione, che sono stati accompagnati da cerchi da 15 pollici e pneumatici 195/55. Oggi sono ruote molto piccole, c'è la 508 Hybrid con le sue ruote composte da cerchi da 18 pollici e pneumatici 235/45. Tuttavia, all'epoca erano ruote di dimensioni rispettabili e più che sufficienti per domare la potenza proveniente dal motore. 

Auto sportiva Peugeot 508

Un motore che, tornando un po' sui nostri passi, aveva due strade da percorrere: il turbocompressore o la testata a quattro valvole per cilindro. Entrambe le tecniche erano molto in voga nei primi anni '80, in particolare la soluzione di montare un turbo in quasi tutte le auto. Siamo dentro l'era del turbo in Formula 1 e il turbo nei rally, che aveva il mancato girone B come alti rappresentanti. Quando la Peugeot Mi16 fu messa in circolazione, il Gruppo B non esisteva più, ma la loro influenza era ancora lì, non vana, l'ultima stagione fu nel 1986. 

Tuttavia, la Peugeot, che aveva nella 205 T16 il suo rappresentante nel defunto Gruppo B, decise di seguire la strada dell'aspirazione naturale e optò per un atmosferico blocco a quattro cilindri con 1.9 litri di cilindrata, precisamente 1.905 centimetri cubi, con due alberi a camme in testa e alimentazione iniezione Bosch Motronic. Il risultato è stato 160 CV a 6.500 giri/min e una coppia di 180 Nm a 5.000 giri/min, sebbene fossero utilizzabili a partire da soli 3.000 giri/min. Il cambio era manuale a cinque rapporti e la potenza arrivava alle ruote anteriori. Ovviamente non c'erano assistenti elettronici tranne l'ABS. Più tardi sarebbe arrivata la Peugeot 405 T16 e il suo motore turbo da quasi 200 CV. 

Auto sportiva Peugeot 508

La Peugeot 405 Mi16 di Carlos

Tutte queste cose e qualcuna in più mi vengono in mente osservando il 405 Mi16 di Carlos. L'auto è attualmente in fase di restauro, anche se ha un bell'aspetto nonostante le gomme di una Peugeot 406. Inoltre, ho avuto l'opportunità di guardare l'auto per molto, molto tempo, mentre guidavo la Peugeot 508 Hybrid durante il sessione di immagini. Come ci ha detto Carlos, l'auto lo ha salvato in uno stato pietoso, con una carrozzeria che aveva perso colore in molte parti e che aveva anche la muffa nella zona del bagagliaio, ma dalla mia posizione l'auto sembra tremenda, come il primo giorno e non ha perso un briciolo del suo fascino. L'ho visto in statica, rotolare, attraverso gli specchietti retrovisori, inseguirlo mentre i fotografi bruciavano le macchine fotografiche... 

Una volta fermo, in una delle pause mentre l'ibrido era al centro dell'attenzione delle telecamere, ho potuto avvicinarmi e approfondire maggiormente il 405 Mi16. Non avevo avuto la possibilità di fare pasticci e spettegolare su un'unità fino ad ora, e non ho esitato. All'esterno, la cosa più notevole è la calandra, in quanto non sfoggia l'orgoglioso leone Peugeot, ma ha una fascia con i colori da corsa del marchio. L'immagine è un po' strana, manca qualcosa su quel fronte, ma mantiene le linee e non spezza l'armonia dell'insieme. Cosa c'è di più, fendinebbia gialli e filettature rosse sui parafanghi in plastica ti riportano direttamente agli anni '80

Peugeot 405 Mi16

In cabina le cose non sono incoraggianti come fuori, qui gli anni sono molto evidenti. Carlos, in fase di restauro, ha messo dei sedili in pelle nera di un altro Mi16. Il risultato è abbastanza buono, ma non riesce a nascondere l'età dell'auto. Le plastiche sono dure, le regolazioni tra i pezzi farebbero scattare tutti gli allarmi in qualsiasi modello attuale e il volante senza airbag sembra una padella per paella rispetto all'attuale volante Peugeot. Ma nonostante, la semplicità degli interni è piacevole, senza schermi digitali che distraggono da ciò che è importante, con le tipiche manopole rotanti per il riscaldamento... 

