il giro del mondo in Citroën 2cv
in

'Naranjito y Yo': il giro del mondo in 2CV

Questo 2019 sarà un anno molto speciale per Citroën grazie al suo primo centenario. Un secolo in cui il marchio francese ha saputo creare auto utili per l'uso quotidiano. Proprio per questo È impressionante vedere una 2CV coinvolta in qualcosa di così grandioso come fare il giro del mondo. Ma pensiamo, dopotutto, questo non richiede un'auto robusta e facile da riparare? Visto così, iniziamo a capire perché questo modello popolare ha una grande razza itinerante.

Negli anni '50, due francesi -Baudot e Seguela- iniziarono a intraprendere un'avventura sul retro di una 2CV. Il suo giro del mondo includeva l'attraversamento dell'Africa e la copertura di 100.000 chilometri. Tuttavia, la sua storia non si è fermata qui. Attratti dagli echi di questi due intrepidi galiziani Jorge Sierra pensava che anche il suo destino stesse andando "In qualsiasi altro posto".

Ed è così che libro di recente pubblicazione di Barrett dove possiamo trovare la prima parte del suo viaggio nel mondo. Un intero diario di viaggio dove si alternano problemi al tubo di scappamento, percorsi scortati da un AK-47 e accuse di spionaggio al servizio del West. Una narrazione vibrante, ben risolta e necessaria per chiunque stia pianificando un fantastico viaggio nella propria auto d'epoca.

il giro del mondo in ctroen 2cv

Inoltre, non solo puoi leggere Jorge. Il suo viaggio è stato catturato in a serie di video titolati "Naranjito ed io" grazie al quale immaginiamo questo avventuriero del XNUMX° secolo. Un pilota intrepido che ha continuato a recitare in nuovi format audiovisivi con il viaggio in macchina come protagonista. Ma ehi, è meglio che ci spieghi alcuni di questi punti, giusto?

Il giro del mondo in 2CV: intervista a Jorge Sierra

Dato che questa è una rivista per gli appassionati del motore classico, capirai che chiediamo prima di Naranjito che di te. Ancora con te?

In effetti, Naranjito è ancora con me. Sta riposando nel garage della casa di mia madre a La Coruña. Sicuramente sognando un nuovo viaggio attraverso un territorio sconosciuto. Onestamente, penso che sia un "oggetto" troppo prezioso dal punto di vista emotivo di cui liberarsi. Non ho potuto farlo. È una parte importante della mia vita. Al suo fianco ho vissuto una delle tappe più belle della mia vita, quindi spero che passi di generazione in generazione e anche che viaggiare con lui diventi una tradizione nella mia futura famiglia.

Guardando alla tua storia di resistenza con Naranjito, vengono in mente le parole di Pierre Boulanger quando incaricò Bertoni di progettare un'auto "per trasportare un uomo, un sacco di patate e un vassoio di uova per la campagna". E l'affidabilità di una 2CV? Perché hai scelto questa vettura per un progetto così ambizioso?

È sicuramente un'ottima macchina "fuoristrada". Per me è stata una bella sorpresa, visto che l'ho scelto d'impulso, direi quasi irresponsabile, dopo aver letto "Le Terre en Rond". Il libro dove J. Seguela e J. Baudot raccontano le loro avventure e disavventure in giro per il mondo in 2cv, negli anni 50. Un libro che, nonostante mi sembri un po' ruvido e lento, mi ha emozionato come nessun altro, soprattutto per quel fantastico rapporto che i francesi descrivevano tra il loro veicolo e le centinaia di sconosciuti che si trovavano sul suo cammino, in ogni angolo del mondo.

