in

30 anni dalla vittoria di Carlos Sainz con la Toyota: lo sbarco giapponese

FOTO CARLOS SAINZ / LUIS MOYA E TOYOTA CELICA: TOYOTA

Le relazioni tra Spagna e Giappone non sono sempre state lisce. Per secoli, il Paese del Sol Levante è stato un enigma aperto, per breve tempo, solo dal Ambasciata di Keicho. Una missione diplomatica con l'obiettivo di rafforzare i legami commerciali tra l'arcipelago e le colonie spagnole all'inizio del XVII secolo. Sebbene alcuni dei suoi membri rimasero vicino a Siviglia, dando origine al cognome Japan, la verità è che, presto, l'intransigenza religiosa ha chiuso il paese asiatico a qualsiasi influenza straniera.

Così, il Giappone ha dormito per secoli il sogno del feudalesimo fino a quando nel 1868 i rapporti tra i due paesi ripresero a fluire. Fu in quell'anno che un trattato di commercio e navigazione aprì le frontiere alla conoscenza reciproca. Una conoscenza che arriva ai nostri giorni sotto forma di un intenso scambio commerciale, turistico e culturale. Tuttavia, al di là di tutto questo, c'è un'altra pietra miliare notevole in questa storia.

carlos sainz toyota 30° anniversario

E sì, ha a che fare con il motore. Né più né meno del primo Mondiale Rally per Toyota, che fu anche il primo per la coppia formata da Carlos Sainz e Luis Moya. Un binomio di una squadra giapponese e un pilota spagnolo che nel 1990 ha vinto il Campionato Piloti. E, sebbene la progressione fatta dalla Toyota Celica sia stata davvero impressionante, la verità è che Lancia ha dominato il titolo costruttori dal 1987 al 1992.

carlos sainz toyota 30° anniversario

TOYOTA CELICA GT-FOUR: IL MONTE DI CARLOS SAINZ E LUIS MOYA

Fino all'arrivo di Toyota al Mondiale Rally, questa è stata una prova definita dalle montature europee. Un regno caratterizzato da armi come il Lancia Stratos, la FIAT 131 Abarth o la Audi Quattro. Con tali avversari, Toyota non avrebbe avuto nulla di facile per ottenere la vittoria. così Hanno preparato un lungo sviluppo tecnologico utilizzando come base la quarta generazione della Celica, da cui estrassero nel 1986 una versione con trazione integrale denominata GT-Four ST165.

Nelle versioni stradali, l'evoluzione del motore montato sulla Toyota Celica GT è salita a 150CV. Tuttavia, le unità stradali GT-Four hanno ricevuto aggiornamenti come un turbo proveniente dalla Supra che ha aumentato le prestazioni di questo blocco da 190 litri a 2 CV. Tutto questo obbligato a rinforzare il telaio, oltre che ad incorporare nuove barre stabilizzatrici e molle nello smorzamento con maggior peso e volume. Risultato? Un set dei più duri ma anche con 1350 chili di peso.

Toyota Celica, campionessa nella classica Madrid

Tutto questo collegato a terra grazie a un ripartitore che divideva la trazione per metà e per metà tra asse posteriore e anteriore. Un setting diverso rispetto alle rivali dell'epoca come la Lancia Delta HF 4WD, che erogava il 56% di potenza all'anteriore e il 44% al posteriore. Con tutti questi dati, Il debutto della Toyota Celica GT-Four ST165 risale alla stagione 1989, dove è stato archiviato tutto il necessario per uscire per tutti nella stagione successiva. E così fu, essendo nel 1990 la prima vettura giapponese a raggiungere la vetta del Campionato Mondiale Rally.

TOYOTA CELICA, CARLOS SAINZ E LUIS MOYA: LA SQUADRA VINCENTE

Durante la stagione 1989 Carlos Sainz e il Toyota Team Europe conquistarono tre podi. Un buon prologo all'attuazione di tutto lo sforzo tecnologico sviluppato dai giapponesi, che Si sono fidati di un Carlos Saínz di soli 28 anni per raggiungere la vetta. Un traguardo che volevano raggiungere nella stagione successiva. Di fronte all'esperto Didier Oriol e alla sua imponente Lancia, Sainz e Toyota non hanno avuto cose facili.

fiera delle auto d'epoca
Sainz e Moya hanno vinto la Coppa del Mondo 1990

Tuttavia, la stagione è iniziata con buoni risultati. Podio a Montecarlo, e poi quattro vittorie di fila, tre secondi posti e un terzo. Un percorso ben risolto per vincere il Campionato del Mondo Rally 1990Soprattutto considerando che mancavano ancora tre vittorie. Infatti, solo arrivando terzi al Rally di Sanremo sono riusciti a scalare la vetta.

Almeno nella categoria piloti, una pietra miliare che avrebbero ripetuto nel 1992 con il nuovissimo ST-185. Entrambi i trionfi sono stati immortalati nell'edizione limitata Carlos Sáinz, oggi francamente desiderata. Toyota vinse di nuovo nel 1993 e nel 1994, insieme ai campionati del mondo costruttori.

toyota celica carlos sainz edition

carlos sainz toyota 30° anniversario

Furono questi gli anni che segnarono la fine del regno di Lancia, iniziando un brusco arrivo delle macchine giapponesi JapaneseDato che dopo Toyota è stata la Subaru a vincere consecutivamente nel 1995, 1996 e 1997. Una tripletta asiatica superata dal Campionato Mondiale Costruttori Mitsubishi nel 1998 e dalla riconvalida Toyota nel 1999. Sette anni di fila dominati dai marchi giapponesi! E tutto questo dalla vittoria che questo 2020 compie 30 anni. Ed è che, beh, da quello che sembra le relazioni tra Spagna e Giappone sono iniziate con difficoltà ma... Hanno finito per andare a tutto volume!

Cosa ne pensi?

Miguel Sanchez

scritto da Miguel Sanchez

Attraverso le notizie de La Escudería, percorreremo le tortuose strade di Maranello ascoltando il rombo del V12 italiano; Percorreremo la Route66 alla ricerca della potenza dei grandi motori americani; ci perderemo negli stretti vicoli inglesi seguendo l'eleganza delle loro auto sportive; accelereremo la frenata nelle curve del Rally di Montecarlo e ci sporcheremo anche in un garage recuperando gioielli perduti.

Commenti

Iscriviti alla newsletter

Una volta al mese nella tua posta.

Molte grazie! Non dimenticare di confermare la tua iscrizione tramite l'e-mail che ti abbiamo appena inviato.

Qualcosa è andato storto. Per favore riprova.

50.3kFan
1.7kSeguaci
2.4kSeguaci
3.1kSeguaci