Mi siedo sui sedili e il suo carattere francese viene fuori. Sono sedili sportivi, ma alla francese, morbidi e morbidi. Ti accolgono come farebbe il divano di casa, ma sembrano un po' fuori luogo in versione sportiva. Niente a che vedere con i sedili del nostro secondo ospite, la Peugeot 508 Hybrid, che sono più vicini alla morbidezza dei sedili tedeschi che a quelli francesi. Va detto che sono molto buoni e anche belli, offrendo un enorme contrasto con i sedili della Peugeot 405 Mi16. Lo stesso vale per molte altre cose, come le finiture dell'ibrido, che si distinguono per essere ad una grande altezza, o per la morbidezza generale dei comandi del 508, che ti permette di sentirti a tuo agio fin dal primo momento. 

Peugeot 405 Mi16

Il motore non pesa gli anni

In effetti, la prima auto che ho potuto guidare è stata la Peugeot 508 Hybrid per gentile concessione di Mr. Pablo Mayo, direttore di spiritRACER.com. Mi è venuto a prendere alla porta di casa e da lì, nella zona dove avremmo scattato le foto, l'ibrido era il mio genere. E non ha deluso, è un'auto di grande successo, è comoda, facile da guidare, veloce (il suo gruppo motore ibrido produce 225 CV) e con il cambio automatico ti dimentichi delle marce a meno che non la metti in modalità manuale e usi le palette poste sul piantone dello sterzo. Rende tutto facile se non superi i limiti e ti porta ovunque tu voglia andare.

E la cosa più curiosa è che una volta al volante della Peugeot 405 Mi16 la sensazione è la stessa: se non raggiungi i limiti, tutto è semplice, comodo, piacevole. L'unità che appare nelle foto è standard ad eccezione della linea di scarico, delle ruote e della sospensione posteriore, quindi la sensazione generale non era molto alterata. 

Peugeot 405 Mi16

Una delle cose che più attira la nostra attenzione quando iniziamo la marcia è la direzione. Mi aspettavo un po' di allentamento data l'età dell'auto e che è ancora da lucidare, ma niente di tutto questo, lo sterzo è relativamente diretto e preciso, ma è perlopiù duro. La sua assistenza è idraulica e non elettrica, offrendo un tocco più duro e mostrando le buche e le irregolarità della strada. La corona del volante è spessa, è rivestita in pelle ed è regolabile in altezza. Dettagli dell'attrezzatura che all'epoca erano notevoli. 

Testare un classico richiede di cambiare un po' il chip, non può essere misurato secondo gli standard attuali e abituato a testare nuovi modelli, mi sono ritrovato a cercare difetti e difetti. Così mi sono fatto prendere la mano e ho cercato di godermi l'occasione, allungando il motore a marce alte, notando come funzionavano le sospensioni, ascoltando il motore (l'isolamento è molto meno di adesso)... alla fine, la cosa più notevole è che il motore è ancora lì in ottima forma, però è un 16 valvole nella sua essenza più pura, un motore che vuole dare il massimo per dare il meglio di sé anche se si lascia trasportare lentamente. Il cambio è tipicamente Peugeot, con giochi e viaggi oggi inaccettabili ma… non c'è il fascino di un classico?

Peugeot 405 Mi16

Auto sportiva Peugeot 508

Categoria Aerodinamica leader

Una delle cose che il marchio stesso si è distinto al suo lancio è stata l'aerodinamica della carrozzeria.. È risaputo che Pininfarina è una vera esperta in questo campo e applica questa conoscenza a tutte le auto che progetta, non solo alle Ferrari (che tra l'altro non progettava da molto tempo) e la Peugeot 405 è stata una delle i beneficiari di quel modo di lavorare.