Nel mio caso, come è successo a loro, Naranjito è diventato il partner perfetto. Non solo perché sono stato accolto con un sorriso in ogni luogo in cui sono arrivato, ma anche perché ogni volta che ho avuto un guasto, mi ha dato l'opportunità di entrare in intimità con un nuovo meccanico e conoscere un nuovo posto di cui non avevo mai sentito parlare Prima. Insomma, è un'auto lenta, rumorosa e molto capricciosa, ma ti insegna che se abbiamo il tempo che ci piace, il mondo non è troppo grande per godercelo.

Molti amici e altri momenti difficili

Fare il giro del mondo in un'auto d'epoca mostra il coraggio. Nel libro vediamo come si esce da tutti i problemi meccanici ma… Qual è stato il momento più difficile sotto ogni punto di vista?

Senza dubbio, il mio momento peggiore è stato l'arresto in Iran. Lì mi hanno arrestato, accusato di spionaggio e mi hanno mostrato quanto può essere vulnerabile un essere umano quando è privato della libertà. È stato traumatico vedere così tanti feriti per le strade della città, la violenza e, naturalmente, anche essere consapevole che senza mangiarlo o berlo, stavo affrontando la pena di morte. Quando ho capito che tutto era stato spaventato, quando mi hanno restituito il passaporto e mi hanno invitato a lasciare il paese, ho lasciato la stazione di polizia e ho cominciato a vomitare come una matta. Ero sopraffatto dagli eventi. È la verità.

citroen 2cv nel mondo

Leggendo il tuo libro, ci siamo imbattuti in fan di 2CV dall'Australia alla Malesia, famiglia reale inclusa. Raccontaci com'è guidare una leggenda del motorsport. Hai notato questo affetto per la modella anche nei luoghi più inaspettati?

Come ho detto prima, Naranjito si è rivelato il compagno di viaggio perfetto. Non solo era la mia simpatica e umile lettera di presentazione agli sconosciuti, ma aveva anche amici e "fratelli" ovunque. Quando il mio viaggio è diventato noto, decine di club internazionali di 2cv hanno iniziato a scrivermi per invitarmi a trascorrere qualche giorno in loro compagnia. È stato incredibile! Anche numerosi concessionari Citroën nel mondo hanno deciso di fare sinergie con me. Hanno approfittato del nostro viaggio davanti alla stampa e abbiamo ottenuto riparazioni e pezzi di ricambio gratuiti.

A tutti i lettori che hanno l'idea di intraprendere un'avventura di settimane nel loro classico ... Cosa diresti su come preparare la loro auto per questo?

Beh, direi che preparare l'auto è il minimo. La cosa più importante è convincersi che è quello che vuoi fare, e provarlo con tutta la voglia del mondo. Inoltre, meno l'auto è preparata, più guasti avranno e, quindi, più amicizie si faranno sulla strada. Alla fine, tutto ciò di cui abbiamo bisogno è abbastanza tempo per risolvere i problemi che sorgono lungo la strada. Detto questo, per dire che le uniche migliorie che ho fatto al Naranjito sono state il cambio dei sedili (temevo di non avere il collo protetto in caso di incidente), il rinforzo del telaio, la saldatura di una cassaforte dove tenere soldi e pezzi di ricambio e l'aggiunta di un prolunga al baule per cucinare e conservare cibi e utensili.

citroen 2cv nel mondo

L'hai letto lì. Piuttosto un surfista di idropneumatica che speriamo di rivedere sulla schiena di Naranjito a dimostrazione del carattere di questo mitico modello. Saremo attenti all'uscita del secondo volume - anche se ci facciamo già un'idea sfogliando il suo taccuino di viaggio online- e su resto della tua produzione audiovisiva. Una storia più che interessante per tutti coloro che stanno pianificando un viaggio in un'auto d'epoca.

In effetti sembra che l'esempio continui. Recentemente queste due ragazze hanno intrapreso un lungo viaggio sul retro di una 2CV celeste. Se anche tu hai questo modello, e tenendo conto che il centenario di Citroën questo 2019 è dato per celebrare ... Non ottieni l'insetto per colpire la strada?

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.6kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.2kSeguaci