noleggio auto d'epoca madrid
in ,

Cosa fare un weekend con una Pagoda?

TESTO E FOTO MERCEDES PAGODA: JAVIER ROMAGOSA

Vuoi leggere questo articolo in inglese? Clicca qui.

La Spagna è un Paese ricco di paesaggi di grande bellezza, complessi monumentali di assoluto rilievo, la migliore gastronomia e, cosa fondamentale per gli appassionati di benzina, strade da sogno. Spesso è possibile programmare viaggi di fine settimana per fuggire, anche per poco tempo, dallo stress del mondo postmoderno. Anche ora, grazie alla società di Madrid Spagna in due posti (STS), è anche possibile fuga in una classica auto a noleggio e con un percorso organizzato.

Questo è esattamente ciò che abbiamo fatto nella sua Mercedes Pagoda, percorrendo un itinerario calcolato per tre giorni tra le province di Madrid, Segovia e Guadalajara. Innanzitutto dobbiamo dire che è stato difficile scegliere la nostra cavalcatura tra le classiche auto a noleggio disponibili; un'Alfa Romeo Duetto o una Morgan Plus 4 Non ci hanno reso le cose facili, ma alla fine ci siamo arresi al fascino del modello di punta, erede della favolosa 300SL degli anni '50.

Quindi andiamo lì, allacciate le cinture di sicurezza. Siamo nel garage STS a Guadarrama dove, di prima mattina, venerdì, il suo gentile staff ci consegna una 250 SL verde bottiglia con interni beige. Sembra davvero stupendo e non vediamo l'ora di guidarla, così, con i dovuti saluti, siamo scappati sulla strada secondaria più vicina. La sensazione di solidità, frutto della tradizionale qualità costruttiva Mercedes, si avverte fin dai primi metri del percorso.

noleggio auto d'epoca madrid

Mercedes Pagoda: sportività nascosta

Lasciamo Madrid attraversando il Puerto de Navacerrada verso La Granja de San Ildefonso, un vero e proprio sito di rara bellezza che visiteremo per primo. Per fare ciò, prendiamo le strade M-614 e, successivamente, M-601. I primi chilometri ci aiutano a diventare la nostra decappottabile, che si sente sempre bassa, grande, pesante e potente. Acceleriamo, il sound del 6 cilindri in linea con albero a camme in testa, un prodigio di progressività, è una delizia.

Fin dall'inizio ti accorgi che questa non è una vettura agile: non ama le asperità oi trasferimenti di peso veloci, almeno con le sospensioni standard. Tuttavia, una volta verificato questo, e se guidiamo con finezza, la stabilità della Pagoda è sorprendente; volendo, anche in curva, è in grado di mantenere allegre velocità di crociera. Ed è quella casta che si addice al levriero

Foto: luiyo / Dick o'brien

È tra le pinete del porto di Navacerrada dove, tenendo saldamente il volante -o meglio il timone-, la magia del viaggio ci circonda. Con passo tranquillo, ma pur godendo dei bivi che si susseguono a sinistra ea destra e che non pongono problemi grazie agli ottimi freni, ci avviciniamo alla nostra meta. A La Granja abbiamo parcheggiato; tettuccio e finestrini alzati e chiudendo entrambe le porte della nostra nuovissima auto d'epoca a noleggio.

Allunghiamo le gambe...

La Granja, anche i re vanno in vacanza

Storica residenza estiva della monarchia spagnola, la Granja de San Ildefonso è cresciuta dal suo palazzo reale fino a diventare un comune di chiara influenza francese e italiana. Oltre al loro strade e giardini incantevoli, Da circa 300 anni è sede di un'imponente vetreria, oggi trasformata in museo. Grazie a tutto questo, La Granja è un ago in un pagliaio che, insieme ad altri paesini simili come San Lorenzo de El Escorial, non dovrebbe mancare.

Foto: Sergio Romagosa

noleggio auto d'epoca madrid
Sulla strada, la Pagoda si sente grande, bassa, pesante e potente

Con il passare delle ore, guidando e camminando tra le graziose architetture, i nostri appetiti stanno stuzzicando. È tempo di visitare una steakhouse e ordinare un agnello, un maialino da latte o un capretto; siamo nelle montagne castigliane e i commensali non se ne pentiranno. Fatto questo, e dopo aver camminato qualche minuto per far riposare il cibo, torniamo in carreggiata. Giriamo la chiave di accensione della Pagoda, che inizia sempre la prima volta, e ci dirigiamo lungo la strada CL-601 verso Segovia, dove intendiamo trascorrere il pomeriggio e pernottare.

Segovia: miscuglio di civiltà

Che dire di Segovia? Insediamento millenario dichiarato Patrimonio dell'Umanità dall'Unesco, è un perfetto esempio del capoluogo della provincia castigliano-leonese con numerosi esempi di architettura romanica e gotica. Il più emblematico di questa città è il tremendo Acquedotto romano di quasi 800 metri di lunghezza che attraversa una delle sue piazze centrali; quasi 2.000 anni di storia che si accompagnano agli altri due grandi monumenti del centro storico, ovvero la cattedrale gotica e la fortezza a cui potrebbe essersi ispirato Disney per costruire il suo castello di fantasia.