Nello specifico, la Peugeot 405 Mi16, ad esempio, ha annunciato un Cx di 0,30, uno dei migliori numeri della sua categoria in quegli anni. È vero che attualmente è ampiamente superato, c'è la berlina Mercedes Classe A presentata nel 2019, il cui Cx è 0,22 o il Cx di 0,26 della sua rivale in questo confronto, la Peugeot 508. Ma è anche vero che il il dato annunciato dal 405 è relativamente attuale ed è poco, molto poco al di sotto della media del segmento anche oggi. E si vede quando si guida, c'è poco rumore aerodinamico anche alle alte velocità e non si percepisce galleggiabilità in curva a buon ritmo, la sensazione generale è di compostezza e buona stabilità. Anche con le sospensioni montate sull'unità di Carlos, che non erano al meglio.

Quell'aerodinamica era evidente anche nei consumi, anche se non abbiamo potuto verificarla. Abbiamo avuto poco tempo in macchina, non è un'unità stampa e ha un proprietario che ha investito molto denaro, molto tempo e ci ha riversato entusiasmo e passione. Inoltre, in una macchina come questa, con 30 anni alle spalle, una cosa del genere non ha senso. Tuttavia, Arturo de Andrés, in un test per la rivista Automobile 1987, riuscì a consumo minimo di 7,56 litri per 100 chilometri e un massimo di 13,93 litri andando, come si dice, con il coltello tra i denti.

Versione a trazione integrale e successive, con turbo

Non possiamo negare che Carlos ha permesso al sogno di un bambino di avverarsi, guidare un Mi16 e inoltre, abbiamo potuto confrontare il modello con uno attuale, cosa che non tutti possono vantare di aver fatto. Siamo totalmente felici e, naturalmente, ti inviamo i nostri ringraziamenti da qui e speriamo che ti godrai la tua Peugeot 405 Mi16 per molti anni a venire.

La Peugeot 405 Mi16 era ed è ancora oggi un'auto speciale. Potrebbe anche essere più speciale in questi giorni, per via della sua storia, perché è un modello raro nella gamma Peugeot e perché offre un pacchetto abbastanza rotondo. Ma il Mi16 era solo la punta dell'iceberg. Nel 1989 apparve una versione molto ambita dai collezionisti, visto il suo numero ridotto, anche se meno interessante del modello Carlos in quanto aveva prestazioni inferiori. Quella versione era il Mi16 con trazione integrale, o come è stato ufficialmente chiamato, Peugeot 405 Mi16x4. Ha preso in prestito la trazione integrale e l'asse posteriore con sospensione idropneumatica dalla Citroën BX.

Per il 1992 è stato effettuato il tipico restyling dell'emivita, che ha lucidato alcuni dettagli e migliorato molti interi il design e la qualità dell'abitacolo. Ha anche migliorato le prestazioni della Mi16 con una vettura che ancora oggi è velocissima: la Peugeot 405 T16, una versione dotata di motore turbo da 220 CV, 324 Nm di coppia e sistema di trazione integrale, che è una delle versioni più ambite della berlina francese.

Peugeot 405 Mi16

Cosa ne pensi?

Javi martin

scritto da Javi martin

Se mi chiedi da dove viene il mio amore per i motori, non saprei rispondere. È sempre stato lì, anche se io sono l'unico della famiglia a cui piace questo mondo. Mio padre ha lavorato come disegnatore in un'azienda metallurgica con molta produzione di componenti per auto, ma non c'è mai stata una passione come me.

Mi piace molto la storia dell'automobile e attualmente sto creando una biblioteca personale dedicata esclusivamente alla storia del motore in Spagna, senza dimenticare le moto che hanno dato tanto servizio nella nostra "vecchia" Spagna. Ho anche una vasta collezione di materiale scansionato.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci