in

Mi piaceMi piace

Concorso di eleganza di Biarritz. Prima edizione dal 1958

Tenutosi dal 1929 al 1958, il Biarritz Contest of Elegance è tornato promettendo di diventare un evento di riferimento internazionale in occasioni future. Per questo è stata rilasciata una selezione di modelli tanto interessanti quanto esclusivi, tra i quali abbiamo trovato alcuni difficili da vedere in altri contest più ravvicinati. Tutto questo sullo sfondo della città termale di Biarritz. Un luogo che, anche a distanza di anni, continua a rievocare l'epoca in cui era punto di ritrovo del jet-set francese.

Fotografie: Sergio Calleja

Per secoli la caccia alle balene è stata una delle principali attività economiche dei marinai baschi. Tanto che già nel XVI secolo le loro navi osarono esplorare i confini del Nord Atlantico alla ricerca della balena franca. Un gigante di cui sono stati registrati esemplari con più di 20 metri di lunghezza e fino a 72 tonnellate di peso. Precedentemente abbondante, ma così predata fino a tempi recenti che la sua attuale popolazione è stimata in soli 400 esemplari.

Frutto di un lavoro che fu di sostegno alla popolazione di Biarritz fino alla metà del XIX secolo. Momento in cui le élite parigine del governo di Napoleone III - ultimo monarca di Francia - scoprirono le possibilità ricreative della cittadina grazie alla qualità delle sue acque. Quindi le cose -e come altri posti come Santander o San Sebastián- Biarritz è passata dalla vendita di carne di balena alla cura delle carni magre della borghesia. Classe sociale che nel corso dell'Ottocento investì non pochi sforzi per dotarsi dello stesso decoro e fasto che l'aristocrazia indossava in epoca anteriore al 1789.

In questo senso, Eugenia de Montijo - moglie di Napoleone III - fece costruire nel 1854 quello che oggi è conosciuto come l'Hôtel de Palais de Biarritz. Forse l'edificio più rappresentativo del resort estivo di lusso della città. Convertito decenni fa in un imponente hotel, che è servito come punto d'incontro per el Biarritz Contest of Elegance tenutosi il 17, 18 e 19 settembre. Indubbiamente una dichiarazione d'intenti di ciò che questo concorso vuole essere, che spera di poter presto affiancare ad altri come Villa D'Este o Peeble Beach.

CONCORSO INTERNAZIONALE DI ELEGANZA DI BIARRITZ. L'ETÀ DELL'ARGENTO

Comunemente conosciuta come Silver Age è quella che mira non solo a continuare, ma anche a emulare una precedente chiaramente di successo. Definizione in cui questo Concorso d'Eleganza di Biarritz può ben rientrare. Dato che Ci viene presentato come la riedizione di quello celebrato dal 1929 al 1958. Concorso in cui buona parte dell'alta società del momento - stilisti e couturier compresi - si è radunata attorno a una panoplia di automobili imponenti che, decenni dopo, sono diventate dei classici degni delle migliori competizioni internazionali.

Lega a cui vuoi avvicinarti Auto d'epoca basche. Organizzatore dell'evento di Biarritz, in cui ha optato per il massimo livello possibile in un ambiente con evidenti reminiscenze dell'età d'oro di questa città termale. Un luogo che offre lo sfondo ideale per sfoggiare questi classici. Compreso abbiamo trovato più di settanta esemplari di altissimo livello, di cui sedici pre-1940. Categoria che non può mancare in un concorso di eleganza che pretende di essere un punto di riferimento, visto che qui si trovano molte delle vetture più affascinanti ed esclusive della storia.

Stato di conservazione radioso

Un fatto testimoniato da modelli come l'Isotta Fraschini Type 8A telaio nº843 del 1925. Davvero sensazionale. A maggior ragione se teniamo conto che questa unità non ha mai ricevuto un restauro completo. Fatto che ci racconta la qualità del modello, che è stato concepito come un "Rolls Royce italiana" in grado di aggiungere un conto ancora più alto di un Duesenberg J. Tuttavia, per tutti coloro che preferiscono il canone britannico Rolls-Royce è stato rappresentato al Biarritz Contest of Elegance con tre unità. Trio in cui spicca un esemplare strettamente legato all'età d'oro di questa manifestazione: il Rolls-Royce Phantom II S Coupe Continental vincitrice dell'ultima competizione della prima era.

I GRANDI MODELLI PRE-GUERRA. ELEGANZA CLASSICA

Attualmente depositato nel Museo della Torre di Loizaga, la Phantom II S Coupe Continental del 1932, carrozzata dall'australiana Martin & King, è una delle Rolls-Royce più sorprendenti tra tutte quelle conservate in Spagna. Vincitore dell'edizione corrispondente al 1958 -ultimo del primo periodo-, questo modello era il collegamento tra passato e futuro a Biarritz. Un esemplare che è già noto agli appassionati grazie alla sua presenza a Classic Auto Madrid o Rétromobile Paris. Campioni dove è servito a valorizzare la storia dei Continentali, pensati da Henry Royce come modelli più adatti alle strade del continente europeo che a quelle dell'isola britannica.

Spettacolare Rolls Continental vincitrice dell'edizione 1958

Un carattere che può essere visto nel suo telaio più corto su cui sono montate molle a balestra più dure. Specifiche che rendono il Phantom Continental un veicolo con una migliore risposta alle alte velocità. Proprio quello che un pilota britannico potrebbe provare sui lunghi rettilinei francesi piuttosto che sulla lentezza dei vicoli tortuosi dell'Inghilterra rurale. Inoltre, con la Continental Rolls-Royce ha voluto puntare su una clientela con certe arie sportive. Aspirava a guidare la sua auto a passo svelto invece di guidare sul sedile posteriore di un modello a telaio lungo guidato da un autista tranquillo ed esperto.

In trasferta per la Francia si sono distinti anche due Delage. Soprattutto la D6 11S del 1933. Una splendida decappottabile color crema sormontata da un ornamento del cofano sopra la griglia in vetro Art Déco. Molto rappresentativo dei tempi d'oro a Biarritz prima della seconda guerra mondiale.

Inoltre, il Museo de la Torre Loizaga trasportava anche un Hispano-Suiza K6 del 1936. Uno dei modelli più interessanti dell'intero Biarritz Contest of Elegance, che corrisponde già alla Hispano-Suiza prodotta nello stabilimento parigino di Bois Columbes.

La sua carrozzeria senza montante centrale firmata dall'officina VanVooren può sembrare una coupé. Anche se in realtà nasconde quattro porte con quelle posteriori in apertura suicida. Un'opera geniale ed elegante, sotto la quale si nasconde un motore a sei cilindri da 140CV. Solo venti al di sotto di quelli consegnati dal Bugatti Type 57C Cabriolet del 1939 co-vincitrice del Concorso d'Eleganza di Biarritz. Un modello che, nonostante la sua estetica aristocratica, ha il telaio della versione C ideata nel 1937 come variante da corsa della Type57.

Bugatti Type 57C co-vincitrice del concorso

ANNI 50 E 60. IL PIU' NUTRIENTE DEL CONCORSO

Ancora assorbiti dai grandi classici dell'anteguerra - purtroppo scarsi nelle mostre e negli eventi convocati nella Penisola Iberica - si passa a chiosare i modelli degli anni Cinquanta e Sessanta. La stragrande maggioranza in questo Biarritz Contest of Elegance, dove spicca anche nel nome la Cadillac Eldorado Biarritz del 1959. Ed è che, dalla seconda generazione di quello che è forse il modello più iconico degli anni Cinquanta negli Stati Uniti, la versione convertibile prende il nome dalla città francese. Curioso tributo transoceanico, a maggior ragione quando la versione hardtop ricevette il soprannome di Seville.

Cadillac Eldorado Biarritz

Al di là di questa connessione atlantica, la verità è che a parte un AC Cobra e una BMW 507, tutti i modelli di questi decenni erano europei. E quello Lo affermiamo per dare qualche ragione a chi considera questi ultimi due modelli tanto americani quanto creazioni europee.. O vice versa. Nel caso dell'AC Cobra a causa del telaio britannico. E nella 507 perché, pur essendo una BMW, è comunque una creazione ispirata all'importatore newyorkese Max Hoffman. Desideroso di una roadster leggera da vendere ai californiani desiderosi di stile europeo.

BMW 507

Un filo che continua anche nel nome della Talbot-Lago T14 America Coupé del 1957 con motore BMW V8. Ultimo modello della casa francese, di cui sono stati prodotti solo 12 o 14 esemplari come epilogo ai 40 della Talbot-Lago Sport da cui deriva. Una vera rarità di quelle che conferma l'altitudine delle mire per questa nuova tappa del Biarritz Contest of Elegance. Portando modelli molto specifici in grado di superare il mezzo milione di euro nelle aste organizzate da Bonhams.

Tlabot Lago T14 America Coupé

A livello più personale, da tifosi Lancia è stato interessante vedere due Aurelia molto diverse tra loro. La più famosa e vera pietra miliare Pininfarina B24 cabriolet ma, soprattutto, la precedente e molto meno conosciuta B50. Indubbiamente molto più ruvida nelle sue linee, ma davvero interessante per chi è concentrato sulla cattura delle rarità dalla casa di Vincenzo Lancia.

Un buon livello seguito da rarità come l'Abarth-Simca 130S. Un piccolo modello da corsa dove si incontrano il meglio della tradizione automobilistica italiana e francese, di cui RM Sotheby's mette all'asta l'unità 0091 all'interno della collezione Guikas.

Un altro classico evento molto vicino alla penisola iberica, sulla costa meridionale della Francia, di cui saremo molto consapevoli a novembre grazie alla sua profusione di veicoli da competizione. Tuttavia, prima di accelerare verso altre destinazioni, continueremo a descrivere il Biarritz Contest of Elegance con il quale per molti è stata una delusione. Stiamo parlando della Pegaso Z-103. Successore del mitico Z-102 e che, nonostante fosse pubblicizzato come modello del 1958, in realtà è una replica realizzata nel 1991. Come sempre accade quando si parla dei Pegaso, la loro esatta storia dà luogo a molti e accesi dibattiti.

Tuttavia, in termini generali e chiarificatori, si può affermare che è stato completato solo uno dei veicoli da costruire sugli unici tre telai Z-103. Naturalmente per il 1991 IVECO - erede dell'attività di Pegaso - ha autorizzato la costruzione di circa dodici repliche. Repliche che, per aggiungere un po' più di mistero se possibile a tutto ciò che riguarda queste vetture, non hanno un numero preciso di esemplari costruiti. In ogni caso, sappiamo che il modello esposto a Biarritz appartiene a questa saga di repliche. Qualcosa che, per quanto ben ricreato sia il corpo, può essere visto semplicemente aprendo il cofano. Comunque molto interessante.

PRESENZA DI MODELLI FERRARI BEN SELEZIONATI

Ovviamente, qualsiasi gara con la pretesa di essere prestigiosa a livello internazionale deve avere una certa quantità di cavallini. Qualcosa che sembrano aver capito molto bene al Biarritz Contest of Elegance, dal momento che non sono stati esposti solo 12 modelli Ferrari. Ma tra di loro esemplari così rari da vedere a sud dei Pirenei sono stati visti come una Ferrari California Spyder. Co-vincitore del concorso insieme alla Bugatti Type 57C. Modello che ha capito la miscela di potenza ed eleganza, che è stato accompagnato da altre due 250 GT Cabriolet. Uno della serie 1 e un altro della 2.

Inoltre, si potevano vedere anche una 275 GTB, una F40 - l'auto più moderna del concorso - e persino una 288 GTO del 1985. Buona selezione tra cui troviamo anche due Dinos. Andiamo avanti che, anche non avendo un potente V12, li consideriamo Ferrari con dispiacere di alcuni puristi. Una 246 e una 308GT4, l'unico modello prodotto in serie dalla casa italiana disegnata da Bertone.

F40 e 288 GTO

Un 2 + 2 proprio come il Lamborghini Espada, di cui c'era un'unità del 1971. L'unica Lamborghini di questo Concorso d'Eleganza di Biarritz, un perfetto accompagnamento a modelli così interessanti come la Iso Grifo Serie 2 o una DeTomaso Mangusta. Uno dei progetti più interessanti di Giorgetto Giugiaro. Che ha definito questa vettura sportiva progettata per il mercato americano da un argentino emigrato in Italia prima dei trent'anni. Un altro di quegli esercizi di stile - impossibile dimenticare l'apertura dei finestrini posteriori - molto raro da vedere ma presente questa volta a Biarritz.

A TEMA DI EPILOGO: MOTO E UNA E-TYPE MOLTO ORIGINALE

Come stiamo vedendo, il Biarritz Contest of Elegance 2021 è stato un buon rilancio dopo lo stop registrato dal 1958. A prova di ciò non è solo l'ambiente o la selezione dei modelli -esposti senza nastro adesivo attorno, affidandosi completamente al rispetto degli appassionati-, ma anche che vorrebbe fare una categoria di motociclette. Ottima idea che alla fine non si è potuta realizzare a causa dei pochi iscritti. Ma quella nei prossimi anni sarà sicuramente la più interessante. Soprattutto se teniamo conto di quanto poco ma di buono si sia visto quel 2021. In tal senso segnaliamo un indiano con sidecar. Ma soprattutto la BMW restaurata da Natxo Barral. Uno specialista basco in moto BMW che seguiremo da vicino d'ora in poi.

Per quanto riguarda altri tipi di lavori sulla carrozzeria dei veicoli classici, l'intervento dell'artista è stato molto curioso Anna Monde. Specialista nella tecnica del collage, il suo lavoro consisteva nel ricoprire una Jaguar E-Type Serie II del 1969 degli anni 'XNUMX con una moltitudine di ritagli relativi agli anni 'XNUMX, qualcosa che per molti è controverso a causa dei danni che può causare all'auto originale dipingere. , ma cosa? senza dubbio è un suggestivo e curioso omaggio ai sessant'anni di questa sportiva inglese. Forse il design britannico più elegante fino ad oggi, che quindi non poteva mancare a Biarritz.

Un appuntamento che sembra essere tornato per restare e al quale vi consigliamo di andare nei prossimi anni. Alla fine, questa città sulla costa francese dista solo una quarantina di chilometri da San Sebastián. Accessibile almeno per chi abita nella parte settentrionale della Penisola, ma anche per tutti coloro che sono disposti a fare un viaggio per incontrare classici impossibili da vedere in altri appuntamenti più vicini.

Cosa ne pensi?

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

52.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.3kSeguaci