Dopo aver esplorato Segovia, siamo arrivati ​​stanchi alla fine del primo giorno di viaggio, che possiamo considerare proprio come un giorno monumentale. Dopo la consueta cena, e se non l'abbiamo ancora fatto, ci rechiamo nell'affascinante hotel che abbiamo prenotato in anticipo e nel quale vi consigliamo di affittare servizio di parcheggio. Alla fine della giornata siamo in una classica auto a noleggio e non sarebbe bello se dormivo per strada.

Foto: David Corral Gadea / Santiago López-Pastor

noleggio auto d'epoca madrid
La 250SL è una bellissima GT sportiva tedesca

Dopo una buona notte di sonno, la sveglia suona alle 8:30: siamo in vacanza, ma ci sono ancora tanti chilometri davanti e, soprattutto, tanto da vedere. Tornati a bordo della nostra bella decappottabile, abbiamo iniziato il secondo giorno di viaggio, un sabato dedicato all'ignoto. Entriamo nella Serranía de Guadalajara, un territorio che collega le montagne del sistema centrale e iberico ed è costellato di luoghi naturali di alto valore ecologico - culla dei fiumi Henares e Jarama -, architettura romanica, strade per il vecchio stile via e un gioiello medievale e rinascimentale noto come Sigüenza.

Il nostro piccolo amico verde È pronto a fare del suo meglio sulla N-110, a cui accediamo non appena lasciamo Segovia. Questa è un'autostrada nazionale con più movimento di quelle che abbiamo percorso finora, che ci aiuterà a testare i benefici della Pagoda in questo tipo di traffico. Lasciando le montagne a destra, acceleriamo a 100-120 km/h per attraversare i successivi rettilinei. La 250 SL è dotata di cambio manuale a 4 marce (la ZF a 5 marce è Avviso raro), quindi non vogliamo bruciarlo andando più veloce; d'altra parte, grazie a questa circostanza, nel sorpasso multiplo che abbiamo l'opportunità di fare, la Mercedes esce come un razzo.

L'ignota Serranía de Guadalajara

Passeggiando o schivando le auto, come preferisci, sulla strada per Soria, arriviamo alla città di Riaza. Lì deviamo per prendere la SG-V-1111, con l'obiettivo di raggiungere la SG-145 a Santibáñez de Ayllón e scendere. Entrambi sono modi il cui asfalto rattoppato ci ricorderà sospettosamente le strade di campagna di un tempo. D'ora in poi, ci limitiamo a sdraiarci sui divani della Pagoda ea lasciare agire la sua efficace sospensione mentre ci godiamo, a bassa velocità, un paesaggio punteggiato di lecci, pini e ginestre.

La Serranía de Guadalajara è una delle zone con la più bassa densità abitativa della Spagna, quindi guidiamo persi nella vastità fino a quando, di tanto in tanto, ci imbattiamo in qualche paese di adobe che culmina in una bella chiesa romanica. Sono i casi, anch'essi di notevole importanza, a Campisábalos e ad Albendiego.

Più avanti si trova il borgo medievale di Atienza, coronato dal suo castello. Questa regione era importante durante il periodo della predominanza tessile castigliana, quando le greggi di pecore del Consiglio della Mesta percorrevano le sue strade. Da allora, è in calo fino a quando diventare un mistero a circa 150 chilometri da Madrid; un mistero che ospita non solo le attrazioni descritte, ma anche ampi boschi di querce, faggete e ardesie nella sua zona occidentale, nella parte conosciuta come Sierra de Ayllón.

Foto: Rowanwindwistler / Sonsaz / I luoghi dimenticati / Xuanxu / Sergio Romagosago

noleggio auto d'epoca madrid
Questa Mercedes combina il comfort della 190 SL e la tecnologia e l'artiglio della 300 SL

Sigüenza, splendore religioso

Ormai sabato il nostro appetito è stato stuzzicato di nuovo, E quale modo migliore di fermarsi se non Imón, paese di Salinas -altra delle tradizionali fonti di reddito della regione-, per mangiare al ristorante 'La cabina'. Se non l'abbiamo ancora fatto, è sicuramente il momento di regalarsi una grigliata; In caso contrario, qualsiasi piatto che ordiniamo sarà all'altezza delle aspettative e ad un prezzo molto buono. Consigliamo vivamente la sosta.

Da qui, la strada è libera per Sigüenza, la capitale della Serrania. Prospero durante il periodo della Hispania romanizzata perché era a metà della strada che collegava Mérida e Saragozza, dopo la caduta dell'impero divenne un centro religioso di prim'ordine amministrato da un vescovo. Durante la dominazione musulmana perse importanza a favore della vicina Medinaceli, e nel 1123/4 fu riconquistata dai cristiani, che si dedicarono alla restituzione del prelato regnante, alla costruzione di una sontuosa cattedrale e al rifacimento della cittadella.

Foto: Malaya / Santiago López-Pastor / quasipodo / Sergio Romagosago

Il fatto di essere stato un centro religioso di prim'ordine ha lasciato un segno indelebile nella cultura, nell'economia e nell'arte di Sigüenza. Lo zenit della tua ricchezza Avviene nel XV secolo, quando il famoso cardinale Mendoza, uomo colto, guerriero e molto influente, ingrandì il suo centro storico grazie alla decima delle saline.

L'eredità dell'importanza di Sigüenza è giunta fino ai giorni nostri, sotto forma di una città medievale perfettamente conservata dai toni del marrone e dell'ocra che vale la pena visitare. Chi lo direbbe? In realtà, molti dei piccoli angoli della Castiglia hanno grandi storie da raccontare. Dopo aver visitato la città, forse queste congetture ci aiuteranno ad addormentarci nell'albergo prescelto, soprattutto se abbiamo la fortuna di avere una prenotazione al parador nazionale.

Foto: Cruccone / Jose Ibáñez / J. Ibáñez / Diego Delso / D. Delso / Randi Hausken / Tamorlan

noleggio auto d'epoca madrid
Dato che avevamo un classico, e ce lo avevano consigliato, ci siamo iscritti all'incontro di Sigüenza

Un altro vantaggio di viaggiare in una classica auto a noleggio

La sveglia suona di nuovo presto... Wow, è già domenica! Dopo il tute che abbiamo bloccato nei giorni precedenti, cosa ne pensi se ci rilassiamo un po' e ci godiamo il nostro hobby? Accade che oggi l'annuale raduno di veicoli d'epoca organizzato dal Sigüenza Classics Club. Ovviamente, e visto che abbiamo una bellissima 250SL, ci siamo iscritti per partecipare e divertirci, come sempre, in famiglia.

L'auto viene accolta con sguardi ammirati. 'Che carino! Anche se non mi piace la Mercedes, questa sì', Di solito è la frase più ripetuta tra gli appassionati. La Pagoda provoca sempre lo stesso effetto, e cioè che il linee disegnate da Paul Bracq Sono davvero irresistibili: in questa macchina tutto è nella giusta misura; è elegante ma non pretenzioso, sportivo ma non intimidatorio, con una sfumatura uniforme di finezza. È uno di quei chiari esempi in cui arte e motorsport sono intimamente legati.

Foto: Sigüenza Classics Club

Brihuega: Nei minuti di recupero

Dopo aver trascorso la mattinata con gli amici, abbiamo pranzato e lasciato Sigüenza lungo la strada-belvedere GU-118, che attraversa il Parco Naturale Barranco del Río Dulce verso l'autostrada A-2. Alla fine della giornata stiamo andando in un turismo tedesco e siamo curiosi di provarlo nel autostrada. Una volta incorporati, manteniamo velocità sostenute di 110-130 senza alcun problema.

Siamo già in periodo di sconto ma, se avessimo la fortuna di percorrere la strada anodina per Saragozza ad agosto, potremmo voler visitare i campi di lavanda di Brihuega al chilometro 83. È della Provenza spagnola, che è anche in un luogo del tutto inaspettato.

Foto: Manyez

noleggio auto d'epoca madrid

Sfortunatamente, è giugno, quindi mentre ci abituiamo all'idea che prima o poi questo pomeriggio dovremo restituire la Mercedes, continuiamo ad avanzare attraverso la cintura nera. L'obiettivo è raggiungere la tangenziale M-40, già a Madrid, quindi svoltare a destra e proseguire sulla strada Colmenar Viejo o M-607, che si occuperà di portarci attraverso le curve di separazione via Cerceda, Becerril de la Sierra, Collado Mediano e, infine, Guadarrama. addio pagoda!

* Ringraziamo STS l'affidamento del noleggio Mercedes 250SL per la realizzazione della presente relazione. Consigliamo l'esperienza a tutti i nostri lettori, soprattutto attraverso i percorsi turistici consigliati dall'azienda stessa. È un modo eccellente per provare alcuni dei migliori classici della storia mentre ti godi una giornata - o più - indimenticabile. Infine, diremo che sia la Pagoda che il resto della flotta sono disponibili per eventi e celebrazioni come le riprese di un film o un matrimonio, tra gli altri.

Cosa ne pensi?

Javier Romagosa

scritto da Javier Romagosa

Mi chiamo Javier Romagosa. Mio padre è sempre stato appassionato di veicoli storici e io ho ereditato il suo hobby, crescendo tra auto e moto d'epoca. Ho studiato giornalismo e continuo a farlo perché voglio diventare professore universitario e cambiare il mondo... Scopri di più

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

49.9kFan
1.6kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci